Ciampino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ciampino (disambigua).
Ciampino
comune
Ciampino – Stemma Ciampino – Bandiera
Ciampino – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Roma-Stemma.png Roma
Amministrazione
Sindaco Giovanni Terzulli (PD) dall'08/06/2014
Data di istituzione 18/12/1974
Territorio
Coordinate 41°48′00″N 12°36′00″E / 41.8°N 12.6°E41.8; 12.6 (Ciampino)Coordinate: 41°48′00″N 12°36′00″E / 41.8°N 12.6°E41.8; 12.6 (Ciampino)
Altitudine 124 m s.l.m.
Superficie 13 km²
Abitanti 38 529[1] (2014)
Densità 2 963,77 ab./km²
Frazioni Acqua Sotterra, Casabianca, Mola Cavona, Pantanelle, Valle Copella.
Comuni confinanti Grottaferrata, Marino, Roma
Altre informazioni
Cod. postale 00043
Prefisso 06
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 058118
Cod. catastale M272
Targa RM
Cl. sismica zona 2B (sismicità media)
Nome abitanti ciampinesi
Patrono Sacro Cuore di Gesù
Giorno festivo Venerdì della terza settimana dopo Pentecoste
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ciampino
Posizione del comune di Ciampino nella provincia di Roma
Posizione del comune di Ciampino nella provincia di Roma
Sito istituzionale

Ciampino è un comune italiano di 38.529 abitanti della provincia di Roma, nel Lazio. Ciampino, fino al 1974 frazione del vicino comune di Marino, è situata nell'area metropolitana di Roma, strategicamente situata fra la Capitale ed i Castelli Romani. Nel 2004 le è stato conferito il titolo di Città dal Presidente della Repubblica Italiana Carlo Azeglio Ciampi.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è situato alla sinistra del fosso Patatona. Il territorio comunale confina a Nord ed a Ovest con Roma,a Est con Grottaferrata e a Sud con Marino. Di fatto, il comune è la "cerniera" tra la Capitale ed i Castelli romani. Il territorio comunale è attraversato dalla Marrana dell'Acqua Mariana, un fosso che nasce nella zona di Marino, confluisce nel fiume Almone.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima della città è fondamentalmente di tipo mediterraneo, ma non sono rare punte continentali, specialmente in inverno. Le stagioni autunnale e primaverile sono particolarmente piovose e con temperature miti. Gli inverni, anch'essi caratterizzati da discreta piovosità, alternano periodi relativamente miti ad altri che presentano condizioni di freddo molto accentuate, specie in presenza di alta pressione con venti freddi orientali o settentrionali che uniti al fenomeno dell'inversione termica fanno spesso scendere le temperature sotto lo 0, con minime fino a -5 °C, ed occasionalmente anche inferiori. La neve è un fenomeno rarissimo: si tratta perlopiù di timidi rovesci di graupel o acquaneve. L'estate è molto calda, umida e tendenzialmente siccitosa. In generale, il clima è spesso ventilato, con una prevalenza di venti settentrionali, come la tramontana e il grecale, e occidentali, come il maestrale, il libeccio e il ponentino, quest'ultimo così chiamato in quanto proveniente dalla zona di ponente ossia dalla vasta pianura dell'agro romano che si estende proprio davanti Ciampino. Le precipitazioni annuali oscillano intorno agli 800 mm trovandosi Ciampino ai piedi del versante nord dei Colli Albani dove si verifica il fenomeno detto stau, che consiste nella riduzione del vapore acqueo nelle nuvole man mano che il terreno si alza. Perciò la piovosità maggiore si avrà sulle prime alture dei colli, rivolte verso il mare, verso sud sud-ovest, e la minore verso nord. In estate, in condizioni di ondate di calore particolarmente intense, la temperatura può arrivare a toccare i 40 °C.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Roma Ciampino.
ROMA CIAMPINO Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 12,5 13,4 16,7 19,1 24,4 28,7 31,1 28,8 25,6 19,8 14,3 12,2 12,7 20,1 29,5 19,9 20,6
T. min. mediaC) 2,7 3,5 5,0 7,5 11,1 14,7 17,4 17,5 14,8 10,8 6,8 3,9 3,4 7,9 16,5 10,8 9,6
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 8 6 3 0 0 0 0 0 0 0 1 5 19 3 0 1 23
Precipitazioni (mm) 102,6 98,5 67,5 65,4 48,2 34,4 22,9 32,8 68,1 93,7 129,6 111,0 312,1 181,1 90,1 291,4 874,7
Giorni di pioggia 9 9 9 9 6 4 2 3 6 8 11 10 28 24 9 25 86
Umidità relativa media (%) 77 75 72 73 71 68 67 66 69 74 78 78 76,7 72 67 73,7 72,3
Eliofania assoluta (ore al giorno) 3,9 4,7 5,4 6,7 8,5 9,5 10,7 9,6 7,9 6,3 4,3 3,6 4,1 6,9 9,9 6,2 6,8
Vento (direzione-m/s) NE
4,2
S
4,4
S
4,4
S
4,3
S
4,0
SW
4,0
SW
4,1
SW
4,0
S
3,9
S
3,9
S
4,3
NE
4,3
4,3 4,2 4,0 4,0 4,1

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Ciampino.

Il territorio di Ciampino è adiacente all'antica Via Appia, ed era, in età romana, sede di fattorie e ville rustiche la più famosa delle quali è quella di Quinto Voconio Pollione risalente al II secolo d.C.

Ciampino deve il suo nome a Giovanni Giustino Ciampini, un prelato dalla curia pontificia, scienziato e archeologo nato a Roma nel 1633 e morto nel 1698.

Proprietario di un casale in località Ad Decimum ai piedi dei Castelli romani, alla sua morte sulle mappe catastali viene indicato come Il casale di Ciampino e il vasto territorio agricolo nei suoi pressi viene indicato con il nome di Vigna Ciampini.

Nel corso dei secoli non vi sono avvenimenti di rilievo, e il territorio rimase sostanzialmente sede di piccoli casali. Il primo segnale di rilievo è stata la costruzione nel 1856 della ferrovia Roma-Frascati e la conseguente creazione di una galleria che prende il nome di Galleria di Ciampino.

Il 29 ottobre 1910 viene fondata la Società Anonima Cooperativa Colli Parioli che acquista dei terreni appartenenti ai Colonna e da destinare ai suoi soci per dar vita ad un primo progetto di città. Si opta per una soluzione di Città giardino e viene stilato un Piano Regolatore.

Nel 1916 si costruisce una stazione dei Carabinieri e una base militare che viene intitolata all'appena scomparso pilota di aerostati Giovan Battista Pastine adatta ad accogliere le aeronavi della Regia Marina.

Nel 1922 inizia la costruzione di un edificio casa religiosa (IGDO)per l'accoglienza delle Ancelle del Sacro Cuore con annesso collegio e nel 1925 viene eretta la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù che sarà patrono della città.

Intanto prosegue lo sviluppo dell'aeroporto militare che viene diviso in due per accogliere, oltre ai dirigibili, anche gli aeroplani. Da questo scalo il giorno 10 aprile 1926 avviene il decollo del dirigibile Norge di Umberto Nobile. Successivamente nel 1928 partirà per far scalo a Milano la sfortunata missione verso il Polo Nord del dirigibile Italia. Nel 1931 gli abitanti a Ciampino sono appena 2.584.

Nel 1938 viene costruita in pieno centro cittadino la distilleria ed enopolio dei Castelli Romani un progetto che decreta la fine del sogno della città giardino. Durante la Seconda guerra mondiale, Ciampino subisce gravi bombardamenti a causa delle vicinanze con l'aeroporto. Sia l'IGDO che la distilleria verranno gravemente danneggiati. Al termine del conflitto il collegio porterà (e porta tuttora) i segni e le rovine di una guerra drammatica.

Il dopoguerra segna la lenta rinascita della città. L'attività della distilleria riprende e si costituisce la Cantina Sociale Cooperativa di Marino. L'aeroporto comincia ad essere utilizzato anche per scopi civili oltre che militari grazie alla creazione della Ali Flotte Riunite con rotte Roma-New York, Roma-Londra ed altre rotte internazionali. Siamo nel 1951 e Ciampino conta 5.510 abitanti, ma già nel 1961 essi sono passati a 12.277.

Sono proprio gli anni sessanta che porteranno grandi cambiamenti. Il progetto di "Città Giardino" è ormai dimenticato, sono gli anni del boom edilizio e le nuove costruzioni si moltiplicano e non sempre fanno bella mostra di sé. La città prende forma priva di un progetto razionale e soprattutto di infrastrutture e servizi. Sono anche anni di crescita demografica e culturale e a poco a poco nascono idee e comitati. Aumentano così le scuole e le associazioni, che favoriscono un clima propizio alla volontà di creare un proprio comune. Ciampino infatti è ancora solo frazione di Marino.

Si costituisce un comitato politico per l'autonomia del comune nel 1972 che porta avanti numerose iniziative in tal proposito. - La Legge Regionale n.69 del (25 settembre 1974) sancisce che Ciampino è divenuto l'8.064º Comune d'Italia. Il giorno (18 dicembre 1974) è il giorno riconosciuto della nascita del nuovo comune e sei mesi dopo viene eletto il primo sindaco di Ciampino Felice Armati a cui viene intitolato nel 2005 il Piazzale del comune.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma

La descrizione araldica dello stemma della Città di Ciampino è: "Tagliato al PRIMO d'azzurro alle sei punte di dardo d'argento poste in ordine tre, due, uno, nel SECONDO di azzurro ai sei grappoli con viticci di verde posti in ordine uno, due, tre, alla sbarra sul tutto".[3] La partizione del Campo è: Tagliato; i colori: Argento, Azzurro, Verde. Lo stemma è stato recentemente adeguato alla classificazione di Città, modificando la parte superiore (torre), ora a 5 punte.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo di Città; conferito l'8 settembre 2004 dal Presidente della Repubblica.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • "Il volo della Cariatide" fontana monumentale in Via 4 novembre, ad opera del Maestro Paolo Mayol.
  • "Monumento ai caduti" monumento sito in Piazza della Pace alla memoria dei caduti di Ciampino nelle guerre,ad opera del Maestro Arturo Consalvo.
  • Opere d'arte Collocate permanentemente nella Sala Consiliare in occasione del Giorno Internazionale della Pace.
    • 2004 - "Oriente ed Occidente" bassorilievo bronzeo di Paolo Mayol.
    • 2005 - "Resurrction Day" scultura di Silvio D'Amelio.
    • 2006 - "Un abbraccio per la pace" scultura in marmo di Carrara di Stefano Piali.
    • 2007 - "Omaggio a Michelangelo" scultura in bronzo di Rossian.
    • 2008 - "Giustizia e perdono per la pace" bassorilievo bronzeo di Laura Andreuzzi.
  • Villa Maruffi
  • Villa di Quinto Voconio Pollione

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • Torre di Messerpaoli
  • Torre dell'Acqua Sotterra
  • Mola Cavona

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

La vicinanza di Roma e la presenza nel territorio di ville di epoca romana ha reso possibile il ritrovamento nel corso del XIX secolo di importanti reperti archeologici nel territorio di Ciampino.

Nel 1880 durante i lavori per la realizzazione di una linea ferroviaria, venne alla luce la villa di Quinto Voconio Pollione.In questo grande fabbricato a pianta rettangolare furono ritrovate sculture, tavole iliache e altro.

Tra le sculture è da citare l'Apollo citaredo, ottimamente conservato e ora nei Musei Vaticani, l'Apollo Pithios esposto nelle scalinate di Palazzo Valentini, un Eroe, un Marsia, una Vestale, capitelli corinzi e infine delle tavole iliache, bassorilievi rappresentanti poemi omerici ora conservati nei Musei Capitolini a Roma.

In altri punti del territorio sono stati inoltre scoperti sarcofagi, rilievi in marmo, statue e monete varie, un edificio medievale con un'ara di peperino, resti di ville, tombe a capanna lucerne e frammenti di sculture.

Molto famoso poi è l'Apoteosi di Omero, un prezioso ex voto in marmo ritrovato sull'Appia Antica nel 1805 e ora esposto al British Museum di Londra.

In quel periodo, però, molti ritrovamenti sono andati perduti o sono stati venduti, cosicché Ciampino non ospita praticamente nessuno di quei tesori ritrovati, che sono ora nei tanti musei di Roma, al Vaticano, a Londra, oppure mostrati in bella vista nei palazzi d'epoca o in alcuni casi sparsi per il mondo e sconosciuti a tutti.

Negli scorsi anni l'Assessorato al Patrimonio del comune ha richiesto la restituzione dei reperti ritrovati nel proprio territorio ai vari enti preposti, con l'intenzione di riportare e riunire tutti questi capolavori in un unico museo di Ciampino.

Recentemente, nel corso dei lavori di realizzazione del sottopasso alla linea ferroviaria Roma-Albano, sono venuti alla luce importanti ritrovamenti archeologici, che verranno destinati alla creazione di un piccolo museo all'interno del confinante Liceo Scientifico.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[5] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 2.241 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 1.163 3,02%

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

I cittadini di Ciampino parlano prevalentemente il dialetto romano, con qualche influenza del vicino dialetto marinese. La composizione eterogenea delle prime famiglie vissute a Ciampino, provenienti da varie regioni italiane, ha fatto sì che siano presenti tutt'oggi vari dialetti del Paese.

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La religione più diffusa è il Cristianesimo, nella confessione cattolica. Il territorio comunale conta cinque parrocchie. Ciampino fa parte della Diocesi di Albano.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa Patronale del Sacro Cuore di Gesù, il venerdì della terza settimana dopo Pentecoste.
  • Festa della Beata Maria Vergine del Rosario, il terzo fine settimana di maggio.
  • Festa di San Giovanni Battista, fine settimana più vicino al 24 giugno.
  • Festa del Cipollaro, quartiere a sud di Ciampino, ogni prima settimana di settembre.
  • Giorno Internazionale della Pace, celebrato con la posa di un'opera monumentale presso la Sala Consiliare ogni 21 settembre.

Qualità della vita[modifica | modifica wikitesto]

  • Comune Riciclone 2011 - Comuni Ricicloni per il legno: un importante riconoscimento che premia Ciampino come primo comune del centro Italia per il riciclo del legno[6].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Liceo scientifico Vito Volterra, intitolato al celebre matematico.

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca comunale Pier Paolo Pasolini in via IV novembre, inaugurata nel 1997 dispone di oltre 13 000 volumi. Fa parte del Sistema bibliotecario Castelli Romani.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Ciampino, assessorato alla comunicazione, ha aperto nel 2007 una web TV[7] su YouTube, all'interno del quale vengono caricati i video dell'Amministrazione comunale e tutti i video inerenti alla città.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Dal dicembre 2009 è attiva la prima Radio di Ciampino, Radio Hit Planet edita dalla Samar editoriale con il contributo del Comune di Ciampino e della Provincia di Roma. Radio Hit Planet è fruibile via web, sul sito della radio e sul sito del Comune di Ciampino, oltre che nei principali luoghi pubblici della Città. Attiva 24 ore su 24, manda in onda i grandi successi musicali, le hit del momento e i notiziari di Ciampino e della Provincia.

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2001 è attivo il mensile di informazione cittadina "Ciampino in Comune", curato dall'Amministrazione Comunale. Nel 2005 il mensile ha cambiato titolo in "Comune informa". Dagli anni sessanta è attivo un mensile privato, "Anni Nuovi".

Fra i quotidiani a pagamento il più diffuso è "il Messaggero" con l'inserto "Area Metropolitana". Anche altri importanti quotidiani dedicano pagine a Ciampino ed ai comuni della Provincia di Roma, quali "Il Tempo", "La Repubblica" ed "Il Corriere della Sera".

Tra i quotidiani a distribuzione gratuita c'è "Cinque Giorni", free press di Roma e provincia e "Il Caffè dei Castelli"

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, d'estate, si svolge la rassegna cinematografica "Cinestate" presso il Parco "Aldo Moro".

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

L'Amministrazione comunale ha attivato due pagine del Televideo Rai (pagina 665 e 666 del Televideo di Rai3 regionale) e molteplici altri strumenti di informazione e dialogo con il cittadino, quali webradio, forum, newsletter e questionari.

Recentemente è stata attivata, in via sperimentale, la web-tv comunale, fruibile attraverso il sito del comune.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Ciampino risente molto della vicinanza di un'importante città come Roma e non sempre positivamente. Se tale vicinanza infatti crea innumerevoli occasioni commerciali e lavorative, dall'altro lato è anche un forte polo attrattivo in termini di arte, cultura e intrattenimento, tanto da rendere i paesi adiacenti, sotto questo punto di vista, dei satelliti in cui una propria identità fa più fatica ad emergere.

Negli ultimi anni le iniziative sono cresciute e Ciampino lentamente si è dotata di nuove strutture e di una sua identità culturale sempre maggiore:

Nel 1997 è stata inaugurata la Biblioteca Comunale Pier Paolo Pasolini dotata di oltre 13.000 volumi. Il 1999 vede l'inaugurazione della Galleria Comunale d'Arte Contemporanea d'AC sede di mostre di grande interesse. Nel 2000 è stato inaugurato l'Ostello della Gioventù capace di 84 posti letto e dotato di mensa e area conferenze. Dal 2002 è attivo il "Centro Culturale per le Arti Applicate e il Territorio" presso il Casale dei Monaci, laboratorio di molte iniziative culturali.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

È in costruzione il teatro comunale di Ciampino, che sorgerà al posto dell'attuale Sala Convegni al termine dei lavori di ristrutturazione dell'ex-cantina sociale.

Persone legate a Ciampino[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

A partire dalla seconda metà degli anni novanta, Ciampino ha conosciuto un periodo di importante sviluppo urbanistico e di servizi, con la costruzione del municipio, della biblioteca comunale, il rifacimento della piazza principale (Piazza della Pace) e delle principali arterie stradali (Grande Raccordo Anulare, via dei Laghi e via Appia), la nascita del centro culturale, della Galleria d'arte comunale, nuovi parchi pubblici, il potenziamento della stazione ferroviaria (ora la seconda della Regione Lazio per importanza). Sono stati inoltre decisamente ampliati gli spazi verdi, con il raddoppio del parco cittadino, il "Parco Aldo Moro" e la creazione e ristrutturazione di altri parchi nei vari quartieri dotandoli di servizi ed infrastrutture sportive e ricreative. In alcuni quartieri,alla realizzazione o ristrutturazione dei parchi si è abbinata la nascita di comitati di quartiere che hanno in gestione le infrastrutture sportive realizzate. La città di Ciampino riveste una importanza strategica per la sua funzione di "cuscinetto" tra la Capitale ed i Castelli Romani, sia per mezzo della ferrovia, sia per le principali arterie stradali ed autostradali, pur rimanendo la "città dormitorio" che era sin agli inizi degli anni novanta.

Ciampino ebbe un tumultuoso sviluppo nel corso degli anni '60 e '70, durante i quali triplicò il numero dei suoi abitanti. Anche per via di questo notevole incremento demografico ottenne, nel 1974 l'autonomia dal comune di Marino, del quale fino a quell'anno era stato una frazione. Ciampino è oggi una delle città con la più alta densità abitativa d'Italia. Questo enorme sviluppo è, però, alla base di vari problemi. Ciampino è crocevia di ben quattro importanti destinazioni ferroviarie che uniscono i Castelli Romani e la Ciociaria a Roma. Molti dei disagi sono creati appunto da passaggi a livello continuamente chiusi, infrastrutture inadeguate e soprattutto dal passaggio dei molti pendolari dei comuni adiacenti che attraversano le strade della città per recarsi alle grandi arterie di collegamento come il Grande Raccordo Anulare.

A molti di questi disagi, l'Amministrazione comunale sta ponendo rimedio con importanti progetti, come il sottopasso dell'Acqua Acetosa, che - inaugurato nel dicembre 2010 - ha eliminato i due passaggi a livello di Sassone e Acqua Acetosa sulla via dei Laghi, principale arteria di collegamento tra Roma ed i Castelli romani.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

A Ciampino è molto sviluppato il settore dei servizi e del commercio al dettaglio. [senza fonte]. Tutti i mercoledì dell'anno si svolge nel quartiere denominato "167" un importante mercato settimanale, a cui partecipano 200 espositori dei settori alimentare, abbigliamento, utensili ed altro.[senza fonte]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Ciampino è attraversato dalla Strada Statale 7 "Via Appia" e dalla Strada Statale 511 "Via Anagnina"; nel suo territorio inoltre ha origine la strada provinciale 217 "Via dei Laghi", che giunge fino a Velletri dopo aver attraversato, oltre a Ciampino, i territori dei comuni di Marino, Castel Gandolfo, Rocca di Papa e Nemi. Rientrano nel comune di Ciampino anche altri tratti stradali tra i quali la strada provinciale 73/a Marino-Frattocchie e la strada provinciale 77/b "Pedemontana dei Castelli", antica via di transumanza tra i Monti Tiburtini e il mare, che oggi collega trasversalmente la strada statale 6 "Casilina" con la strada statale 7 "Appia".

A poche centinaia di metri dal confine di Ciampino insiste un tratto del Grande Raccordo Anulare di Roma, compreso tra l'uscita 22 Gregna Sant'Andrea e l'uscita 23 Appia.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

la stazione di Ciampino, la cui importanza è la terza del Lazio dopo Roma Termini e Roma Tiburtina, è il punto di incontro delle linee ferroviarie FR4 (per/da Frascati, Albano Laziale e Velletri) e FR6 (per/da Caserta via Colleferro, Frosinone e Cassino), che condividono poi lo stesso percorso fino a Roma.
rientrano nel territorio comunale le stazioni di Acqua Acetosa, Sassone e Pantanella, anche se quest'ultima, pur rientrando nel comune di Ciampino, è considerata una stazione di Marino, in quanto molto più vicina a quest'ultimo e pertanto, utilizzata come punto di fermata di quest'ultimo comune.
rientra nel territorio comunale la stazione di Casabianca.
linea diretta, senza fermate intermedie, che collega le due città. In precedenza vi era anche una fermata, Galleria di Ciampino, che affiancava la stazione principale nel servizio ferroviario.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Aeroporto di Roma-Ciampino.

Pur non ospitando materialmente nel proprio territorio l'Aeroporto Internazionale Giovan Battista Pastine, che è situato per i 3/4 nel territorio del comune di Roma, Ciampino dà il nome all'aeroporto stesso, gestito per la parte commerciale dalla società Aeroporti di Roma S.p.A. e per la parte militare dall'Aeronautica Militare, 31º stormo. Presso l'aeroporto sono dislocati il Centro Regionale di Assistenza al Volo (CRAV) e un impianto dell'ENAV responsabile dello spazio aereo della FIR di Roma.

Mobilità urbana ed extra urbana[modifica | modifica wikitesto]

I collegamenti extra-urbani sono assicurati dalla Cotral, con corse per Marino e per il capolinea della Metro A di Roma Anagnina, mentre il servizio di trasporto pubblico urbano, gestito dalla società Schiaffini Travel, dispone di sei linee, di cui quattro urbane (1a, 1b, 2 e 3), mentre altre due linee si spingono oltre i confini comunali (linee operate dall'Atral gruppo Cotral): la prima collega la Metro Anagnina con Ciampino Aeroporto, con varie corse, alcune dirette ed altre che prevedono il transito alla stazione ferroviaria (linea 4); mentre la seconda collega la stazione ferroviaria con il Policlinico e le facoltà universitarie di Tor Vergata (linea 5).

È stata istituita la linea ATAC 515, che consente un collegamento diretto ad alta frequenza tra la stazione ferroviaria di Ciampino e la stazione Anagnina della metro A.[9]

Collegamento metropolitano[modifica | modifica wikitesto]

All'incontro tra Roma Capitale e comuni confinanti della zona sud della provincia, in data 22 maggio 2014, l'assessore ai trasporti capitolino Guido Improta è giunto con la collaborazione del sindaco di Ciampino Carlo Verini alla conclusione degli accordi per la diramazione di un sistema metropolitano leggero tra l'attuale capolinea di Anagnina e la stazione FS di CIampino. Il prolungamento di 6,5 km prevede la fermata Aeroporto nella zona est della città, oltre a un deposito secondario per le vetture (ricavato dalla zona industriale dismessa sotto il GRA) di ridotte dimensioni rispetto a quello ancora in uso nei pressi di Osteria del Curato.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1974 1975 dott. Elio Priore Commissario prefettizio
1975 1978 Felice Armati Partito Comunista Italiano Sindaco
1978 1978 Antonio Capanna Partito Socialdemocratico Italiano Sindaco
1978 1980 Sebastiano Montali Partito Socialista Italiano Sindaco
1980 1989 Giovanni Venditti Partito Socialista Italiano Sindaco
1989 1991 Antonio Rugghia Partito Comunista Italiano Sindaco
1991 1993 Paolo Pietrantonio Democrazia Cristiana Sindaco
1993 1994 dott. Salvatore Di Coste Commissario prefettizio
1994 2001 Antonio Rugghia Partito Democratico della Sinistra Sindaco
2001 2001 dott. Rocco Domenico Galati Commissario prefettizio
2001 2011 Walter Enrico Perandini Partito Democratico della Sinistra, dal 2008 confluito nel Partito Democratico Sindaco
2011 2013 Simone Lupi Partito Democratico Sindaco
2013 2014 Carlo Verini Partito Democratico Vice Sindaco - Sindaco F.F.
2014 Giovanni Terzulli Partito Democratico Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è la Polisportiva Ciampino 1984 che milita nel girone B dell'Eccellenza Lazio.

L'altra squadra di calcio della città è la Polisportiva Dilettantistica Città di Ciampino 2000 che milita nel girone C laziale di Promozione. È nata nel 2000.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

  • U.s. Pallavolo Ciampino nella stagione 2011/2012 gioca in serie C femminile e accede ai play off di promozione in serie B2. Nella stagione 2011/2012 la squadra maschile milita in 1ª divisione.

Tiro con l'arco[modifica | modifica wikitesto]

Tennis[modifica | modifica wikitesto]

Il Tennis Club Vigna Fiorita circolo associato alla Federazione Italiana Tennis. Ospita ogni anno a settembre, dal 2000, il Torneo Internazionale Femminile di Tennis “Città di Ciampino” con montepremio di $ 10.000 del circuito ITF.

Floorball[modifica | modifica wikitesto]

Palestra della scuola elementare statale G.Rodari

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Stadio comunale di Calcio, Atletica Leggera e Calcio a 5 "Arnaldo Fuso", Via Cagliari;
  • Stadio comunale di Calcio "Superga", Via Superga;
  • Palazzetto dello Sport comunale "Francesco Tarquini", Via Mura dei Francesi;
  • Palazzetto del Basket comunale, Via Gorizia;
  • Stadio di Tiro con l'Arco comunale, Via del Sassone;
  • Bocciodromo comunale, Via Pirzio Biroli;

Personalità sportive legate a Ciampino[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Cari, ex calciatore e allenatore di calcio, nato a Ciampino nel 1956;
  • Gianluca Atzori, ex calciatore e allenatore di calcio, cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Ciampino;
  • Roberto Stellone, ex calciatore e allenatore di calcio, residente a Ciampino dalla nascita fino all'approdo ai campi di serie A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2014.
  2. ^ Con l'emissione della nuova classificazione sismica del territorio della Regione Lazio, un gruppo di ingegneri, geologi, fisici, esperti di statistica e di analisi storico-ambientali, nell’ambito di una convenzione tra ENEA e Regione Lazio, ha messo a punto una nuova metodologia per la classificazione sismica del territorio regionale. In base alla Nuova Classificazione Sismica della Regione Lazio 2009 a cura dell'ENEA al territorio di Ciampino risulta ora assegnata la classe 2B, come per la maggior parte della Regione Lazio. Come è cambiata la classificazione rispetto al 2003? In linea generale, per ottenere un maggiore dettaglio classificativo, le precedenti Zone Sismiche 2 e 3 sono state suddivise in 2 sub-zone ottenendo così un totale di 5 Zone Sismiche: Zona 1, Zona 2A e 2B, Zona 3A e 3B. Nella vecchia Classificazione sismica dei Comuni italiani della Protezione Civile, a Ciampino era stata assegnata classe sismica 3, inferiore alla 2B attualmente in vigore.
  3. ^ Città di Ciampino - Provincia di Roma
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  6. ^ Dossier comuni ricicloni 2011
  7. ^ comunediciampino - YouTube
  8. ^ Enzo Lavagnini, Pasolini, 2009, p. 159. URL consultato il 21 novembre 2012.
    « Ciampino era poco più di un villaggio, a mala pena un paesotto, quando Pasolini nel dicembre 1951, vi arrivò come insegnante. La Scuola Media parificata "Francesco Petrarca", era conosciuta da tutti semplicemente come la "Scuola Bolotta", ed era l'unica scuola media di Ciampino, aperta dal 1949. Pasolini vi insegnò per tre anni. »
  9. ^ Dal 18 febbraio 2013, grazie alle sinergie tra il comune di Ciampino e il Dipartimento della Mobilità e Trasporti di Roma Capitale[senza fonte]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Ciampino, storia e immagini" - anno 2001 - edito e realizzato dal Comune di Ciampino, Assessorato alla Comunicazione. Testi di Michele Concilio - Foto di Vittorio Rufo
  • "Ciampino, storia e immagini II" - anno 2005 - edito e realizzato dal Comune di Ciampino, Assessorato alla Comunicazione. - Testi di Michele Concilio, Umberto Cetroni e Antonio D'Agostino - Foto di Vittorio Rufo, Carlo Marraffa e Antonio D'Agostino
  • "Tra Albalonga e Roma, studi sul territorio di Ciampino" - anno 2008 - edito dal Comune di Ciampino.
  • "Costantino Faillace: vita per l'acqua, acqua per la vita" di Valeria Sanna Randazzo - anno 2005 - edito dal Comune di Ciampino.
  • "Storia e guida di Ciampino" - anno 1978 - edito da Anni Nuovi.
  • "Storia e guida di Ciampino II" - anno 1985 - edito da Anni Nuovi.
  • "Ciampino attraverso i secoli" di Michele Concilio - anno 1989 - edito da Anni Nuovi.
  • "Ciampino dall'Ottocento ad oggi" di Michele Concilio e Anna Belli" - anno 1997 - edito da Anni Nuovi.
  • "Campo di grano - Giochi, istruzione, mestieri nella Ciampino del dopoguerra" di Maria Lanciotti - anno 2003 - Editrice Anni Nuovi.
  • "L'erba sotto l'asfalto - Storie dalla piana dei Castelli dal '55 al '75" di Maria Lanciotti - anno - 2007 - Edizioni Controluce.
  • "Improvviso il Novecento. Pasolini professore, Pasolini nei ricordi dei suoi studenti: un professore che ha lasciato il segno" di Giordano Meacci - anno 2000 - Edito da Minimum fax.
  • "Parole a Ciampino" di Cristiana Lardo e Fabio Pierangeli - anno 2004 - edito da associazione "Laboratori riuniti" in collaborazione con la Regione Lazio, Assessorato alla Cultura Spettacolo Sport e Turismo, l'Amministrazione Comunale di Ciampino, Assessorato alla Cultura e il Dipartimento di Studi Filologici, Linguistici e Letterari dell'Università di Tor Vergata.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio