Circuito sequenziale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un circuito sequenziale è un circuito logico in cui le uscite all'istante t non dipendono solo dagli ingressi nel medesimo istante, ma anche dai valori assunti in precedenza: si tratta ovvero di un sistema dinamico dotato di memoria.

In elettronica digitale il modello più generale di circuito è quello composto da n ingressi ed m uscite entrambi funzioni del tempo. Se in ogni istante il valore istantaneo delle uscite è determinato univocamente da valori degli ingressi il circuito è detto combinatorio, allora esso non dipende esplicitamente dal tempo. Quando invece il valore istantaneo delle uscite dipende anche dalla storia passata del circuito allora si parla appunto di circuito sequenziale.

Risulta allora necessario che le informazioni debbano essere memorizzate o registrate per essere poi utilizzate. L'elemento di memorizzazione elementare è il flip-flop, del quale ne esistono diversi tipi. Ma la cosa più importante per il funzionamento dei circuiti sequenziali è la temporizzazione, per diversi motivi: innanzitutto perché i circuiti sequenziali utilizzano macchine sequenziali, che sono per antonomasia le teorizzazioni dei dispositivi elettronici praticamente utilizzati: a tale scopo diciamo solo che una macchina sequenziale ha un numero di stati interni e una serie di regole che attraverso i valori degli ingressi e attraverso la mappa di transizione danno la mappa delle uscite, tutte quantità che dipendono dal tempo.

I circuiti sequenziali si distinguono in sincroni ed asincroni. Per quanto riguarda i circuiti digitali sincroni, la temporizzazione è essenziale; essi sono pilotati da impulsi di riferimento temporale (clock).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]