Classe Oberon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando i sottomarini degli anni venti della classe O, a volte chiamata classe Oberon, vedi classe Odin.
Classe Oberon
L'HMS Otus
L'HMS Otus
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg Naval Ensign of Australia.svg Naval Jack of Chile.svg Naval Jack of Brazil.svg
Tipo Sottomarino
Numero unità 27
Proprietario/a Naval Ensign of Australia.svg Royal Australian Navy
Naval Ensign of Canada.svg Royal Canadian Navy
Flag of Brazil.svg Marinha do Brasil
Flag of Chile.svg Armada de Chile
Utilizzatore principale Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Entrata in servizio 1960
Radiata 2000
Caratteristiche generali
Lunghezza 90 m
Larghezza 8,1 m
Pescaggio 5,5 m
Propulsione 2 motori diesel Standard Admiralty V16 da 3.680 hp
2 generatori da 1.280 kW
2 motori elettrici da 3.000 hp
2 assi
Autonomia 10.350 miglia navali (19.170 km) in superficie
Equipaggio 69
Equipaggiamento
Sensori di bordo Type 1002 per la ricerca di superficie e navigazione
Sonar Type 187 attivo e passivo
Sonar Type 2007 passivo a lungo raggio
Armamento
Armamento
  • 6 tubi lanciasiluri prodieri da 533 mm, 20 siluri
  • 2 tubi lanciasiulri poppieri da 533 mm, 2 siluri
  • I siluri di prua potevano essere sostituiti da 50 mine navali

[senza fonte]

voci di classi di sottomarini presenti su Wikipedia

La classe Oberon è stata una classe di sottomarini diesel-elettrici della Royal Navy britannica, il cui progetto era basato sulla precedente classe Porpoise. Entrati in servizio a partire dal 1960, vennero costruiti 13 esemplari per la marina britannica mentre altri quattordici vennero ceduti a marine militari di altri paesi: sei unità alla Royal Australian Navy, tre alla Royal Canadian Navy (poi Canadian Forces Maritime Command) seguite da ulteriori due precedentemente nella Royal Navy. Tre unità operarono anche nella Marinha do Brasil e due nell'Armada de Chile.

Molte delle unità della classe sono sopravvissute anche in seguito alla fine del loro servizio attivo: nel 2006 sette di queste erano utilizzate come museo, due conservate in parte come monumenti mentre altre cinque si trovavano in attesa di essere convertite in navi museo o in attesa di una decisione riguardo al loro futuro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]