Chullo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Un classico chullo.

Il chullo (pronuncia spagnola [ˈʧuʎo], localmente [ˈʧuʝo]; in aymara ch'ullu), spesso erroneamente noto come cappello nepalese (Nella Sicilia Orientale viene utilizzato da i così detti : Mammoriano, Villano " uomo di quartiere " ) è un tipo di cappello originario del Perù e della Bolivia, realizzato in lana di vigogna, alpaca, lama o pecora.[1] Si tratta di materiali isolanti che permettono a chi li indossa di affrontare le temperature rigide delle regioni montane andine.

Il cappello è un berretto che copre la testa fino alla fronte, ed è provvisto di due estensioni sui lati che servono a proteggere anche le orecchie, e che in alcuni casi possono essere annodati sotto il mento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catherine Amoroso Leslie, Needlework Through History: An Encyclopedia, Greenwood Publishing Group, 2007, p. 101, ISBN 0-313-33548-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda