Circonvoluzione angolare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La circonvoluzione angolare è una regione del cervello localizzata nel lobo parietale, che si trova in prossimità del bordo superiore del lobo temporale, e immediatamente posteriormente alla circonvoluzione sopramarginale. Questa regione è coinvolta in una serie di processi legati al linguaggio, all'elaborazione dei numeri e alla cognizione spaziale, al richiamo della memoria, all'attenzione ed alla teoria della mente. Si tratta della zona 39 di Brodmann del cervello umano.

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

La circonvoluzione angolare sinistra e destra sono collegate con lo splenium dorsale e l'istmo del corpo calloso. Entrambe si trovano tra le circonvoluzioni dei quattro lobi.

Collegamenti con la circonvoluzione angolare
Connesso a Attraverso il
Regione frontale omolaterale e le regioni prefrontale e frontali inferiori. Fascicolo arcuato longitudinale superiore.[1]
Nucleo caudato Fascicolo occipitofrontale inferiore[2]
Circonvoluzione paraippocampica[3] e ippocampo[2] Fascicolo longitudinale inferiore
Precuneus e circonvoluzione frontale superiore Fascicolo occipitofrontale[4]
circonvoluzione sopramarginale Arcuato locale[5]

Funzione[modifica | modifica sorgente]

La circonvoluzione angolare è la parte del cervello associata con funzioni linguistiche complesse (come ad esempio la lettura, la scrittura e l'interpretazione di ciò che è scritto). Lesioni a questa parte del cervello comportano l'insorgenze dei sintomi della ben nota sindrome di Gerstmann: gli effetti includono agnosia digitale, alessia (incapacità di leggere), acalculia (incapacità di fare ricorso alle normali operazioni aritmetiche), agrafia (incapacità di scrivere), e confusione di lateralità sinistra-destra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ N. Makris, DN. Kennedy; S. McInerney; AG. Sorensen; R. Wang; VS. Caviness; DN. Pandya, Segmentation of subcomponents within the superior longitudinal fascicle in humans: a quantitative, in vivo, DT-MRI study. in Cereb Cortex, vol. 15, nº 6, Giu 2005, pp. 854-69, DOI:10.1093/cercor/bhh186, PMID 15590909.
  2. ^ a b LQ. Uddin, K. Supekar; H. Amin; E. Rykhlevskaia; DA. Nguyen; MD. Greicius; V. Menon, Dissociable connectivity within human angular gyrus and intraparietal sulcus: evidence from functional and structural connectivity. in Cereb Cortex, vol. 20, nº 11, Nov 2010, pp. 2636-46, DOI:10.1093/cercor/bhq011, PMID 20154013.
  3. ^ MF. Rushworth, TE. Behrens; H. Johansen-Berg, Connection patterns distinguish 3 regions of human parietal cortex. in Cereb Cortex, vol. 16, nº 10, Ott 2006, pp. 1418-30, DOI:10.1093/cercor/bhj079, PMID 16306320.
  4. ^ N. Makris, GM. Papadimitriou; S. Sorg; DN. Kennedy; VS. Caviness; DN. Pandya, The occipitofrontal fascicle in humans: a quantitative, in vivo, DT-MRI study. in Neuroimage, vol. 37, nº 4, Ott 2007, pp. 1100-11, DOI:10.1016/j.neuroimage.2007.05.042, PMID 17681797.
  5. ^ H. Lee, JT. Devlin; C. Shakeshaft; LH. Stewart; A. Brennan; J. Glensman; K. Pitcher; J. Crinion; A. Mechelli; RS. Frackowiak; DW. Green, Anatomical traces of vocabulary acquisition in the adolescent brain. in J Neurosci, vol. 27, nº 5, Gen 2007, pp. 1184-9, DOI:10.1523/JNEUROSCI.4442-06.2007, PMID 17267574.