Cima di Jazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cima di Jazzi
CimadiJazzi.JPG
La vetta vista da ovest
Stati Italia Italia
Svizzera Svizzera
Regione Piemonte Piemonte
Vallese Vallese
Provincia Verbano-Cusio-Ossola Verbano-Cusio-Ossola
Altezza 3.803 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°58′51.9″N 7°53′40.9″E / 45.981083°N 7.894694°E45.981083; 7.894694Coordinate: 45°58′51.9″N 7°53′40.9″E / 45.981083°N 7.894694°E45.981083; 7.894694
Data prima ascensione agosto 1851
Autore/i prima ascensione G.M. Sykes e Matthäus Zumtaugwald[1]
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima di Jazzi
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Pennine
Sottosezione Alpi del Monte Rosa
Supergruppo Gruppo del Monte Rosa
Gruppo Gruppo della Cima di Jazzi
Sottogruppo Sottogruppo della Cima di Jazzi
Codice I/B-9.III-A.3.a

La Cima di Jazzi (3.803 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Pennine che si trova lungo il confine tra l'Italia e la Svizzera.

Il versante italiano domina la valle Anzasca; quello versante svizzero si eleva sopra la Mattertal.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La montagna vista da Borca, frazione di Macugnaga.

La cima di Jazzi è, nonostante la sua quota non raggiunga i 4.000 m, una delle vette più famose del gruppo del Monte Rosa. Imponente ed arcigna, presenta una parete di circa 1800 metri che precipita sopra Macugnaga. Al centro di questa parete, quasi interamente roccioso, c'è il Triangolo della Jazzi, un salto di circa 500 metri completamente liscio, che presenta difficoltà valutate tra il VI grado e l'A1. Venne superato direttamente il 28-29 giugno 1959 dalla cordata Bisaccia-Bertolini-Jachini. Si tratta tecnicamente di una via estremamente difficile, con continui passaggi di V, VI e A1.

Salita alla vetta[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Saglio e Boffa, p. 316

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]