Chroniosuchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chroniosuchia
ChroniosuchusDB126.jpg
Chroniosuchus paradoxus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Superordine Reptiliomorpha
Ordine Chroniosuchia

I croniosuchi (Chroniosuchia) sono un piccolo gruppo di vertebrati terrestri, vissuti fra il Permiano superiore e il Triassico medio (250 – 230 milioni di anni fa). I loro resti sono stati rinvenuti in Russia, Cina ed Europa centrale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questi animali di dimensioni medie (lunghezza media circa un metro) erano dotati di un corpo mediamente allungato, zampe corte e testa grossa. In generale, l'aspetto richiamava vagamente quello dei coccodrilli, anche a causa della doppia fila di piastre ossee che proteggeva il dorso per tutta la sua lunghezza. Il cranio dei croniosuchi era fornito di denti lunghi e aguzzi e dotato di una struttura robusta, ed era stretto e allungato come quello dei coccodrilli.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

I croniosuchi rappresentano un piccolo gruppo di vertebrati dalle incerte affinità. Le caratteristiche craniche li porrebbero vicino agli antracosauri, un gruppo di animali acquatici probabilmente prossimi all'origine dei rettili. In ogni caso, non è chiaro se i croniosuchi fossero strettamente imparentati con gli antracosauri. Gran parte dei resti di questi animali proviene dalla parte superiore del Permiano, ma la famiglia dei Bystrowianidae, spesso ascritta ai croniosuchi, è vissuta fino al Triassico medio; ciò dimostrerebbe che i croniosuchi riuscirono a sopravvivere all'estinzione di fine Permiano.

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Molto probabilmente i croniosuchi erano degli animali semiacquatici, che vivevano lungo le rive dei fiumi e dei laghi, o forse passavano la maggior parte del loro tempo semi-immersi nel fondale, predando i pesci e le altre creature acquatiche.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Li J. 2000. The most primitive lower tetrapod fauna in China. Science in China (Series D) [Chinese edition] 30 (3): 279-283. [in Chinese, English translation 2001. Science in China (Series D) [English edition] 44 (1): 47-51].
  • Novikov, I. V., & M. A. Shishkin. 2000. Triassic Chroniosuchians (Amphibia, Anthracosauromorpha) and the evolution of trunk dermal scutes in bystrowianids. Paleontological Journal 34 (Suppl. 2): 165-178.
  • Tverdokhlebov, V. P., G. I. Tverdokhlebova, A. V. Minikh, M. V. Surkov & M. J. Benton. 2005. Upper Permian vertebrates and their sedimentological context in the South Urals, Russia. Earth-Science Reviews 69: 27-77.
  • Witzmann, F., Schoch, R. R., and Maisch, M. W., 2008, A relict basal tetrapod from Germany: first evidence of a Triassic chroniosuchian outside Russia: Naturwissenschaften, v. 95, p. 67-72.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali