Circolo ermeneutico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'atto di controllo e correzione delle ipotesi sul prototesto durante il processo traduttivo, vedi Circolo ermeneutico (traduzione).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
« Ciò che si deve comprendere è già in parte compreso. »
(Hans-Georg Gadamer)

Il circolo ermeneutico definisce il procedimento circolare che fonda ogni atto interpretativo. L'espressione fa riferimento all'ermeneutica, che in filosofia tratta della teoria dell'interpretazione (dal greco ἑρμηνευτική τέχνη - hermeneutikè tèchne, arte o tecnica della interpretazione).[1]

Dalle parti al tutto e dal tutto alle parti[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento circolare della interpretazione consiste nel muovere dalle parti che compongono il testo da interpretare al tutto e, viceversa, dal tutto alle parti.

Quando uno studioso si accosta a un testo da comprendere la sua mente non è del tutto vuota e sgombra dell'ambiente storico e culturale che l'ha formata nel tempo. Questo "tutto ideale", quindi, interviene prima ancora che si svolga il lavoro d'interpretazione e lo condiziona, lo impronta di sé. La conoscenza, cioè, risente dell'ambito storico e psicologico in cui essa si svolge, così che essa è il prodotto di una sovrapposizione circolare di nozioni.

D'altra parte vi è un continuo scambio tra le cose conosciute e quelle da conoscere, "le parti", che vanno a loro volta a modificare il complesso del sapere, "il tutto".

Storia del concetto[modifica | modifica wikitesto]

Friedrich Schleiermacher (17681834), filosofo e teologo ottocentesco, fu il primo a occuparsi della natura circolare del comprendere.

Lo stesso concetto, ma solo in maniera accennata, era già presente nella filologia ellenistica.

Un particolare interesse per il circolo ermeneutico venne espresso da parte degli esegeti biblici fin dall'epoca della Controriforma.

Il termine fu coniato da Dilthey nell'Origine dell'ermeneutica (1900) e fu ripreso nel XX secolo da vari filosofi, tra cui Martin Heidegger (1927) e Hans-Georg Gadamer (1960).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Garzanti di Filosofia, Garzanti, Milano 1981.p.260

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • N. Abbagnano, Dizionario di filosofia, UTET, Torino 1971 (seconda edizione).
  • F. Brezzi, Dizionario dei termini e dei concetti filosofici, Newton Compton, Roma 1995.
  • Centro Studi Filosofici di Gallarate, Dizionario dei filosofi, Sansoni, Firenze 1976.
  • Centro Studi Filosofici di Gallarate, Dizionario delle idee, Sansoni, Firenze 1976.
  • Enciclopedia Garzanti di Filosofia, Garzanti, Milano 1981.
  • E.P. Lamanna / F. Adorno, Dizionario dei termini filosofici, Le Monnier, Firenze (rist. 1982).
  • L. Maiorca, Dizionario di filosofia, Loffredo, Napoli 1999.
  • D.D. Runes, Dizionario di filosofia, 2 voll., Mondadori, Milano 1972.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Filosofia