Claudio Costa (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Claudio Costa (Tirana, 1942Genova, 1995) è stato un pittore italiano.

Il suo lavoro fu caratterizzato dalla teoria del work in regress: camminare a ritroso verso l'origine dell'uomo attraverso la propria manifestazione artistica.

La sua opera è legata all'ex-ospedale psichiatrico di Quarto dei Mille dove, in collaborazione con lo psichiatra Slavich, organizzò atélier per l'applicazione dell'arte alla terapia psichica.

Al suo nome è stato intitolato il Museattivo Claudio Costa, presso l'ex ospedale psichiatrico di Genova, dove hanno collocazione opere, fra gli altri, di Aurelio Caminati[1] e Giannetto Fieschi.

Il polo museale intitolato a Costa - con la sua raccolta di opere (di artisti professionisti e degli stessi degenti dell'ospedale) ed il metodo di inserimento delle opere, preceduto in molti casi da incontri fra artisti e degenti, con l'applicazione delle tecniche artistiche anche assieme ai degenti e/o gruppi di malati psichici esterni alla struttura di Quarto - è considerato comunemente dai critici come una unica opera dell'artista stesso.

Nel 2009 è stata pubblicata l'inedita raccolta di versi di Claudio Costa Amore e disamore. Poesie 1970-1979 (Il Canneto Editore, Genova).

Per un inventario delle Culture
senzatitolo

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Claudio Costa, Amore e disamore. Poesie 1970-1979, Il Canneto Editore, Genova 2009

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • 1969 - C. Costa, G. Beringheli, T. Trini, C. Morandi , "Claudio Costa " Edizioni Masnata Genova
  • 1969 - C. Costa, M. Maini , " Pallone ", Galleria La Bertesca, Edizioni Masnata Genova
  • 1970 - C. Costa " Una mostra in viaggio con fermata a Olten ", Ed. in proprio
  • 1971 - C. Costa, N. Cagnone, C. Magni Gregotti , "Claudio Costa 1970. Sintomi di un lavoro" Ed. Modern Art Agency Napoli - Edizioni Masnata Genova
  • 1971 - C. Costa , " Evolution Involution ", Ed. Produzentengalerie, Berlino
  • 1971 - "C. Costa e Athos Ongaro ", Edizioni Masnata Genova
  • 1972 - C. Costa , " Evoluzione e Involuzione", Edizioni Masnata Genova.
  • 1974 - C. Costa, E Gazzero , " Due esercizi di antropologia ", Edizioni Nuovi Strumenti, Brescia
  • 1975 - C. Costa, A. Caminati ," Monteghirfo: Museo di Antropologia ", Ed. in proprio
  • 1975 - C. Costa, A. Caminati ," Controprocesso ( rilettura e trascrizione animata di alcuni riti presenti a Monteghirfo)", Ed. in proprio
  • 1976 - C. Costa, A. Caminati , Ed. in proprio
  • 1977 - C. Costa , " Il miele dell'ape d'oro", Galleriaforma, Genova
  • 1977 - C. Costa, A. Paradiso, E. Pedrini , "Situazione antropologica dell'uomo al paesaggio", Edizioni Apollinaire, Milano
  • 1977 - C. Costa , " L'Uomo e l'Oggetto come fenomeni solidali nella struttura del Museo di Antropologia attiva di Monteghirfo 1975-1977", Ed. in proprio
  • 1978 - C. Costa, G. M. Accame , " I giardini pensili di Babilonia ovvero l'ordine rovesciato del vivere ", Edizioni Galleria Fabjbasaglia, Bologna
  • 1978 - C. Costa , "Ovest-Nord-Sud-Est (work in regress) ", Edizioni Assessorato Cultura e Teatro del Comune di Alessandria
  • 1979 - C. Costa, Sarenco , "Work in regress" in Factotum Book, Factotum-art, Padova
  • 1979 - C. Costa , "Materiale e metaforico. Sintomatologie sul work in regress", Edizioni Unimedia di Caterina Gualco, Genova
  • 1980 - C. Costa , " Psicologia e Alchimia ", Edizioni Astrolabio, Roma
  • 1981 - C. Costa , "Sublimato potabile ovvero L'Ineffabile Circolazione dell'Umano", Edizioni Massimo Valsecchi, Milano
  • 1982 - C. Costa , "Tema dichiarato, tema assente ", Galleria del Cavallino, Venezia
  • 1989 - C. Costa, M. Cristaldi , "Cospiratio omnium Signatura Rerum", (Manifesto) Galleria Civica di Portofino
  • 1992 - C. Costa, L. Trucchi, G. Martini, E. Pedrini , " Concerto Barulé ", Edizioni Galleria Martini & Ronchetti, Genova
  • Miriam Cristaldi - Materia Immateriale,identità, mutamenti e ibridazione dell'arte nel nuovo millennio, con prefazione di Gillo Dorfles
  • Miriam Cristaldi - Claudio Costa - Attraverso i quattro elementi

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]