Circolazione extracorporea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Circolazione extracorporea
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 36.65
Sinonimi
CEC

La circolazione extracorporea (CEC) è un dispositivo biomedicale che garantisce la sopravvivenza dei pazienti chirurgici sostituendo temporaneamente le funzioni cardio-polmonari. Si tratta in generale di una sorta di terza circolazione che funziona artificialmente durante l'intervento chirurgico aspirando il sangue prima che arrivi al cuore destro, cioè dalla vena cava superiore e da quella inferiore (sangue desaturato), convogliandolo attraverso cannule e tubi in un ossigenatore e spingendolo poi nel sistema arterioso del paziente.

La CEC, tuttavia, non viene utilizzata solamente durante gli interventi di cardiochirurgia, ma ha un largo utilizzo anche all'interno di sale operatorie che eseguono trapianti, durante i quali è necessario lavorare sull'organo in questione continuando tuttavia a mantenere il resto dell'organismo del paziente irrorato di sangue. In questi casi non viene sempre utilizzata la macchina cuore-polmoni; nei trapianti di fegato infatti viene utilizzata un'apparecchiatura notevolmente più semplice (è, sostanzialmente, provvista solo di una pompa e di tubi che permettono di portare il sangue verso questa e di farlo pervenire di nuovo al paziente)che permette di bypassare il fegato.

La CEC può anche essere utilizzata in chirurgia toracica per pazienti affetti da tumore o come supporto cardio-circolatorio in pazienti con insufficienza cardiaca.

La macchina cuore-polmone e le varie metodiche di circolazione extra-corporea sono gestite dal tecnico perfusionista.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina