Cirrhilabrus cyanopleura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cirrhilabrus cyanopleura
KuroheriIBRzam.jpg KuroheriIBRsm.jpg
esemplare giovanile (sopra) e adulto
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Labridae
Genere Cirrhilabrus
Specie C. cyanopleura
Nomenclatura binomiale
Cirrhilabrus cyanopleura
Bleeker, 1851

Cirrhilabrus cyanopleura Bleeker, 1851 è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Labridae[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Proviene dalle barriere coralline dell'est dell'oceano Indiano e dell'oceano Pacifico. È stato localizzato da Isola del Natale, Isole Similan, Mare delle Andamane, Rowley Shoals, Isole Ryukyu, Palau, Filippine, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Grande barriera corallina e Taiwan[3]. Nuota tra i 2 e i 30 m di profondità[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Presenta un corpo allungato, con la testa dal profilo non particolarmente appuntito. La lunghezza massima registrata è 15 cm[3].

Le femmine sono prevalentemente rossastre chiare[4] o tendenti al marrone, con il ventre più chiaro e una macchia nera, piccola, sul peduncolo caudale. La pinna caudale ha il margine arrotondato[3] e le pinne sono trasparenti. Le pinne pelviche non sono allungate.

I maschi adulti si distinguono perché hanno la testa scura e il dorso tendente al giallastro, la pinna dorsale lunga e bordata di rosso e le pinne pelviche più allungate. La pinna caudale è a forma di rombo, con i raggi esterni più allungati[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Di solito nuota in banchi, composti anche da molti esemplari[3].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre prevalentemente di piccoli invertebrati acquatici[5] (zooplancton).

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie viene classificata come "dati insufficienti" (DD) dalla lista rossa IUCN perché probabilmente la popolazione è in calo a causa della cattura eccessiva e dell'inquinamento, ma non si hanno ancora informazioni precise[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Cabanban, A. & Choat, J.H, Cirrhilabrus cyanopleura in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Cirrhilabrus cyanopleura in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  3. ^ a b c d e (EN) C. cyanopleura in FishBase. URL consultato il 17 dicembre 2013.
  4. ^ Gerald R. Allen, p. 182
  5. ^ C. cyanopleura, alimentazione. URL consultato il 17 dicembre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerald R. Allen, Field Guide to Marine Fishes of Tropical Australia and South-East Asia, Western Australian Museum, 2009, ISBN 9781920843397.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci