Chromogobius quadrivittatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ghiozzo quadrifasciato
Chromogobius quadrivittatus.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Osteichthyes
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Gobioidei
Famiglia Gobiidae
Sottofamiglia Gobiinae
Genere Chromogobius
Specie C.quadrivittatus
Nomenclatura binomiale
Chromogobius quadrivittatus
Steindachner, 1863
Sinonimi

Chromogobius kryzanowskii,
Gobius depressus

Il Ghiozzo quadrifasciato (Chromogobius quadrivittatus) è un pesce di mare appartenente alla famiglia Gobiidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Endemico del mar Mediterraneo con qualche stazione disgiunta in mar Nero.

Vive tra gli scogli, i ciottoli ed i ciuffi di alghe a bassissima profondità (max. 5 metri) e si ritrova perfino nelle pozze di marea del piano sopralitorale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo Genere di Gobiidae presenta una sagoma molto schiacciata, soprattutto per quanto riguarda il capo ed un aspetto "longilineo" assolutamente inconfondibili con altre specie mediterranee e, casomai, più simile ad alcuni ghiozzi del mar Rosso. La livrea è fondamentalmente grigiastra o bruna con strisce verticali sui fianchi e, spesso, una "maschera" più chiara tra muso ed occhi. Le pinne sono bordate di chiaro. Si distingue dal congenere Chromogobius zebratus per i seguenti particolari (molto difficili da rilevare):

  • Testa con disegni a reticolo ed almeno 3 linee scure che si dipartono a raggiera dall'occhio
  • una banda chiara a sella (in genere evidente) tra nuca e pinna pettorale
  • macchia chiara sul dorso in corrispondenza dello stacco tra le 2 pinne dorsali.

Misura al massimo 6 cm.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Sospettosissimo, vive sempre rintanato ed è estremamente difficile da vedere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Chromogobius quadrivittatus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Costa F. Atlante dei pesci dei mari italiani Mursia 1991 ISBN 88-425-1003-3
  • Louisy P., Trainito E. (a cura di) Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo. Milano, Il Castello, 2006. ISBN 88-8039-472-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci