Cimitero tedesco di Costermano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cimitero tedesco di Costermano
Cimitero tedesco di Costermano
Tipo militare
Confessione religiosa mista
Ubicazione
Stato Italia Italia
Comune Costermano
Costruzione
Periodo costruzione 1956-1967

Il Cimitero tedesco di Costermano si trova in una zona collinare sulla riva orientale del lago di Garda nel comune di Costermano.

In questo cimitero sono raccolte le salme di 21.951 caduti tedeschi e non solo, della Seconda guerra mondiale, tratte dai cimiteri di guerra e da altri luoghi di sepoltura dell'Italia settentrionale.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

È stato costruito tra il 1956 ed il 1967, anno nel quale venne aperto al pubblico. È gestito dall'associazione umanitaria tedesca Volksbund Deutsche Kriegsgräberfürsorge e.V. su incarico del Governo Federale, che si occupa del rilevamento delle tombe dei caduti germanici all’estero, al loro mantenimento e cura.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Veduta del cimitero

Il cimitero è composto da quindici settori adornati con erica, risalenti sulla collina. In questo luogo si trova una grande terrazza , l'ingresso e una cappella, contenente un fossa comune. Fino al 2006 essa conteneva 8 volumi in lastre metalliche che recavano incisi i nomi dei Caduti, poi rimossi. A metà del sentiero che dal monumento porta alla sommità del colle vi è una piccola costruzione che funge durante le ricorrenze religiose da sagrestia. Sulla parte anteriore si trova una carta geografica in ceramica dell'Italia settentrionale che indica le province nelle quali furono precedentemente sepolti i caduti per essere poi traslati a Costermano. L'atrio, i gruppi di tre croci e le lapidi a forma di croce sono in Pietra Simona. Nel punto più elevato del cimitero è posta una croce in ferro alta 8 metri, con vista panoramica verso il lago di Garda.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sacrari militari della prima guerra mondiale – Castel Dante di Rovereto ed altri vicini sacrari militari italiani e stranieri , Edito a cura del Ministero della Difesa Commissariato Generale Onoranze Caduti in Guerra, Roma, 1971.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]