Claude de Longwy de Givry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Claude de Longwy de Givry
cardinale di Santa Romana Chiesa
Longwy de Givry, Claude de.jpg
Incarichi ricoperti Vescovo di Mâcon dal 1510 al 1528
Nato 1481
Creato cardinale 7 novembre 1533 da papa Clemente VII
Deceduto 1561

Claude de Longwy de Givry, detto anche le Cardinal de Givry (Franca Contea, 1481Mussy-sur-Seine, 9 agosto 1561), fu un nobile francese che divenne vescovo e cardinale. Era figlio di Philippe de Longwy, signore di Pagny e di Givry, e di Giovanna di Bauffremont, dama di Mirabeau. Era anche nipote d'Étienne de Longwy, vescovo di Mâcon e parente per parte di madre del cardinale Anne de Pérusse d'Escars de Givry O.S.B..

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Studiò a Mâcon, presso la residenza dello zio vescovo, che successivamente si dimise lasciando al nipote la sede episcopale di Mâcon nel 1510.

Nel 1512 prestò giuramento di fedeltà al re di Francia, ma fece il suo ingresso ufficiale nella sua sede episcopale solo nel 1516, avendo viaggiato a lungo nel periodo intercorrente fra il suo giuramento e l'insediamento a Mâcon, fra Parigi, Milano e Roma.

Nel 1517 divenne abate commendatario dell'abbazia di Santa Croce di Poitiers. Partecipò agli Stati del Mâconnais, di Auxonne e della Borgogna. Nel 1528 venne eletto dal capitolo vescovo di Langres: in tale veste divenne, di diritto, duca di Langres e Pari di Francia.

Nell'autunno del 1532 si recò in Inghilterra, per compiere una missione per conto del re di Francia Francesco I, in relazione alla richiesta di Enrico VIII d'Inghilterra di ottenere il divorzio da Caterina d'Aragona e poter sposare così Anna Bolena.

Nel concistoro del 7 novembre 1533 papa Clemente VII lo nominò cardinale prete con il titolo di Sant'Agnese in Agone. Svolse numerose missioni diplomatiche in Italia, viaggiando spesso fino alla data del suo decesso. Dopo la morte, la sua salma venne inumata nella Cattedrale di San Mamete a Langres.

La vita ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Nonostante l'intensa attività diplomatica e politica, Claude de Longwy de Givry si occupò molto del clero della sua diocesi compiendo di persona numerose visite pastorali. Si dedicò anche alla scrittura di testi liturgici ed ecclesiastici, redigendo breviari, rituali e messali.

Ebbe numerose commende per periodi più o meno lunghi: oltre all'abbazia di Santa Croce di Poitiers, ebbe la commenda della Cattedrale di Saint-Bénigne a Digione, quella del monastero agostiniano di Saint-Étienne, quella dell'abbazia di Braisne nella diocesi di Soissons, quella di Saint-Pierre-sur-Dive, e quella di Fontenay.

Conclavi[modifica | modifica sorgente]

Durante il suo cardinalato ebbero luogo cinque conclavi ma il cardinale de Givry partecipò a solo due di essi:[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gli altri cui non poté partecipare sono:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Mâcon Successore BishopCoA PioM.svg
Etienne de Longwy
1488 - 1510
1510 - 1528 François-Louis Chantereau, O.S.A.
1529 - 1531
Predecessore Vescovo di Langres Successore BishopCoA PioM.svg
Michel Boudet
1512 - 1527
1528 - 1561 Jacques de Hellis
15 ottobre 1563 - ?
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Agnese in Agone Successore CardinalCoA PioM.svg
vacante
dal 1525
1533 - 1561 Pier Francesco Ferrero
1561 - 1566
Predecessore Vescovo di Poitiers Successore BishopCoA PioM.svg
Gabriel de Gramont
1532 - 1534
Amministratore apostolico
1534 - 1551
Jean d'Amoncourt
30 gennaio 1551 - ?
Predecessore Amministratore apostolico di Périgueux Successore BishopCoA PioM.svg
Foucaud de Bonneval
in titulo
1531 - 1540
27 agosto 1540 - 27 agosto 1541 Agostino Trivulzio
1541 - 1548
Predecessore Abate commendatario di Fontenay Successore Abbot.png
Giacomo I de Jacourt
1530 - 1547
1547-1561 Giovanni VIII de La Brosse
1561-1567
Predecessore Vescovo di Amiens Successore BishopCoA PioM.svg
Charles Hemard de Denonville
1538 - 1540
Amministratore apostolico
1540 - 1546
François de Pisseleu
1546 - 1552