Ciarán di Saighir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
San Ciarán di Saighir

abate e vescovo di Seir-Kieran (Saighir)

Nascita III secolo a St. Kieran's Strand, vicino a Clear Island, in Irlanda
Morte IV secolo, a Seir-Kieran (Saighir), nella contea di Offaly, in Irlanda
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 5 marzo
Attributi raffigurato in compagnia di una cinghiale
Patrono di Diocesi di Ossory

Ciarán di Saighir, detto Ciarán il Vecchio e conosciuto anche come Kieran, Kyran, Ceran, Queran, Queranus, Ciarano o Chierano (pronuncia:/kɪ’ɛra:n/, dal gaelico 'Ciar' che significa "scuro"; ... – ...), è stato un vescovo cattolico irlandese del VI secolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Di sangue reale, nacque in un luogo noto oggi come St. Kieran's Strand, vicino Clear Island, all’estremo meridionale dell'Irlanda. È annoverato tra i Dodici apostoli d'Irlanda che studiarono alla scuola di San Finnian di Clonard, benché la cronologia non sia coerente. Dopo avere studiato anche a Tours e a Roma, fu ordinato sacerdote e vescovo e inviato a evangelizzare l'Irlanda. Una leggenda narra che San Patrizio gli avesse regalato una campana e gli avesse chiesto di fondare un monastero nel punto dove la campana avesse suonato la prima volta. Stabilì il suo eremo tra le Slieve Bloom mountains, dove gli unici suoi compagni erano gli animali selvatici: un cinghiale lo aiutò a costruire il suo primo rifugio.

Il trono di san Kieran, conservato nella Cattedrale anglicana di San Canizio a Kilkenny

La leggenda[modifica | modifica sorgente]

Una leggenda racconta che vedendo un uccellino preda di un falco, pregò che il predatore glielo consegnasse. Il falco lo depositò ai suoi piedi sanguinante e l’uccellino guarì miracolosamente. Con il passare del tempo Ciarán raccolse dei seguaci con i quali fondò il monastero di Seir-Kieran (Saighir), vicino Ossory, nella contea di Offaly, che divenne anche il luogo di sepoltura dei re di Ossory. Vicino al suo monastero, sua madre Liadan costruì un altro convento. Tra i suoi miracoli si ricorda la resurrezione di sette suonatori d’arpa, uccisi da dei briganti, che per riconoscenza si unirono al monastero. Durante un contrasto con il re Ailill, per punizione lo rese muto per una settimana. San Ciarán di Saighir viene spesso confuso con san Piran di Cornovaglia. Nella cattedrale anglicana di San Canizio, a Kilkenny, è conservato un seggio di pietra detto "il trono di San Kieran".

Culto[modifica | modifica sorgente]

È venerato come santo dalla Chiesa cattolica, che lo commemora il 5 marzo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]