Classe Stalwart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Stalwart
La USNS Prevail
La USNS Prevail
Descrizione generale
Tipo nave sorveglianza
Numero unità 18
Caratteristiche generali
Dislocamento 1650
Stazza lorda 2285 tsl
Lunghezza 68 m
Larghezza 13 m
Pescaggio 4,5 m
Profondità operativa max. m
Propulsione 4 diesel su 2 assi, 3200hp complessivi
Velocità 11 nodi nodi
Autonomia n.mi. a nodi ( km a km/h)
Equipaggio 30, dei quali 6 specialisti di sorveglianza elettronica
Equipaggiamento
Sensori di bordo 2 radar di navigazione, 1 sonar lineare SURTASS, 1 sistema WSC-6 satellitare.
Armamento
Armamento siluri:

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

Le 18 navi classe Stalwart sono state concepite dalla marina militare statunitense come un sistema mobile per integrare il SOSUS (la rete di apparati di ascolto subacqueo installata durante la Guerra Fredda per tenere sotto controllo i sottomarini sovietici). Dal momento che nemmeno tale rete riusciva a coprire totalmente le vastità oceaniche, con un controllo deficitario o inesistente su parte di queste, venne ordinata la costruzione di questi vascelli, simili a grossi rimorchiatori d'altura.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Essi hanno una struttura adatta per affrontare il mare grosso, un apparato propulsivo su quattro motori diesel in due assi, con due piccoli fumaioli appaiati, ciascuno con un tubo per lo sfogo dei gas. La loro pitturazione è bianca, e le immatricolazioni sono T-AGOS1-18. La dotazione caratteristica è quella di un sonar passivo (idrofono) rimorchiato di grandi dimensioni, il SURTASS (Surveillance Towed Array Sensor System), con una serie di sensori sistemati su un cavo da 1829 metri, collegato ad un grosso argano, come fosse una rete a strascico[1]. I segnali acustici non vengono processati a bordo ma inviati ai comandi americani di base a terra tramite il canale satellitare.

La loro funzione di navi non combattenti è testimoniata sia dalle immatricolazioni, infatti portano la sigla USNS - United States Naval Service e non USS come prefisso, che dal fatto che su 30 uomini d'equipaggio vi sono 6 specialisti del SURTASS e il resto fa parte del comando trasporti dell'US Navy. La loro funzione è stata estremamente importante per sorvegliare gli oceani, specie ai tempi della Guerra fredda, quando i sottomarini nemici erano il principale motivo di preoccupazione della Nato, e continua ad esserlo ancora oggi.

Nome della nave Numero di scafo Consegnata-
Radiata
Destino Collegamento
Stalwart 1 1984–2002 State University of New York Maritime College NVR NavSource
Contender 2 1984–1992 T/V Kings Pointer, ammiraglia e nave da addestramento della United States Merchant Marine Academy NVR NavSource USMMA
Vindicator 3 1984–1993 NOAA Hi'Ialakai (R-334) NVR NavSource NOAA
Triumph 4 1985–1995 Radiata, da essere utilizzata in supporto alle esercitazioni di tiro della flotta NVR NavSource
Assurance 5 1985–1995 Trasferita al Portogallo come ALM Gago Coutinho (A-523) NVR NavSource
Persistent 6 1985–1995 T/S State of Michigan, Great Lakes Maritime Academy, Traverse City, Michigan NVR NavSource NMC
Indomitable 7 1985–2002 NOAA McArthur II (R-330) NVR NavSource NOAA
Prevail 8 1986- Riclassificata come nave miscellanea non classificata Prevail (IX-537) NVR NVR NavSource
Assertive 9 1986–2004 Trasferita alla NOAA per essere convertita nell'anno 2007 e per rimpiazzare la NOAA David Starr Jordan. Danneggiata durante un incendio al molo NOAA a Seattle Washington nel luglio 2006, trasferita alla Seattle Maritime Academy. (R 444) in FY 2008 NVR NavSource
Invincible 10 1987- Convertita come T-AGM 24, Missile Range Instrumentation Ship NVR NavSource MSC
Audacious 11 1989–1997 Trasferita al Portogallo come ALM Dom Carlos I (A-522) NVR NavSource
Bold 12 1989–2004 EPA Bold (OSV-224) NVR NavSource EPA
Adventurous 13 1988–1992 NOAA Oscar Elton Sette (R-335) NVR NavSource NOAA
Worthy 14 1988–1993 Trasferita allo USGS, poi allo US Army. Convertita come Nave strumentazione per il rilevamento di missili al Ronald Reagan Ballistic Missile Defense Test Site sull'atollo di Kwajalein NVR NavSource KMRSS
Titan 15 1989–1993 NOAA Ka'Imimoana (R-333) NVR NavSource NOAA
Capable 16 1989–2004 NOAA Okeanos Explorer (R-337) NVR NavSource NOAA
Tenacious 17 1987–1997 Trasferita alla Nuova Zelanda come HMNZS Resolution (A-14) NVR NavSource
Relentless 18 1990–1993 NOAA Gordon Gunter (R-336) NVR NavSource NOAA

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The US Navy

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina