Classe Mărășești

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Classe Mărăşeşti)
Mărăşeşti
La fregata rumena Mărăşeşti, unica della sua classe
La fregata rumena Mărăşeşti, unica della sua classe
Descrizione generale
Naval Jack of Romania.svg
Tipo Fregata
Numero unità 1
Proprietario/a Forţele Navale Române
Identificazione F-111
Ordinata 1978
Cantiere șantierul Naval Mangalia
Impostata 1978
Varata 1985
Entrata in servizio 1992
Destino finale in servizio
Caratteristiche generali
Dislocamento 5.790
Lunghezza 144,6 m
Larghezza 14,8 m
Propulsione 4 motori MAN diesel da 32000 CV
Velocità  (27 n (max), 18 n (crociera) km/h)
Autonomia 1500 mn a nodi NumeroNodi(Numerokm km a Velocità km/h)
Equipaggio 270 di cui 25 ufficiali
Armamento
Armamento la nave è armata con:
  • 8 missili antinave P-20M (SS-N-2) (4 lanciatori binati)
  • 2 lanciarazzi antisommergibile RBU-6000 da 213 mm
  • 4 cannoni AK726 da 76 mm (2 torrette binate)
  • 4 cannoni AK-630 a sei canne da 30 mm
  • 2 tubi lanciasiluri da 533 mm
  • mine
Mezzi aerei 2 elicotteri IAR 330 Puma Naval

[senza fonte]

voci di navi presenti su Wikipedia

La classe Mărăşeşti di fregate è stata costruita dalla Romania nel 1985 ed è stata nel tempo riclassificata inizialmente incrociatore, poi cacciatorpediniere ed infine fregata; è composta da un'unica unità, il cui nome deriva dalla battaglia di Mărăşeşti della prima guerra mondiale.

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

La nave, costruita in cantieri romeni, venne completata a rilento ed afflitta sin dall'inizio da problemi riguardanti una massa troppo concentrata in alto. Fermati i lavori fino al 1992, venne terminata una volta risolti i problemi di stabilità.

Propulsione[modifica | modifica wikitesto]

Armamento[modifica | modifica wikitesto]

L'armamento è interamente di costruzione ex-sovietica, ed è obsoleto secondo gli standard attuali.

Artiglieria[modifica | modifica wikitesto]

Cannoni a tiro rapido AK726 76 mm in 2 torrette binate. 4 cannoni Gatling a 6 canne AK-630 da 30 mm.

Missili[modifica | modifica wikitesto]

8 lanciamissili P-20M (SS-N-2) in 4 impianti binati.

Siluri[modifica | modifica wikitesto]

Due lanciasiluri tripli da 533mm.

la Mărășești durante l'esercitazione Litoral 06

Elettronica di bordo[modifica | modifica wikitesto]

L'elettronica di bordo, già obsoleta alla costruzione, è stata aggiornata nel 2006 dalla Terna, che ha implementato un nuovo sistema di comando e controllo[1]. Il sistema, denominato "C-Flex" fornisce una soluzione scalabile, a detta del costruttore, e comunque aderente agli standard NATO.


Radar[modifica | modifica wikitesto]

I radar di controllo del tiro dei cannoni AK-76 sono russi, di tipo Hawk Screech e Owl Screech (nomi in codice NATO)[2]

Sonar[modifica | modifica wikitesto]

Contromisure elettroniche[modifica | modifica wikitesto]

Mezzi aerei[modifica | modifica wikitesto]

La nave imbarca 2 elicotteri IAR 330 Puma Naval costruiti su licenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nave prende il nome, oltre che dalla omonima battaglia, dal cacciatorpediniere Sparviero della classe Aquila, prodotto in Italia e che servì durante la prima guerra mondiale, poi venduto alla Romania che lo aveva ordinato prima dello scoppio delle ostilità.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

La nave ha partecipato alle seguenti esercitazioni operative:

  • „Cooperative Partner '94” - Bulgaria
  • „Cooperative Marmaide-Classica '95” - Italia
  • „Strong Resolve '98” - Golfo di Biscaglia - Durante l'esercitazione ha operato in Atlantico anche con l'elicottero di bordo, prima nave da guerra romena in questo.
  • „Storm 2000” - Bulgaria
  • „Cooperative Partner 2003” - Ucraina
  • Prima nave romena in azione sotto comando NATO, in giugno 2004, nell'ambito di un incontro NATO ad Istanbul.
  • „Blackseafor 2005” - Marea Neagră – prima nave romena a fungere da ammiraglia di un gruppo navale NATO
  • „CERTEX 2010” - Bulgaria
  • „Blackseafor 2010” - Marea Neagră (nave ammiraglia).
  • „Blackseafor 2011” - Marea Neagră (navă comandant).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.defenseworld.net/go/defensenews.jsp?n=Terma%20delivers%20training%20systems%20as%20part%20of%20Romanian%20offset%20deal&id=4118 "Terma delivers training systems as part of Romanian offset deal" consultato il 2 ago 2010
  2. ^ http://books.google.it/books?id=4S3h8j_NEmkC&pg=PA465&lpg=PA465&dq=M%C4%83r%C4%83%C5%9Fe%C5%9Fti++frigate+radar&source=bl&ots=hHZqPWZ3cW&sig=SNr28pU39Vroom6s-Wk1T_HqruA&hl=it&ei=QjpXTL3uGoGOOPmP5Z4O&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=3&ved=0CB8Q6AEwAjgK#v=onepage&q&f=false "The Naval Institute guide to world naval weapon systems" di Norman Friedman - consultato il 2 ago 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]