Cimitero del Père-Lachaise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 48°51′36″N 2°23′45.6″E / 48.86°N 2.396°E48.86; 2.396

Cimetière du Père-Lachaise
Ingresso principale del cimitero
Ingresso principale del cimitero
Tipo civile
Confessione religiosa mista
Stato attuale in uso
Ubicazione
Stato Francia Francia
Città Paris flag.png Parigi
Luogo XX arrondissement
Costruzione
Periodo costruzione 1803 - 1804
Data apertura 21 maggio 1804
Area 43,93 ettari
Architetto Alexandre-Théodore Brongniart
Tombe famose #Sepolture illustri

Il cimitero del Père-Lachaise /pɛʁ la.'ʃɛ:z/, primo dei cimiteri civili di Parigi, ed anche il più grande, è uno dei più celebri del mondo. È situato nel XX arrondissement ed è raggiungibile con le stazioni della metropolitana Père-Lachaise (linee 2 e 3) e Gambetta (linee 3 e 3bis).

È tra i luoghi più visitati della capitale francese insieme all'Arco di Trionfo, la Basilica del Sacro Cuore, la Cattedrale di Notre-Dame, il Centre Georges Pompidou, gli Champs-Élysées, la Conciergerie, la Torre Eiffel, il Grand Palais, i Giardini del Lussemburgo, l'Hôtel des Invalides, il Louvre, il Museo d'Orsay e l'Opéra Garnier.

A sud del cimitero è situato il Muro dei Federati, contro il quale alla caduta del governo insurrezionale furono fucilati 147 comunardi, dirigenti della Comune di Parigi, il 28 maggio 1871.

Un particolare divertente concerne il Père-Lachaise, spesso citato nei libri di Daniel Pennac dedicati alla figura di Benjamin Malaussène: il punto di ristoro, posto all'uscita che porge su rue de Charente, ha il nome di "La Renaissance".

Storia del cimitero[modifica | modifica sorgente]

Vialetto interno

All'inizio del XIX secolo, l'amministrazione napoleonica decise di vietare in tutto l'impero, a salvaguardia della sanità pubblica, il seppellimento dei morti negli spazi urbani (cioè nelle chiese e nei piccoli cimiteri annessi). Così nuovi cimiteri sostituirono, a Parigi, i vecchi. Furono creati, fuori città, il cimitero di Montmartre a nord, quello del Père-Lachaise a est, quello di Montparnasse a sud e, ancora nel cuore della città, il cimitero di Passy.

Il Père-Lachaise sorge sui vasti terreni appartenuti a François d'Aix de La Chaise (1624-1709), detto il Père La Chaise, gesuita, nipote del confessore di Enrico IV e a sua volta confessore del re di Francia Luigi XIV. Il Père La Chaise, nel periodo delle lotte contro i giansenisti, aveva esercitato sul re stesso una influenza moderatrice, e grazie alla propria carica aveva notevolmente ampliato le proprie risorse fondiarie. Questa vasta proprietà al Mont Louis, fuori città, apparve all'amministrazione napoleonica la più adatta alla nuova destinazione.
Al nome del Père La Chaise è intitolata ancor oggi anche una delle molte entrate del cimitero.

La progettazione del Père-Lachaise fu affidata all'architetto neoclassico Alexandre-Théodore Brongniart nel 1803, nella sua qualità di ispettore generale in capo della seconda sezione dei lavori pubblici del dipartimento della Senna e della città di Parigi. Brongniart ne disegnerà i grandi assi e progetterà monumenti funebri nessuno dei quali fu realizzato, tranne la tomba della famiglia Greffuhle, di stile neogotico. La cappella e il portale principale furono concepiti dall'architetto neoclassico Étienne-Hippolyte Godde.

Dalla sua apertura, il Père-Lachaise ha conosciuto cinque ampliamenti (nel 1824, 1829, 1832, 1842 e 1850), grazie ai quali è passato da 17,58 a 43,93 ettari, per 70.000 tombe, 5.300 alberi, una vera voliera e due milioni di visite.

Il cimitero fu aperto ufficialmente il 21 maggio 1804. La prima ad esservi sepolta fu una bambina di cinque anni. I parigini furono tuttavia lungamente restii a farsi seppellire in collina, e per giunta fuori città. La resistenza durò finché non furono trasferite al Père-Lachaise le spoglie di un certo numero di defunti illustri, come ad esempio Abelardo ed Eloisa: solo allora l'élite parigina accettò la nuova installazione.

Sepolture illustri[modifica | modifica sorgente]

Dettaglio di una lapide
La tomba di Jim Morrison, uno dei luoghi più visitati di Parigi

Vi sono sepolti, o vi sono stati sepolti, spesso trasferiti dalle tombe iniziali, molti personaggi famosi. Se ne elencano alcuni, per data di morte:

Traslati[modifica | modifica sorgente]

Abelardo ed Eloisa († 1142 e 1164), Savinien Cyrano de Bergerac († 1655), Molière († 1673), Jean de La Fontaine († 1695), Pierre-Augustin Caron de Beaumarchais († 1799)

XIX secolo[modifica | modifica sorgente]

Antoine Parmentier († 1813), Michel Ney († 1815), François-André Vincent († 1816), Gaspard Monge († 1818), Denis Decrès († 1820), Jean-Jacques Régis de Cambacérès († 1824), Vivant Denon († 1825), Henri de Saint-Simon († 1825), Jacques-Louis David († 1825), Armand Simon-Marie Blanquet du Chayla († 1826), Louis Gabriel Suchet († 1826), Joseph Léopold Sigisbert Hugo († 1828), Paul Barras († 1829), Benjamin Constant († 1830), Jean-François Champollion († 1832), François Étienne de Rosily-Mesros († 1832), Vincenzo Bellini († 1835, dal 1876 tumulato nel Duomo di Catania), Emmanuel Joseph Sieyès († 1836), Antonin Reicha († 1836), Karl Ludwig Börne († 1837), Eugène Hugo († 1837), Luigi Cherubini († 1842), Fryderyk Chopin († 1849), Honoré de Balzac († 1850), François Arago († 1853), Gérard de Nerval († 1855), Alfred de Musset († 1857, Auguste Comte († 1857), Elisa-Rachel Félix († 1858), Eugène Delacroix († 1863), Jean-Auguste-Dominique Ingres († 1867), Marguerite-Joséphine Weimer († 1867), Alessandro Giuseppe Colonna-Walewski († 1868), Gioachino Rossini († 1868, poi tumulato nella Basilica di Santa Croce a Firenze), Allan Kardec († 1869), Giulia Grisi († 1869), Jean-Pierre Dantan († 1869), Victor Noir († 1870), Charles Hugo († 1871), Louis Charles Delescluze († 1871), Gustave Flourens († 1871), Jules Michelet († 1874), Jean-Baptiste Camille Corot († 1875), Georges Bizet († 1875), Adolphe Thiers († 1877), Auguste Blanqui († 1881), Albert Theisz († 1881), Gustave Doré († 1883), Jules Miot († 1883), Giuseppe De Nittis († 1884), Maria Taglioni († 1884), Frédéric Cournet († 1885), Jules Vallès († 1885), Eugène Pottier († 1887), Émile Eudes († 1888), Félix Pyat († 1889), il Barone Haussmann († 1891), Georges Seurat († 1891), Adrien Decourcelle († 1892), Édouard Lalo († 1892), Benoît Malon († 1893), Marietta Alboni († 1894), Arsène Houssaye († 1896), Leó Frankel († 1896), Louis Auguste Rogeard († 1896), Alphonse Daudet († 1898), Félix Faure († 1899), Virginia Oldoini, contessa di Castiglione († 1899), Oscar Wilde († 1900).

XX secolo[modifica | modifica sorgente]

Prosper-Olivier Lissagaray († 1901), Raoul Urbain († 1902), Jean-Baptiste Clément († 1903), Charles Longuet († 1903), Camille Pissarro († 1903), Augustin Avrial († 1904), Walery Wroblewski († 1908), Nadar († 1910), Paul Lafargue († 1911), Laura Marx († 1911), Gustave de Molinari († 1912), Thérésa († 1913), Angelo Mariani († 1914), Guillaume Apollinaire († 1918), Adelina Patti († 1918), Amedeo Modigliani († 1920), Jeanne Hébuterne († 1920), Marcel Proust († 1922), Sarah Bernhardt († 1923), Élémir Bourges († 1925), Piero Gobetti († 1926), Isadora Duncan († 1927), Georges Courteline († 1929), Anna de Noailles († 1933), Nestor Ivanovič Machno († 1934), Aleksandr Potresov († 1934), Paul Dukas († 1935), Fulgence Bienvenüe († 1936), Georges Méliès († 1938), Gertrude Stein († 1946), Wols († 1951), Paul Éluard († 1952), Colette († 1954), René Le Senne († 1954), Pierre Levegh († 1955), Max Ophuls († 1957), Richard Wright († 1960), Rafael Leónidas Trujillo († 1961), Maurice Merleau-Ponty († 1961), Francis Poulenc († 1963), Édith Piaf († 1963), Maurice Thorez († 1964), Cléo de Mérode († 1966), Cino Del Duca († 1967), Jim Morrison († 1971), Miguel Ángel Asturias († 1974), Anatole Litvak († 1974), Pierre Dac († 1975), Max Ernst († 1976), Maria Callas († 1977), Marcel Camus († 1982), Georges Perec († 1982), Fernand Braudel († 1985), Simone Signoret († 1985), Yves Montand († 1991), Marcel Mouloudji († 1994), Stéphane Grappelli († 1997), Michel Petrucciani († 1999),

XXI secolo[modifica | modifica sorgente]

Gilbert Bécaud († 2001), Jean-Pierre Aumont († 2001), Guy Tréjean († 2001), Pierre Bourdieu († 2002), Françoise Giroud († 2003), Marie Trintignant († 2003), Sophie Daumier († 2003), Jacques Rouxel († 2004), Serge Adda († 2004), Arman († 2005), Suzanne Flon († 2005), Claude Jade († 2006), Robert Etcheverry († 2007), Lucie Aubrac († 2007), Régine Crespin († 2007), Catherine Peltier, Supernana († 2007), Marcel Marceau († 2007), Henri Salvador († 2008), Max Théret († 2009), Alain Bashung († 2009), Maurice Grimaud († 2009), Jocelyn Quivrin († 2009), Claude Chabrol († 2010), Laurent Fignon († 2010), Jean Le Bitoux († 2010), France Pejot († 2010), Jean Rollin († 2010), Maria Schneider († 2011), Annie Girardot († 2011), Ekaterina Golubeva († 2011).

Galleria d'immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Michelangelo Giampaoli, Il Cimitero di Jim Morrison. Trasgressione e vita quotidiana tra le tombe ribelli del Père Lachaise di Parigi, Viterbo, Stampa Alternativa, 2011. ISBN 978-88-6222-144-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]