Circolo Matematico di Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Circolo Matematico di Palermo è un'organizzazione e associazione accademica di matematica, la cui fondazione, promossa a Palermo dallo studioso Giovanni Battista Guccia, risale al 2 marzo 1884. L'elenco dei 27 soci fondatori comprendeva, tra gli altri, il fisico Augusto Righi, i matematici Giuseppe Albeggiani, Michele Gebbia e Alfredo Capelli, gli architetti e ingegneri Giuseppe Damiani Almeyda e Rosario Alagna[1].

Tra le più antiche società matematiche fondate in Italia[2], il Circolo Matematico fu un punto di riferimento della comunità matematica internazionale in particolare nei primi anni del Novecento[3], ed ebbe tra i suoi soci Jules Henri Poincaré, David Hilbert, Felix Klein, Federico Enriques[4].

Da esso deriva il periodico internazionale Rendiconti del Circolo Matematico di Palermo, fondato dallo stesso Guccia nel 1885.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Aldo Brigaglia, Guido Masotto, Il Circolo Matematico di Palermo, ed. Dedalo, Bari 1996.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A. Brigaglia - G. Masotto, op. cit., pp. 91-93
  2. ^ history.mcs.st-and.ac.uk
  3. ^ A. Guerraggio, I primi anni, in G. Bolondi (a cura di), La Mathesis. La prima metà del Novecento nella "Società italiana di Scienze matematiche e fisiche", Springer Verlag, Milano 2002, p. 27.
  4. ^ Dalla scheda di Il Circolo Matematico di Palermo sul sito della casa editrice Dedalo

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica