Ciclo dello Spazio conosciuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Ciclo dello Spazio conosciuto è l'insieme di opere letterarie più conosciuto dello scrittore statunitense di fantascienza Larry Niven; è composto da sei romanzi, tre antologie (tradotte solo parzialmente in italiano) e alcuni racconti. La narrazione copre un arco temporale di circa mille anni, che va dalle prime esplorazioni spaziali all'interno del sistema solare, riconducibili ai giorni nostri, fino alla fine del millennio in corso; periodo in cui viene descritta l'espansione dell'umanità tra i sistemi planetari di altre stelle e la sua successiva integrazione tra le numerose specie aliene che lo abitano, pacifiche o meno.

Le basi del ciclo sono tracciate in Tales of the Known Space (Racconti dello Spazio conosciuto). Sono descritti i primi tentativi di espansione della razza umana all'interno del sistema solare e poi oltre, verso i pianeti extrasolari; la costruzione di insediamenti minerari sugli asteroidi e l'invenzione delle Slowboats, navi spinte da motori atomici Bussard.

Stasi Interrotta è invece il primo romanzo del ciclo e narra la storia del primo incontro tra gli uomini e una razza aliena, reso possibile solo grazie a poteri extrasensoriali che cominciano a diffondersi nell'umanità.

Più avanti fanno la loro comparsa numerose nuove specie aliene, tra cui i Burattinai, una delle specie più affascinanti e cruciali per l'intera saga fantascientifica. Ecco come li descrive lo stesso Niven: "... Centauri senza testa e con tre gambe, che portano tra le braccia due burattini, ma le braccia sono teste vere piatte e prive di cervello, con ampie labbra flessibili. Il cervello è alloggiato sotto una gobba ossea..."

Mentalmente paranoici e abilissimi negli intrighi, i Burattinai nascondono a tutti l'ubicazione del loro pianeta d'origine e delle colonie da loro abitate, che sposteranno, assieme ai loro soli, una volta scoperto che una reazione a catena di SuperNovae renderà inabitabile gran parte della Galassia nel giro di ventimila anni.

La loro ricerca li porterà, assieme a esploratori umani e Kzinti, sul Mondo Anello o Ringworld, un gigantesco anello frutto di un'antica ed avanzatissima tecnologia, che sfrutta la forza centrifuga di rotazione per mantenere sulla sua superficie interna un habitat dall'estensione quasi sconfinata, di cui inizialmente si ignorano origine e costruttori. La storia di Ringworld e della sua esplorazione è descritta nei romanzi finali del ciclo: I burattinai, I costruttori di Ringworld, Il trono di Ringworld ed I figli di Ringworld.

Ultimamente Niven è tornato ad accentrare l'attenzione sulla Flotta dei Mondi burattinaia con il romanzo Fleet of Worlds del 2007 ed il successivo Juggler of Worlds di prossima uscita.

Specie aliene dello Spazio conosciuto[modifica | modifica wikitesto]

  • Kzinti, belligeranti e giganti alieni dall'aspetto felino, in guerra con gli umani; ruolo principalmente marginale fino all'uscita delle Man-Kzin Wars raccolte di racconti brevi, in gran parte di altri autori.
  • Burattinai di Pierson (o semplicemente Burattinai), razza tecnologicamente avanzata simile a centauri senza testa; il nome deriva dalla doppia testa e dall'uso della bocca come organo prensile; sono inoltre dotati di tre zampe munite di zoccoli. Erbivori ed abituati a vivere in branco, la caratteristica principale del loro comportamento è sicuramente la loro estrema paura: rifuggono infatti ogni più piccolo accenno di pericolo. Il pianeta principale dei burattinai è stato sempre tenuto segreto. Sono sicuramente una delle specie più importanti dello spazio conosciuto in quanto la General products, compagnia da loro controllata, produce gli scafi per le navi interspaziali.
  • Esterni, fragili alieni a bassa temperatura che solcano lo spazio profondo e commerciano informazioni, rivelano agli umani il viaggio FTL.
  • Pak, parenti interstellari dell'umanità, il cui ciclo di vita mette in evidenza lo scopo della vecchiaia umana.
  • Kdatlyno, una specie schiavizzata dagli Kzinti, fin quando gli umani li liberano. I Kdatlyno "vedono" per mezzo di un sonar e creano sculture intese per essere "viste" dai Kdatlyno, "sentite" dagli umani e leccate dai burattinai.
  • Thrintun, specie estinta da moltissimo tempo che governava la galassia attraverso il controllo telepatico della mente.
  • Grog, coni sessili pelosi, che possono controllare telepaticamente gli animali. I Grog si rivelano essere i sopravvissuti mutati della specie Thrintun.
  • Tnuctipun, usati dai Thrintun come ingegneri genetici.
  • Bandersnatchi, colossali creature simili a gastropodi, create dai Tnuctipun per essere da loro utilizzati come fonte d'alimentazione.
  • Trinoc, chiamati così per i loro tre occhi, tre sopracciglia, bocca triangolare, ecc.
  • marziani, recentemente estinti, eccetto che sulla zona chiamata Mappa di Marte.
  • Jotoki, esseri senzienti a forma di piovra formati dall'unione dei lobi di 5 creature non senzienti a forma di anguilla, in un unico cervello. Ex governanti di un impero interstellare, usavano i Kzinti come guardie del corpo, ma questi si ribellarono e usarono la tecnologia Jotoki per creare il loro impero.
  • Coloro che passano, entità provenienti da un'altra dimensione in visita nel nostro universo, attraverso le stringhe cosmiche, ma incapaci di entrarvi. Non canonici.

Compaiono anche in alcune storie dei cetacei intelligenti e specie discendenti dalla linea degli Homo sapiens.

Bibliografia in ordine di pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è la bibliografia delle opere che appartengono al Ciclo dello Spazio conosciuto, in ordine di pubblicazione in lingua originale.

In alcuni testi[1] sono collocati in questo ciclo anche il racconto fantasy Not Long Before The End (1969) ed il racconto giallo The Deadlier Weapon (1968), che non hanno un effettivo legame con le altre opere del ciclo.

Anno Titolo originale Titolo italiano Tipo
1964 The Coldest Place romanzo breve
1965 The World of Ptavvs versione breve, non pubblicata in Italia
1965 Becalmed in Hell L'inferno racconto
1966 The World of Ptavvs Stasi interrotta, anche
Pianeta di schiavi
romanzo
1966 Eye of an Octopus racconto
1966 The Warriors I Guerrieri racconto
1966 Neutron Star Stella di neutroni, anche
Stella al neutronio
racconto
1966 How the Heroes Die racconto
1966 At the Core Pubblicità negativa racconto
1966 A Relic of the Empire I pirati racconto
1966 At the Bottom of a Hole In fondo a un buco racconto
1967 The Soft Weapon Maneggio dell'arma racconto
1967 Flatlander racconto
1967 The Ethics of Madness racconto
1967 Safe at any Speed Garantita contro ogni rischio racconto
1967 The Adults versione breve di Protector
1967 The Handicapped, anche
Handicap
Grog racconto
1967 The Jigsaw Man L'uomo-puzzle racconto
1968 The Deceivers, anche
Intent to Deceive
racconto
1968 Grendel Sequestro di scultore racconto
1968 There is a Tide Marea racconto
1968 A Gift From Earth Un dono dalla Terra romanzo breve [2]
1968 Wait It Out In attesa racconto
1969 The Organleggers, anche
Death by Ecstasy
Morte per estasi racconto
1970 Ringworld I burattinai, anche
Burattinai nel cosmo
romanzo
1972 Cloak of Anarchy racconto
1973 Protector Il difensore romanzo
1973 The Defenseless Dead Chi difende i morti? racconto
1974 The Borderland of Sol Ai confini di Sol racconto
1975 ARM ARM racconto
1980 The Ringworld Engineers I costruttori di Ringworld, anche
Il segreto dei costruttori di Ringworld
romanzo
1980 The Patchwork Girl romanzo
1990 Madness Has Its Place Il posto della follia racconto
1994 Procrustes racconto
1994 Ghost racconto "cornice" alla raccolta Crashlander
1995 The Woman in Del Rey Crater racconto
1996 The Ringworld Throne Il trono di Ringworld romanzo
1998 Choosing Names racconto
2002 Fly-By-Night racconto
2004 Ringworld's Children I figli di Ringworld romanzo
2005 The Hunting Park racconto
2007 Fleet of Worlds Flotta di mondi romanzo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sandro Pergameno, L'universo dello "Spazio conosciuto", in "I burattinai", Editrice Nord, ISBN 88-429-0391-4
  2. ^ Pubblicato in precedenza in forma breve come Slowboat Cargo (1968).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]