Chron Gen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chron Gen
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
Genere British punk[1]
Periodo di attività 1978-1984
Etichetta Picasso, Secret Records, Step Forward, Gargoyle
Album pubblicati 7
Studio 2
Live 2
Raccolte 3

I Chron Gen (abbreviazione di Chronic Generation) sono stati un gruppo punk britannico formatosi a Letchworth nel 1978 e sciolto nel 1984[2][3]. L'ultima formazione era composta da Glynn "Baxter" Barber (voce e chitarra), Roy Horner (basso), Mark "Floyd" Alison (chitarra) e Jon "JJ" Johnson (batteria).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

I Chron Gen si formarono per iniziativa di alcuni membri dei The Condemned e degli Optional Xtras. La formazione iniziale era composta da Glynn "Baxter" Barber (voce e chitarra), Jon "JJ" Johnson (batteria), Adam Warwicker (basso), e Jon Thurlow (chitarra), ma già dopo l'incisione della primo demo Pete Dimmock rimpiazzò Warwicker[2][3]. Il gruppo pubblicò l'EP di debutto, intitolato Puppets of War, nel 1981 tramite la propria etichetta, la Gargoyle; questo lavoro rimase quasi dieci mesi nella UK Independent Chart, raggiungendo la quarta posizione in classifica[2][3]. A seguito del successo ottenuto dall'EP, i Chron Gen parteciparono, nell'estate del 1981, all'Apocalypse Tour in Gran Bretagna insieme a The Exploited, Discharge, Anti-Pasti, e The Anti-Nowhere League [3]. Sempre nel 1981 registrarono un singolo con la Step Forward prima di trasferirsi alla Secret Records, con la quale, nel marzo del 1982, incisero Chronic Generation, il loro album di debutto[2], che raggiunse la posizione numero 53 nella UK Albums Chart[4]. L'album fu l'ultimo lavoro con Thurlow che fu sostituito da Mark "Floyd" Alison[2][3]. Per supportare l'ultima uscita discografica il gruppo partecipò al "So What Tour" insieme agli Exploited e andò in tournée negli Stati Uniti[3]. Dopo l'incisione di un nuovo singolo, Roy Horner sostituì Dimmock che lasciò il gruppo per unirsi ai Chelsea (e, in seguito, ai Bandits at 4 O'Clock)[3]. L'ultima uscita discografica del gruppo fu il mini-album Nowhere to Run del 1984, che però fu registrato prima dell'arrivo di Horner e per il quale i Chron Gen si avvalsero del session man Nigel Ross-Scott per l'esecuzione delle parti di basso[3]. Il nuovo album non raggiunse il successo del precedente e la band si sciolse nell'ottobre del 1984[3].

Dopo lo scioglimento[modifica | modifica sorgente]

Dopo lo scioglimento i Chron Gen suonarono ancora in alcuni concerti di reunion[3], Floyd si unì agli Occasional Tables e Glynn Barber iniziò sia a esibirsi come solista in locali pubblici accreditandosi come Glynn Baxter che suonando nei Rebel Rebel, una tribute band glam rock. Mark "Floyd" Alison è morto 31 ottobre 1999[3] e Pete Dimmock il 12 agosto 2011.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Componenti[modifica | modifica sorgente]

Ultima formazione
Ex-membri

Timeline Componenti[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Le posizioni in classifica si riferiscono alla UK Indie Chart, tranne dove indicato.[5]

Singoli ed EP[modifica | modifica sorgente]

Album in Studio[modifica | modifica sorgente]

Live[modifica | modifica sorgente]

  • 1982 - Apocalypse Live Tour June '81 (Live at Leicester) (Chaos Tapes) - (#15)
  • 1985 - Live at the Waldorf in San Francisco (Picasso)

Compilation[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Chron Gen in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b c d e Strong, Martin C. (2001) The Great Metal Discography, MOJO Books, ISBN 1-84195-185-4, p. 115-6
  3. ^ a b c d e f g h i j k Glasper, Ian (2004) Burning Britain: The History of UK Punk 1980 - 1984, Cherry Red Books, ISBN 978-1-901447-24-8, p. 234-9
  4. ^ a b David Roberts, British Hit Singles & Albums, 19ª ed., London, Guinness World Records Limited, 2006, p. 106, ISBN 1-904994-10-5.
  5. ^ Barry Lazell, Indie Hits 1980-1999, Cherry Red Books, 1997, ISBN 0-9517206-9-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk