Civil War (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Civil War
Artista Guns N' Roses
Tipo album Singolo
Pubblicazione 3 marzo 1993
Durata 7:36
Album di provenienza Use Your Illusion II
Dischi 1
Tracce 3
Genere Hard rock
Power ballad
Etichetta Geffen Records
Produttore Mike Clink, Guns N' Roses
Registrazione 13 gennaio 1990–3 agosto 1991, A&M Studios, Record Plant Studios, Studio 56, Image Recording, Conway Studios e Metalworks Recording Studios, Stati Uniti
Formati CD
Guns N' Roses - cronologia
Singolo precedente
(1992)
Singolo successivo
(1993)

Civil War è un singolo del gruppo musicale statunitense Guns N' Roses, il quarto estratto dal quarto album in studio Use Your Illusion II e pubblicato il 3 marzo 1993.

La canzone[modifica | modifica sorgente]

Scritto da Axl Rose e Izzy Stradlin', Civil War è stato l'ultimo brano realizzato con il batterista Steven Adler ed è stata inserita originariamente nell'album del 1990 Nobody's Child, raccolta di beneficenza per gli orfani della Romania. Si tratta di una canzone di protesta contro la guerra e nel testo si dice che una guerra civile "serve solo a nutrire i ricchi e a far morire di fame i poveri". Lo stesso significato dell'espressione "guerra civile" è contestato alla fine del brano, con il verso: "Ma poi cosa c'è di civile in una guerra?". Sia nell'introduzione che nel finale vi sono alcuni omaggi a When Johnny Comes Marching Home, inno della Guerra Civile Americana.

La canzone menziona anche l'assassinio di John F. Kennedy, con il testo: "e nei miei primi ricordi, hanno sparato a Kennedy". Inoltre sono citate le battaglie per i diritti civili e la guerra del Vietnam.

Il 27 settembre 1993, l'ex bassista Duff McKagan raccontò ad un'intervista a Rockline le origini del brano:

« In sostanza era un riff che avremmo voluto mettere giù ai soundcheck. Ad Axl, all'inizio, vennero in mente un paio di rime. Da ragazzino andai ad una marcia per la pace, con mia madre. All'epoca avevo appena quattro anni, e Martin Luther King continuava a lottare per i diritti dei neri. L'idea per la canzone l'avevo avuta già lì, sentendo: "Hai indossato la fascia nera quando hanno sparato all'uomo che diceva 'La pace potrebbe durare per sempre?'" Fu una vera esperienza di vita. »

Tracce[modifica | modifica sorgente]

CD singolo (Germania)[1]
  1. Civil War – 7:36
  2. Garden of Eden – 2:36
  3. Exclusive Interview with Slash – 7:21
CD singolo (Giappone)[2]
  1. Civil War – 7:36
  2. Don't Damn Me – 5:12
  3. Back Off Bitch – 4:57
  4. Interview with Slash – 7:21

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Durante il processo in cui i restanti membri del gruppo furono coinvolti, fu detto che Steven Adler avesse dovuto provare circa ottanta volte prima di riuscire a riprodurre in studio questa traccia, proprio a causa dei suoi abusi di droghe. Il batterista stesso ha rilasciato un'intervista dicendo che in realtà i tentativi furono "solo" una trentina.
  • I Guns N' Roses la suonarono la prima volta al Farm Aid IV, il 7 aprile 1990.
  • Il testo all'inizio della canzone è recitato da Strother Martin ed è tratto dal film interpretato da Paul Newman, Nick mano fredda.
  • Nel numero 84 del fumetto italiano Dylan Dog sono inseriti alcuni versi del brano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Guns N' Roses – Civil War (CD, Maxi-Single) – Germany in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 28 maggio 2014.
  2. ^ (EN) Guns N' Roses – Civil War (CD, Maxi-Single) – Japan in Discogs, Zink Media, Inc. URL consultato il 28 maggio 2014.