Antichi Stati italiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Città-stato italiane)

Gli stati italiani preunitari furono entità indipendenti a carattere locale in cui la penisola era divisa politicamente prima del 1861

Di seguito è riportato un elenco degli antichi stati italiani, organizzati per data, dal Medioevo sino all'unità d'Italia.

Tra parentesi, dove indicate, le dinastie regnanti.

Era carolingia[modifica | modifica sorgente]

L'Italia al tempo dei Carolingi (774-887) era suddivisa nelle seguenti entità territoriali[1]:

Attorno all'Anno Mille[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stati italiani attorno all'anno Mille.

Era dei comuni[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di stati italiani dell'era dei comuni.

L'era dei comuni va all'incirca dal 1100 al 1250; in particolare, durante il regno di Federico Barbarossa (1152-1190) le entità principali erano:[2][3]

Esistevano poi numerosi comuni autonomi di fatto, ma di diritto sudditi dell'Impero, dei quali i principali erano: Torino, Chieri, Asti, Alba, Savigliano, Tortona, Pesaro, Alessandria, Vercelli, Novara, Pavia, Lodi, Como, Bergamo, Brescia, Cremona, Crema, Milano, Mantova, Verona, Vicenza, Treviso, Padova, Piacenza, Parma, Reggio, Modena, Bologna, Ferrara, Firenze, Pisa, Siena, Lucca, Ancona, Perugia, Orvieto, Celano.

Era delle signorie[modifica | modifica sorgente]

Secoli XIII e XIV:[4]

Italia nord-occidentale[modifica | modifica sorgente]

Italia centro-settentrionale[modifica | modifica sorgente]

Italia nord-orientale[modifica | modifica sorgente]

Italia cispadana[modifica | modifica sorgente]

Italia centrale[modifica | modifica sorgente]

Italia centro-meridionale e insulare[modifica | modifica sorgente]

Balcani[modifica | modifica sorgente]

Seconda metà del XV secolo[modifica | modifica sorgente]

Italia nel 1494, prima dell'invasione di Carlo VIII

Dalla pace di Lodi (1454) alla fine del XV secolo[6]:

Conflitto tra Francia e Spagna[modifica | modifica sorgente]

Dalla pace di Cateau-Cambrésis (1559) alla pace dei Pirenei (1659)[7]:


Prima metà del XVIII secolo[modifica | modifica sorgente]

L'Italia nel 1796, prima dell'invasione napoleonica

Dalla pace di Rastadt (1714) alla pace di Aquisgrana (1748)[9]:


Era napoleonica[modifica | modifica sorgente]

L'Italia in epoca napoleonica (1810)

Dal 1796 al 1814[10]:

Dalla restaurazione all'unità d'Italia[modifica | modifica sorgente]

L'Italia dopo il Congresso di Vienna

Dal Congresso di Vienna (1815) all'unità d'Italia (1861)[11]:

Mappe storiche[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'Italia al tempo dei Carolingi (774-887), in Percorsi, p. 317.
  2. ^ L'Italia nell'età dei comuni (1100-1250 circa), in Percorsi, p. 323.
  3. ^ Il Sacro Romano Impero Germanico al tempo di Federico Barbarossa (1152-1190), in Percorsi, p. 321.
  4. ^ L'Italia nei sec. XIII-XIV, in Percorsi, pp. 324-325.
  5. ^ a b Rinaudo, tav. 17 (L'Italia sotto le signorie - sec. XIV).
  6. ^ L'Italia dalla pace di Lodi alla fine del sec. XV (1454-1500), in Percorsi, p. 326.
  7. ^ Italia 1560-1659. Duello Francia-Spagna per il predominio, in Percorsi, p. 329.
  8. ^ a b c d e f g h L'Italia alla pace di Cateau-Cambrésis (1559), in Storia universale, vol. I, p. 618.
  9. ^ Italia 1714-1748. Guerre Asburgo-Borboni per il predominio, in Percorsi, p. 330.
  10. ^ Italia 1796-1809. Le continue variazioni politiche imposte da Napoleone I, in Percorsi, pp. 332-333.
  11. ^ Italia 1815. La restaurazione del Congresso di Vienna, in Percorsi, p. 334.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV., I percorsi della storia - atlante, Milano, Istituto Geografico De Agostini, 1997.
  • AA. VV., Storia universale, Milano, Rizzoli Editore, 1965.
  • Costanzo Rinaudo, Atlante storico, Torino, Paravia, 1942.
  • Furio Diaz, Il granducato di Toscana. I medici, Torino 1976

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]