Classe Harushio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Harushio
Il Wakashio (SS 587), la quinta unità, alla base navale di Yokosuka
Il Wakashio (SS 587), la quinta unità, alla base navale di Yokosuka
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo sottomarino diesel-elettrico
Numero unità 7
Proprietario/a Naval Ensign of Japan.svg Kaijō Jieitai
Entrata in servizio 1990 - 1997
Caratteristiche generali
Dislocamento 2750-2850 t in immersione
Lunghezza 77 m
Larghezza 10 m
Pescaggio 7,7 m
Profondità operativa massima m
Propulsione 2 motori diesel e un motore elettrico
Velocità in immersione: 20 nodi
Equipaggio 75-71
Equipaggiamento
Sensori di bordo 1 radar scoperta in superficie, 1 sonar di prua a medio-bassa frequenza, 1 trainato a bassissima frequenza
Armamento
Siluri 6 tubi lanciasiluri da 533 mm a mezza nave con 18-20 armi

[senza fonte]

voci di classi di sottomarini presenti su Wikipedia

La classe Harushio è una classe di sottomarini diesel-elettrici entrati in servizio con la Marina militare giapponese (JNSDF) a partire dal 1990. Ha fatto seguito ai precedenti classe Yushio. Questa classe di sottomarini era prevista originariamente in 14 esemplari, ma la costruzione, avvenuta al ritmo lento ma regolare di 1 esemplare l’anno, ha fatto sì che vi fosse il tempo di sviluppare un nuovo tipo di vascello, che verso la fine degli anni ’80 ha preso il posto negli scali. A metà del 1995 erano già state realizzate 6 delle 7 navi ordinate, mentre gli sviluppi continuavano verso nuove tecnologie.


Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La loro struttura è sostanzialmente simile a quella dei battelli precedenti, e può essere sintetizzata in questi termini: doppio scafo, struttura ‘a goccia allungata’, timoni di profondità sulla vela e di direzione, cruciformi, a poppa. Apparato motore dato da 2 diesel e 1 motore elettrico calettati su di un unico asse portaelica, siluri e missili antinave presenti in una ventina di esemplari a centronave, assieme ai tubi di lancio. La dotazione elettronica e elettro-acustica è simile ai battelli precedenti, con prestazioni di elevato livello (il sonar principale occupa praticamente tutta la prua), ma si è curata la silenziosità in maniera ancora più efficiente, inclusa l’adozione di strisce di materiale fonoassorbente sulla superficie del battello. L’automazione, assai spinta, ha permesso nell’ultima unità la riduzione dell’equipaggio, molto numeroso per un battello diesel-elettrico, da 75 a 71 uomini (si tratta dell’SS 589).

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo ha comportato un nuovo tipo di sottomarino ancora più sofisticato e potente, l'Harushio modificato, probabilmente dotato di sistemi AIP sperimentati su di un classe Uzushio. Si tratta infatti di una classe di battelli da ben 3000 tonnellate immersi, con un sonar di nuovo tipo, con trasduttori integrati sulla superficie dei fianchi. Il varo è partito nel 1996, con l'entrata in servizio dal 1998. Almeno 3 navi vennero ordinate inizialmente nel 1993, ma gli ordinativi hanno continuato ad essere posti anche negli anni successivi, per mantenere la flotta subacquea giapponese alla sua forza di circa 18 navi subacquee, con una età media di appena una decina d'anni. Si tratta senza dubbio della flotta diesel-elettrica più moderna del mondo ed in continua evoluzione, ed a tutto il 2013, tutti i battelli di questa classe sono stati ritirati e rimpiazzati, con solo due, Fuyushio e Asashio, sono stati convertiti in unità di addestramento, poi il secondo nell'alrile 2002 è stato convertito in unità di prova per un sistema AIP (Air Independent Propulsion) basato su motore Stirling con l'aiuto dell'azienda svedese Kochums[1], analogamente alla classe Västergötland di sottomarini svedesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kockums Stirling AIP used by Japan - Kockums

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]