Classe Borej

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Borej
lo Yuriy Dolgorukiy durante le prove in mare
lo Yuriy Dolgorukiy durante le prove in mare
Descrizione generale
Naval Ensign of Russia.svg
Tipo Sottomarino lanciamissili balistici
Numero unità 8 previste
Identificazione SSBN (Ship Submersible Ballistic Missile Nuclear) /SSGN
Ordinata 1996
Costruttori Sevmash su progetto Rubin Design Bureau
Stato K-535 Jurij Dolgorukij (in servizio)
K-550 Alexander Nevskiy(prove in mare)
Vladimir Monomach (in costruzione)
Caratteristiche generali
Dislocamento in immersione 24 000 t
Dislocamento in emersione 14 720 t
Lunghezza 170 m
Larghezza 13,5 m
Pescaggio 10 m
Profondità operativa progettati per 450 m
Propulsione 1 reattore nucleare ОК-650В
1 turbina a vapore AEU
1 albero ed elica (pump-jet)
Velocità in immersione  29 nodi (54 km/h)
Velocità in emersione  15 nodi (28 km/h)
Autonomia Limitata solo dalla logistica per mezzi e uomini
Equipaggio 107 (55 ufficiali)
Armamento
Siluri 6 tubi per siluri 6x533 mm
Missili 16/20 missili 955/955A SLBM RSM-56 Bulava con 6-10 testate MIRV ciascuno
missili da crociera RPK-2 Viyuga

fonte deepstorm.ru

voci di classi di sottomarini presenti su Wikipedia

Le unità appartenenti alla classe Borej (progetto 955, traslitterato anche Borei) sono sottomarini nucleari lanciamissili balistici di fabbricazione russa. Si tratta dei primi mezzi di questo tipo progettati e costruiti dopo il crollo dell’URSS.

Lo sviluppo è andato molto a rilento a causa di motivazioni sia tecniche, sia economiche. Il primo esemplare, varato nel 2007, ha ricevuto la bandiera ed è entrato in servizio il 10 gennaio 2013.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

La costruzione di una nuova generazione di SSBN venne annunciata dai vertici della Marina Russa il 16 ottobre 1996. Il 2 novembre della stesso anno, presso il cantiere navale Sevmaš (Severodvinsk) vennero iniziati i lavori della prima unità della classe Borej (all’epoca nota come progetto 935). Il nome del sottomarino era jurij Dolgorukij, il principe russo che secondo la tradizione ha fondato la città di Mosca (città che ha sponsorizzato il sottomarino).

Nelle intenzioni dei vertici della Marina Russa, avrebbe dovuto affiancare i classe Typhoon, rispetto ai quali avrebbe avuto dimensioni minori ma un armamento simile.

L’ingresso in servizio era inizialmente previsto per il 2001, ma la costruzione è stata caratterizzata da pesanti ritardi, dovuti a motivi sia economici sia tecnici. Tra questi ultimi, in particolare, determinante è stato il totale insuccesso del missile che avrebbe dovuto imbarcare la nuova classe di sottomarini. I primi tre lanci di tale missile, l’SS-NX-28, fallirono e questo provocò la cancellazione del nuovo sistema d’arma.

A causa di questo fallimento, fu necessario provvedere ad una radicale opera di riprogettazione del sottomarino, in seguito alla quale assunse l'attuale denominazione di progetto 955. Le modifiche al progetto prevedevano, ovviamente, l’utilizzo di un nuovo missile, l’SS-N-30 Bulava (versione navale dell’ICBM SS-27).

L’ingresso in servizio venne continuamente posticipato, fino a quando, nell’agosto del 2003, i vertici militari russi dichiararono che la piena operatività dei Borej si sarebbe avuta nel 2010, fondi permettendo. In quel periodo, il sottomarino era completo al 40%.

Il varo del primo esemplare, largamente incompleto, avvenne il 15 aprile 2007[1]. Per la Russia era un evento molto importante, poiché si trattava del primo SSBN dal 1990 (anno del varo del K-407 Novomoskovsk, ultimo esemplare della Delta IV). Inoltre, si tratta del primo battello di questo tipo russo e non sovietico. La consegna della bandiera e l'entrata in servizio è stata effettuata il 10 gennaio 2013.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

Schema tecnico di un Borej

Tecnicamente, secondo le dichiarazioni dei vertici della Marina Russa, i Borej rappresenterebbero lo stato dell’arte per quanto riguarda questa tipologia di sottomarini, e sarebbero superiori agli altri tipi attualmente in servizio. In particolare, grazie ad una nuova forma dello scafo e ad un sistema propulsivo innovativo, sarebbero estremamente silenziosi e, quindi, poco rintracciabili ai sonar.

Il costo stimato di un singolo esemplare è di 890 milioni di dollari[2]. La velocità in immersione stimata dovrebbe essere pari a 29 nodi.

Armamento[modifica | modifica sorgente]

Modellino di un progetto 955

Per quanto riguarda la fase progettuale, l’armamento è sicuramente quello che ha dato più problemi. Infatti, inizialmente i Borej avrebbero dovuto imbarcare venti SS-NX-28, derivati dagli SS-N-20 Sturgeon imbarcati sui Typhoon. Tuttavia, il fallimento di tale sistema d’arma ha costretto i tecnici a riprogettare largamente il sottomarino, ed a sviluppare un nuovo sistema missilistico.

Nello specifico, oggi i Borej imbarcheranno gli SS-N-30 Bulava, che però, essendo di derivazione terrestre, hanno un ingombro superiore agli SS-NX-28 previsti nel progetto originale. Di conseguenza, il numero dei missili imbarcabili è stato ridotto, passando dai venti inizialmente previsti a dodici. Successivamente, comunque, è stato possibile portare il loro numero agli attuali sedici.

Al giorno d’oggi, comunque, i missili SS-N-30 non sono ancora operativi. Per quanto riguarda i siluri, sono previsti sei tubi da 533mm[3].

Uno spettacolare fallimento si è verificato durante un test la notte dell'8 dicembre 2009[4], quando un missile fuori controllo ha disegnato delle spirali nel cielo della Norvegia, mettendo in allarme una base militare anche per la concomitanza della presenza di Barack Obama ad Oslo per la cerimonia del ritiro del premio Nobel.

Esemplari previsti[modifica | modifica sorgente]

È prevista la costruzione di otto esemplari entro il 2020, tre come Progetto 955, e cinque come Progetto 955/A (aumentato il contenimento del rumore e con 20 missili balistici intercontinentali Bulava come dotazione

Al momento, sono stati varati tre esemplari e ne risulta in costruzione uno, presso il cantiere Sevmaš a Severodvinsk.

Naval Ensign of Russia.svg Voenno-Morskoj flot Rossijskoj Federacii
Nome Impostazione Varo Entrata in servizio Status
K-535 Jurij Dolgorukij (955) 2 novembre 1996 15 aprile 2007 10 gennaio 2013 Flotta del Nord
K-550 Aleksandr Nevskij (955) 19 marzo 2004 21 giugno 2012 23 dicembre 2013 Flotta del Pacifico
K-551 Vladimir Monomach (955) 19 marzo 2006 30 dicembre 2012 dicembre2014 Prove in mare compreso lanci
Knyaz Vladimir (995/A) 30 luglio 2012 2015 Previsto In costruzione (per la prima volta saranno utilizzati solamente componenti russi)
Knyaz Oleg (995/A) 27 Luglio 2014 In costruzione

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Secondo alcune fonti, pare che il sottomarino fosse completo solo all’82%.
  2. ^ Би-би-си | Россия | Россия спустила на воду атомную подлодку
  3. ^ I dati tecnici sui Borei sono tratti da globalsecurity.org. Il sito russo warfare.ru riporta dati piuttosto diversi
  4. ^ http://www.nytimes.com/reuters/2009/12/10/world/international-us-russia-missile-failure.html Russian Nuclear Missile Test Fails, Visible In Norway - NY Times - By REUTERS Pubblicato: 10 dicembre 2009 [collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]