Cimitero 117

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cimitero 117
Utilizzo Cimitero
Epoca CXVIII secolo a.C.
Localizzazione
Stato Sudan Sudan
Scavi
Data scoperta 1964
Archeologo Fred Wendorf

Il cimitero 117 è un antico cimitero risalente ad un periodo compreso tra il 12.340 e l'11.140 a.C., situato nel Sudan settentrionale lungo il confine con l'Egitto: una delle ipotesi formulate dagli archeologi renderebbe il sito la più antica traccia conosciuta di un episodio bellico.

Il sito venne scoperto nel 1964 da un team guidato dall'antropologo e archeologo americano Fred Wendorf, contiene 59 corpi (più numerosi frammenti di altri individui): 24 donne, 19 uomini e 13 bambini (tre corpi non sono stati identificati). Gli scheletri sono stati analizzati con la datazione al radiocarbonio e secondo i risultati appartengono a uomini vissuti intorno all'11740 a.C., ovvero nel CXVIII secolo a.C. (centodiciottesimo). I corpi sono distribuiti in tre siti vicini tra loro, due dei quali chiamati Jabel Sahaba e il terzo Tushka. Circa il 40% dei corpi di Jabel Sahaba sono deceduti per morte violenta e mostrano gravi ferite; nei loro corpi vi erano pietre appuntite, in punti che suggeriscono un attacco subito da lance o frecce.

I corpi e altri manufatti rinvenuti nel sito sono stati donati di recente al British Museum.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kelly, Raymond (October 2005). "The evolution of lethal intergroup violence". PNAS 102: 24-29.
  • F. Wendorf, 'Site 117: A Nubian Final Paleolithic Graveyard near Jebel Sahaba, Sudan'. In: F. Wendorf, Editor, The Prehistory of Nubia, Southern Methodist University, Dallas (1968), pp. 954–995.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]