Cimitero americano di Nettuno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cimitero americano di Nettuno
Cimitero americano di Nettuno
Tipo militare
Confessione religiosa mista
Ubicazione
Stato Italia Italia
Città Nettuno
Costruzione
Data apertura 24 gennaio 1944
Area 311.542 m²

Il Cimitero americano di Nettuno (Sicily – Rome American Cemetery and Memorial) è un cimitero militare dedicato ai soldati statunitensi che morirono durante la seconda guerra mondiale. Venne installato come cimitero temporaneo nella città di Nettuno, il 24 gennaio 1944, dopo solo due giorni dall'inizio dell'operazione Shingle (sbarco di Anzio e Nettuno), che ebbe luogo sulla costa tirrenica nell'area che va da Lido dei Pini fino a Torre Astura.

Il sito copre una dimensione di 311.542 m². All'ingresso vi è una piccola isola lacustre con dei cipressi. Subito dietro, si apre un grande viale costeggiato da 7.862 lapidi bianche, corrispondenti a tutti gli americani deceduti (anche donne crocerossine) in diversi contesti: nell'operazione Shingle; in quella che avvenne in Sicilia, l'operazione Husky iniziata il 10 luglio del 1943; nell'operazione Avalanche, il cui sbarco fu nella zona di Salerno il 9 settembre del 1943. In fondo vi è un grande memorial, consistente di una cappella, un peristilio ed una stanza delle mappe illustranti le operazioni. In posizione preminente nel peristilio, si erge il monumento ai "Fratelli in armi", una scultura che simboleggia il soldato ed il marinaio americani, fianco a fianco, ognuno con un braccio intorno alle spalle dell'altro. Nelle bianche mura di marmo della cappella, vi sono i nomi dei 3.094 dispersi.

In 490 tombe sono raccolte le spoglie di coloro che non poterono essere identificati.

Il cimitero si trova in via Santa Maria, in corrispondenza di largo Vittime dell'11 settembre 2001.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]