Cizre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cizre
comune
Bāzabdā
Localizzazione
Stato Turchia Turchia
Regione Anatolia Sud Orientale
Provincia Şırnak
Distretto Divisione amm grado 3 mancante (man)
Amministrazione
Sindaco Aydın Budak Demokratik Toplum Partisi (DTP)
Territorio
Coordinate 37°19′30″N 42°11′45″E / 37.325°N 42.195833°E37.325; 42.195833 (Cizre)Coordinate: 37°19′30″N 42°11′45″E / 37.325°N 42.195833°E37.325; 42.195833 (Cizre)
Altitudine 375 m s.l.m.
Superficie 1 200 km²
Abitanti 110 267 (2007)
Densità 91,89 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 73xxx
Prefisso +(90)486
Fuso orario UTC+2
Targa 35
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turchia
Cizre
Cizre – Mappa
Sito istituzionale

Cizre è una città della Turchia, della provincia di Şırnak. In antichità era nota come Bāzabdā[1] o Jazirat Ibn 'Umar, dal nome di al-Hasan b. ʿUmar b. al-Khattab al-Taghlibi (morto verso l'865). La sua costruzione veniva attribuita ad Ardashir Bābakān.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente venne chiamata Kardu Gazarta. Sotto i persiani fu chiamata Gazarta o Bazibda.

Il nome Cizre deriva dall'arabo "jazira" (جزيرة) che significa isola, in quanto il fiume Tigri formava, in quel luogo, un'ansa, che attornia quasi completamente la città, facendola sembrare un'isola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 360 la città era parte dell'Impero romano, e si trovava sul confine con l'impero dei Sasanidi. Bezabde, presidiata da tre legioni (II Armeniaca, II Flavia Virtutis e II Parthica) venne assediata e conquistata dal re sasanide Sapore II (Shāpūr II): la popolazione venne in questa occasione massacrata, dopo aver valorosamente difeso la città. Shāpūr riparò le mura e vi installò una guarnigione, in quanto la città era strategicamente posizionata. L'imperatore romano Costanzo II non riuscì a riprendere la città, malgrado l'uso pesante di artiglieria.

Nel X secolo la città dipendeva da Mossul ma nel secolo successivo, dopo essere stata governata da Shams al-Dawla Jakarmish, mamelucco del Sultano selgiuchide Malikshah, cadde sotto il controllo della dinastia marwanide e nel XII secolo divenne possedimento zengide.

La città beneficò della presenza delle due importanti famiglie dei Banū l-Athīr e dei Banū ʿAbd al-Karīm al-Jazārī e nel XVI secolo i Curdi ne mantennero il controllo sotto la nominale sovranità degli Ottomani e nel 1566 varia famiglie cristiane, che fuggivano da Irbil vi trovarono generosa ospitalità.

Nel 1836 le autorità ottomane misero fine all'autonomia fin lì goduta grazie ai Vurdi e il suo territorio diventò un semplice qaẓa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Era il sito in cui Alessandro Magno guadò il fiume Tigri.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Turchia