Claudio Pistolesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claudio Pistolesi
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 76 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Dati agonistici
Ritirato 1997
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 77-111
Titoli vinti 1
Miglior ranking 71° (17 agosto 1987)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 2T (1988)
Francia Roland Garros 3T (1989)
Regno Unito Wimbledon 1T (1990, 1991, 1992)
Stati Uniti US Open 2T (1986)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 16-35
Titoli vinti 0
Miglior ranking 213 (17 novembre 1986)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 9 dicembre 2010

Claudio Pistolesi (Roma, 25 agosto 1967) è un ex tennista e allenatore di tennis italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel Torneo di Montecarlo del 1988 sulla terra battuta, proveniente dalle qualificazioni, raggiunse i quarti di finale eliminando, negli ottavi di finale, l'allora numero 2 del mondo Mats Wilander, arrendendosi in semifinale all'argentino Martín Jaite (6-2 6-0) [1].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da allenatore di tennis è cominciata nel 1995 quando è diventato allenatore della statunitense Monica Seles che, sotto la sua guida, ha conquistato un titolo degli Australian Open ed è salita al primo posto del ranking WTA.

Dopo essere stato allenatore di Davide Sanguinetti, dal 2005 al 2009 ha seguito Simone Bolelli. Dalla fine del 2010 ad inizio maggio dell'anno successivo ha allenato lo svedese Robin Söderling, che sotto la sua guida ha conquistato 3 tornei. A fine 2011, dopo aver seguito per un breve periodo il rumeno Marius Copil, viene scelto dalla tennista slovacca Daniela Hantuchová con cui collaborerà per la prima parte della stagione successiva fino agli Australian Open.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Monte-Carlo Rolex Masters 1988
  2. ^ Matteo Rinaldi, Claudio Pistolesi nuovo coach di Daniela Hantuchova, 13-12-2011. URL consultato il 15-12-2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]