Classifica a punti (Giro d'Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Giro d'Italia.

La classifica a punti del Giro d'Italia è una delle classifiche accessorie della corsa a tappe italiana, istituita nel 1966. Consiste in una graduatoria determinata dai piazzamenti dei corridori al traguardo. Il leader della classifica indossa la maglia rossa.

Nelle prime due edizioni della corsa (1909, 1910) il regolamento assegnava la vittoria finale con classifica a punti.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Colori della maglia
  • 1967-1968 Jersey red.svg Maglia rossa
  • 1969-2009 Jersey violet.svg Maglia ciclamino
  • 2010- Jersey red.svg Maglia rossa

La classifica a punti fu introdotta nel 1966, senza che vi fosse associata una maglia, mentre per le due edizioni successive venne assegnata una maglia rossa. Nell'edizione del 1969 venne introdotta la maglia ciclamino, che rimase il simbolo distintivo per quattro decenni. Dall'edizione 2010 vi è stato un ritorno al passato, la maglia ciclamino è sostituita dalla maglia rossa utilizzata nelle prime due edizioni.[1]

La maglia distintiva viene assegnata al termine di ogni tappa al corridore che ha accumulato il maggior numero di punti sul traguardo finale ed in quelli volanti. Al vincitore di ogni tappa vanno 25 punti e via via a scalare in base ai piazzamenti; si considerano anche i traguardi volanti che però assegnano un minor numero di punti. In passato, dal 1989 al 2005, tali traguardi intermedi valevano per la classifica intergiro.

Raramente il vincitore della classifica a punti e quello della classifica generale coincidono: nella storia del Giro l'accoppiata è riuscita a Gianni Motta (1966), Eddy Merckx (1968 e 1973), Giuseppe Saronni (1979 e 1983), Gianni Bugno (1990), Tony Rominger (1995), Gilberto Simoni (2003), Danilo Di Luca (2007), Denis Men'šov (2009) e Michele Scarponi (2011). I plurivincitori della classifica a punti sono Giuseppe Saronni e Francesco Moser, entrambi con quattro vittorie.

Al Tour de France ed alla Vuelta a España vengono assegnate due maglie equivalenti, ma di colore verde.

Albo d'oro[modifica | modifica sorgente]

Anno Corridore Squadra Punti Altre classifiche
1966 Italia Gianni Motta Molteni 228 Generale
Maglia rossa
1967 Italia Dino Zandegù Salvarani 200 -
1968 Belgio Eddy Merckx Faema 198 Generale e Scalatori
Maglia ciclamino
1969 Italia Franco Bitossi Filotex 182 -
1970 Italia Franco Bitossi Filotex 252 -
1971 Italia Marino Basso Molteni 181 -
1972 Belgio Roger De Vlaeminck Dreher 264 -
1973 Belgio Eddy Merckx Molteni 237 Generale
1974 Belgio Roger De Vlaeminck Brooklyn 265 -
1975 Belgio Roger De Vlaeminck Brooklyn 346 -
1976 Italia Francesco Moser Sanson-Campagnolo 272 -
1977 Italia Francesco Moser Sanson-Campagnolo 226 -
1978 Italia Francesco Moser Sanson-Campagnolo 229 -
1979 Italia Giuseppe Saronni Scic 275 Generale
1980 Italia Giuseppe Saronni Gis Gelati 301 -
1981 Italia Giuseppe Saronni Gis Gelati 215 -
1982 Italia Francesco Moser Famcucine 247 -
1983 Italia Giuseppe Saronni Del Tongo 223 Generale
1984 Svizzera Urs Freuler Atala 178 -
1985 Paesi Bassi Johan van der Velde Vini Ricordi-Pinarello 195 -
1986 Italia Guido Bontempi Carrera Jeans 167 -
1987 Paesi Bassi Johan van der Velde Gis Gelati 175 -
1988 Paesi Bassi Johan van der Velde Gis Gelati 154 -
1989 Italia Giovanni Fidanza Chateau d'Ax 172 -
1990 Italia Gianni Bugno Chateau d'Ax 195 Generale
1991 Italia Claudio Chiappucci Carrera Jeans 283 -
1992 Italia Mario Cipollini GB-MG Maglificio 236 -
1993 Italia Adriano Baffi Mercatone Uno 228 -
1994 Uzbekistan Djamolidine Abdoujaparov Team Polti 202 -
1995 Svizzera Tony Rominger Mapei-GB 205 Generale e Intergiro
1996 Italia Fabrizio Guidi Scrigno-Blue Storm 235 Intergiro
1997 Italia Mario Cipollini Saeco 202 -
1998 Italia Mariano Piccoli Brescialat-Liquigas 194 -
1999 Francia Laurent Jalabert ONCE-Deutsche Bank 175 -
2000 Russia Dmitrij Konyšev Fassa Bortolo 159 -
2001 Italia Massimo Strazzer Mobilvetta Design 177 Intergiro e Combattività
2002 Italia Mario Cipollini Acqua & Sapone 184 -
2003 Italia Gilberto Simoni Saeco Macchine per Caffè 154 Generale
2004 Italia Alessandro Petacchi Fassa Bortolo 250 Combattività
2005 Italia Paolo Bettini Quick Step-Innergetic 162 -
2006 Italia Paolo Bettini Quick Step-Innergetic 169 Combattività
2007 Italia Danilo Di Luca Liquigas-Bianchi 132 Generale
2008 Italia Daniele Bennati Liquigas 189 -
2009 Russia Denis Men'šov Rabobank 138 Generale
Maglia rossa
2010 Australia Cadel Evans BMC Racing Team 150 -
2011 Italia Michele Scarponi[2]
Lampre-ISD 122 Generale
2012 Spagna Joaquim Rodríguez Katusha Team 139 -
2013 Regno Unito Mark Cavendish Omega Pharma-Quickstep 158 -
2014 Francia Nacer Bouhanni FDJ.fr 291 -

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Claudio Ghisalberti, Basso-Cunego, sogni rosa "Una maglia che cambia la vita" in gazzetta.it, 15 gennaio 2010. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  2. ^ In seguito alla squalifica di Alberto Contador per doping, in base alla sentenza del Tribunale Arbitrale dello Sport, allo spagnolo sono stati annullati i risultati ottenuti dal 15 gennaio 2011. Si veda (EN) Press release: CAS decision in Contador case, Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012., (EN) Alberto Contador case: the consequences of the CAS ruling, Uci.ch, 6 febbraio 2012. URL consultato l'11 febbraio 2012. La vittoria fu dunque assegnata a Michele Scarponi, secondo nella classifica finale. Si veda al riguardo (EN) Results Giro d'Italia (ITA/UWT) - 2011 in Uci.ch. URL consultato il 26 febbraio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

ciclismo Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo