Ciclamato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ciclamato di sodio
Ciclamato di sodio
Ciclamato di sodio
Nome IUPAC
N-cicloesilsulfamato di sodio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C6H12NNaO3S
Massa molecolare (u) 201.22 g/mol
Numero CAS [139-05-9]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 302
Consigli P [1]

Il ciclamato (a volte erroneamente chiamato ciclammato) è un dolcificante artificiale a elevato potere edulcorante che viene spesso usato in associazione alla saccarina nella produzione di sciroppi semplici e sciroppi medicati dietetici o per diabetici.

Per ciclamato tout court s'intende il sale formato dall'acido ciclammico con sodio o calcio. Il suo potere dolcificante, da 30 a 50 volte superiore al saccarosio, fu scoperto casualmente nel 1937 da Michael Sveda, ricercatore all'Università dell'Illinois.

Il ciclamato è stato sospettato di essere cancerogeno ad alte dosi, in base ad alcuni studi sui ratti.[2] Numerosi studi, effettuati successivamente, tendono a dimostrare che questa cancerogenicità è specifica per il ratto, poiché questa specie animale metabolizza il ciclamato in modo diverso da come fa l’uomo. Benché la questione sia controversa, alcuni paesi, tra cui gli USA[3], hanno vietato l'uso alimentare del ciclamato. In Europa l'uso è consentito con restrizioni ed esclusioni.

Le solfatasi batteriche, parte della flora microbica residente del colon, possono convertire il dolcificante ciclamato in cicloesamina, un agente cancerogeno della vescica[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 08.11.2013, riferita al sale sodico
  2. ^ Inactivation of antiadherence effect of bladder surface glycosaminoglycans as possible mechanism for carcinogenesis.
  3. ^ Artificial Sweeteners and Cancer, National Cancer Institute
  4. ^ Microbiologia clinica: Lanciotti E., CEA, Milano.