Classi L e M (cacciatorpediniere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classi L e M
L'HMS Marne
L'HMS Marne
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg Naval Ensign of Poland.svg Flag of Turkey.svg
Tipo Cacciatorpediniere
Classe L/M
Numero unità 16
Proprietario/a Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Naval Ensign of Poland.svg Marynarka Wojenna
Flag of Turkey.svg Türk Deniz Kuvvetleri
Caratteristiche generali
Lunghezza 110 m
Larghezza 11,2 m
Pescaggio 3 m
Propulsione Tre caldaie Admiralty
2 turbine a ingranaggi su 2 assi
48.000 Shp (36 MW)
Velocità 36 nodi  (67 km/h)
Autonomia 5.500 n.mi. (10.200 km) a 15 nodi (28 km/h)
Equipaggio 221
Equipaggiamento
Sensori di bordo Sonar, in seguito radar di scoperta e di tiro
Armamento
Armamento artiglieria:
  • 6 cannoni da 120 mm
  • 4 cannoni da 40 mm
  • 2 mitragliere antiaeree da 20 mm

siluri:

  • 8 da 533 mm in 2 lanciasiluri sull'asse

[senza fonte]

voci di classi di cacciatorpediniere presenti su Wikipedia

I cacciatorpediniere classi L e M sono state navi da guerra britanniche entrate in servizio tra il 1941 e il 1942, in piena seconda guerra mondiale. Per ogni classe vennero costruite otto unità, una delle quali attrezzata per servire come capoflottiglia. Sei unità classe L e tre classe M andarono perdute durante il conflitto. Della seconda sottoclasse, quattro navi vennero vendute alla Turchia nel dopoguerra.

Dettagli delle classi[modifica | modifica sorgente]

L'armamento delle classi è stato oggetto di un importante dibattito, come i sostenitori dei più pesanti armamenti antiaerei per tali navi, che venivano finalmente ascoltati dall'Ammiragliato. Ciò avvenne principalmente a seguito delle lezioni apprese durante la guerra civile spagnola, gli aerei militari erano ormai sufficientemente avanzati e rappresentavano una grave minaccia per gli obiettivi di terra e mare.

Le navi delle classi L e M avevano un singolo fumaiolo, come la precedente classe J, un albero di trinchetto a tripode e un albero maestro più piccolo appena a poppavia del centro nave. Una caratteristica degna di nota è stata la progettazione del ponte. Dal classe I al classe Weapon, tutti i cacciatorpediniere della Marina Reale condivisero un distintivo a forma di cuneo faccia al ponte, che incorpora una plancia a prova di proiettile sollevata, in modo che il timoniere possa vedere oltre gli armamenti. L'aumentata altezza delle nuove plance della classe L significava che la timoneria è stata sollevata ulteriormente, e il tetto inclinato (per dirigere il flusso d'aria sopra la piattaforma bussola) era quasi piatto. Questa caratteristica è stata unica per L e M.

Come ordinato, la classe comprendeva un leader e 7 cacciatorpediniere. Ogni nave è stato quello di montare sei cannoni da 120mm e 8 lanciasiluri. L'armamento a distanza ravvicinata doveva ancora essere deciso, con il tempo di consegna prevista era un fattore cruciale.

Furono i primi cacciatorpediniere britannici ad avere cannoni in torrette completamente chiuse. Essi hanno inoltre continuato la pratica ( iniziata con i J ) di avere come flotilla leader il Laforey che era quasi indistinguibile dal resto della classe, con sistemazione in cabina solo più ampia e migliori apparecchiature radio (W/T - "telegrafo senza fili").

Armamento principale[modifica | modifica sorgente]

Come previsto, le navi erano dotate di sei cannoni da 120 mm Mk XI a tiro rapido in impianti binati Mk XX installati nelle posizioni 'A', 'B', e 'X'. L'impianto in posizione 'X' aveva un arco di tiro di 320 gradi per elevazioni inferiori ai 20 gradi e di 360 gradi per elevazioni superiori. Il cannone Mk XI era un notevole miglioramento rispetto alla versione precedente in quanto sparava granate di 28 kg (rispetto alle precedenti di 23 kg). La torretta Mk XX era completamente chiusa e prevista per resistere alle intemperie, ma in servizio gli equipaggi riscontrarono diversi inconvenienti. Le culle dei cannoni erano indipendenti per cui gli stessi potevano assumere elevazioni diverse tra loro. La Mk XX non era tecnicamente una torretta, il sistema di alimentazione delle munizioni era distinto dall'installazione, e non si muoveva con la massa rotante. Questo significava che il rifornimento di munizioni, quando i pezzi erano al limite del brandeggio, era alquanto difficile. Di conseguenza anche gli elevatori delle munizioni dovevano essere collocati tra i cannoni come nella torretta binata americana da 127/38. [1] Come risultato, le culle dei cannoni erano molto distanziate tra loro, una caratteristica immediatamente evidente nella conformazione della torretta Mk XX.

Esso consentiva un'altezza maggiore di 50 gradi (rispetto ai 40 per i Mark precedenti). Tuttavia, questo ancora limitava il tempo di impegno contro aerei nemici,[2] anche se i cannoni di medio calibro rappresentavano una minaccia per il bombardamento in picchiata.[3] La Marina Imperiale Giapponese aveva già introdotto in servizio un cannone da 127 mm con 70 gradi di elevazione che ha avuto prestazioni molto scarse,[4] mentre il Mark 32 calibro 5"/38 della Marina degli Stati Uniti si potrebbe alzare a 85 gradi. I cannoni da 114 mm montati sul Ark Royal erano già in servizio e in grado di innalzamenti di 80 gradi, anche se i supporti non erano adatti per un cacciatorpediniere. Combinato alla mancanza di potenza di elevazione, il montaggio Mark XX è stato compromesso nella sua scelta di ruolo anti-aereo, anche se confrontato favorevolmente con qualsiasi arma simile nell'arsenale delle potenze dell'Asse.

Un altro sviluppo per quanto riguarda l'armamento principale era l'adozione di un angolo High/Low combinato con torre direttore. Purtroppo questo non è mai stato del tutto soddisfacente ed inoltre, era un sovrappeso. È stato poi rielaborato, un po' senza successo ancora una volta, come l'Mk.I del classe Z. Nonostante i suoi problemi, il regista di classe L e M torre e il suo radar Type 285 fornisce un alto angolo di fuoco, migliore di qualsiasi cacciatorpediniere Axis simile, la maggior parte dei quali non ha avuto alcun sistema di fuoco alto con angolo di controllo, e tanto meno un apposito radar di controllo del fuoco AA.[5]

Navi[modifica | modifica sorgente]

Classe L[modifica | modifica sorgente]

Le unità classe L, note anche come Lafoley, vennero approvate nelle previsioni di costruzioni navali del 1937. Quattro delle navi (Lance, Lively, Legion e Larne), vennero costruite con cannoni da 100 mm. Sei unità su otto vennero affondate durante la seconda guerra mondiale, le due sopravvissute vennero demolite nel 1948.

  • Laforey, capoflottiglia, costruita nei cantieri Yarrow & Company di Scotstoun, impostata il 1 marzo 1939, varata il 15 febbraio 1941 e completata il 26 agosto seguente. Affondata il 30 marzo 1944.
  • Lance, costruita nei cantieri Yarrow, impostata il 1 marzo 1939, varata il 28 novembre 1940 e completata il 13 maggio 1941. Affondata il 9 aprile 1942.
  • Gurkha, inizialmente chiamata Larne venne ribattezzata dopo la perdita del precedente Gurkha il 9 aprile 1940. Costruita nei cantieri Cammell Laird & Company di Birkenhead, impostata il 18 ottobre 1938, varata l'8 luglio 1940 e completata il 18 febbraio 1941. Persa il 17 gennaio 1942.
  • Lively, costruita nei cantieri Cammell Laird, impostata il 20 dicembre 1938, varata il 28 gennaio 1941 e completata il 20 luglio 1941. Affondata l'11 maggio 1942.
  • Legion, costruita nei cantieri Hawthorn Leslie & Company di Hebburn, impostata il 1 novembre 1938, varata il 26 dicembre 1939 e completata il 19 dicembre 1940. Affondata il 26 marzo 1942.
  • Lightning, costruita nei cantieri Hawthorn Leslie, limpostata il 15 novembre 1938, varata il 22 aprile 1940 e completata il 28 maggio 1941. Affondata il 12 marzo 1943.
  • Lookout, costruita nei cantieri Scotts Shipbuilding & Engineering Company di Greenock, impostata il 23 novembre 1938, varata il 4 novembre 1940 e completata il 30 gennaio 1942. Demolita nel 1948.
  • Loyal, costruita nei cantieri Scotts, impostata il 23 novembre 1938, varata l'8 ottobre 1941 e completata il 31 ottobre 1942. Demolita nel 1948.

Classe M[modifica | modifica sorgente]

Le unità classe M vennero approvate nelle previsioni di costruzioni navali del 1939. Servirono nella Home Fleet fino al 1944 e successivamente nel Mediterraneo. Tre unità andarono perdute; delle cinque sopravvissute alla guerra la Musketeer venne demolita nel 1955 e le altre quattro vennero vendute alla Turchia nel 1958.

  • Milne, costruita nei cantieri Scotts, impostata il 24 gennaio 1940, varata il 30 dicembre 1941 e completata il 6 agosto 1942. Trasferita alla Turchia nel 1959 come Alp Arslam.
  • Mahratta, inizialmente chiamata Marksman, costruita nei cantieri Scotts, impostata il 7 luglio 1939, venne danneggiata gravemente da un attacco aereo nel maggio 1941 poco prima del varo. Venne smantellata e ricostruita da capo, venendo finalmente varata il 28 luglio 1942, acquisendo anche il nome definitivo, venendo completata nel 1943. Affondata da un siluro acustico T5 lanciato dall'U-990 in posizione 71.17N 13.30E nel Mare di Barents il 25 febbraio 1944. Solo 17 uomini dell'equipaggio su 217 vennero recuperati dall'HMS Impulsive.
  • Musketeer, costruita nei cantieri Fairfield Shipbuilding & Engineering Company di Govan, impostata il 7 dicembre 1939, varata il 2 dicembre 1941 e completata il 5 dicembre 1942. Demolita a Sunderland dal 6 dicembre 1955.
  • Myrmidon costruita nei cantieri Fairfield, impostata il 7 dicembre 1939, varata il 2 marzo 1942 e completata il 5 dicembre successivo. Presta alla Marina militare polacca e rinominata ORP Orkan. Affondata da un U-boot nell'Atlantico settentrionale l'8 ottobre 1943.
  • Matchless, costruita nei cantieri Alexander Stephen & Sons di Linthouse, impostata il 14 settembre 1940, varata il 4 settembre 1941 e completata il 26 febbraio 1942. Trasferita alla Turchia nel 1959 come Kilicali Pasha.
  • Meteor, costruita nei cantieri Stephen, impostata il 14 settembre 1940, varata il 3 novembre 1941 e completata il 12 agosto 1942. Trasferita alla Turchia nel 1959 come Piyale Pasha.
  • Marne, costruita nei cantieri Vickers-Armstrongs di Walker, impostata il 23 ottobre 1939, varata il 30 ottobre 1940 e completata il 2 dicembre 1941. Trasferita alla Turchia nel 1959 come Maresal Fevzi Cakmak.
  • Martin, costruita nei cantieri Vickers-Armstrongs, impostata il 23 ottobre 1939, varata il 12 dicembre 1940 e completata il 4 agosto 1942. Affondata da un U-boot nel Mediterraneo occidentale il 10 novembre 1942.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Destroyer Weapons of WW2, Hodges/Friedman, ISBN 0-85177-137-8.
  2. ^ Hodges, Tribal Class Destroyers, p32: Diagram of High Level Bomber Attack: A 240mph target, at 12 thousand feet altitude could expect to be under for fire about 75 seconds, from the time it enters the effective range of the HACS until it flies to within the minimum range of a 5.25 gun elevated to 70 degrees. A Tribal class destroyer with 40 degree elevation guns would be able to engage the same target for about 37 seconds.
  3. ^ Friedman, US Destroyers-An Illustrated Design History, p203:"In theory, the 5in gun could counter either horizontal or torpedo bombers; it could not fire nearly fast enough to present any threat to dive bombers,which, ironically, were probably the most lethal threat to fast maneuverable craft such as destroyers."
  4. ^ 12.7 cm/50 (5") 3rd Year Type: "However, the very slow training speeds and lack of power ramming made these mountings almost useless against the fast-moving aircraft of World War II"
  5. ^ Campbell, Naval Weapons of WW2. Campbell notes that no German or Italian destroyer had a high angle (anti-aircraft) fire control system, and that the Japanese system was very rudimentary.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina