Christoph Daum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christoph Daum
Christoph Daum 1.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Est Germania Est
Germania Germania (dal 1990)
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore
Carriera
Giovanili
1971-1972 Hamborn 07 Hamborn 07
Squadre di club1
1972-1975 Eintracht Duisburg Eintracht Duisburg  ? (?)
1975-1979 Colonia Colonia  ? (?)
Carriera da allenatore
1985-1986 Colonia Colonia Vice
1986-1990 Colonia Colonia
1990-1993 Stoccarda Stoccarda
1994-1996 Besiktas Beşiktaş
1996-2000 Bayer Leverkusen Bayer Leverkusen
2001-2002 Besiktas Beşiktaş
2002-2003 Austria Vienna Austria Vienna
2003-2006 Fenerbahçe Fenerbahçe
2006-2009 Colonia Colonia
2009-2010 Fenerbahçe Fenerbahçe
2011 E. Francoforte E. Francoforte
2011-2012 Club Bruges Club Bruges
2013-2014 Bursaspor Bursaspor
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 luglio 2014

Christoph Daum (Zwickau, 24 ottobre 1953) è un allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua carriera nel 1971 disputando un campionato giovanile con l'Hamborn 07 per poi trasferirsi l'anno seguente all'Eintracht Duisburg e nel 1975 al Colonia, dove ha giocato nel campionato dilettanti. Si ritirò precocemente dal calcio giocato, sentendosi più portato alla guida tecnica che non all'agonismo.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Fu proprio nel FC Köln che Daum cominciò la sua attività da allenatore: fu dapprima tecnico della squadra riserve (1981), poi divenne viceallenatore (1985) e infine, nel 1986, venne promosso alla guida della prima squadra. Nel quinquennio in cui rimase alla guida dei caproni, sfiorò due volte la conquista della Bundesliga, arrivando secondo nel 1989 e nel 1990 sempre dietro al Bayern Monaco. Venne tuttavia esonerato dal presidente dei biancorossi Dietmar Artzinger-Bolten mentre si stavano dispuntando i Mondiali di Italia 90.

Assunto dallo Stoccarda, riuscì a conquistare il titolo nazionale nella stagione 1991-1992. Nell'annata seguente, durante la sfida di Coppa dei Campioni contro il Leeds, commise un errore tecnico mandando in campo quattro giocatori stranieri (il limite, all'epoca, era di tre): la partita venne quindi ripetuta e fu vinta dagli inglesi. I tabloid britannici lo derisero per questo inconveniente e The Sun lo ribattezzò Christoph Dumb (Stupido). Quando gli Svevi vennero eliminati dalla competizione, Daum venne licenziato.

All'inizio del 1994 Daum accettò l'offerta dei turchi del Beşiktaş, con cui vinse una Coppa di Turchia ed un Campionato nazionale; venne tuttavia esonerato dall'incarico dopo le prime due partite della stagione 1995-1996, che vennero perse dalla sua squadra contro Kocaelispor e Vanspor.

Tornato in patria, si accasò al Bayer Leverkusen nel 1996 arrivando tre volte secondo in campionato. Sembrava sul punto di poter allenatore la Nazionale tedesca ma nel 2001 venne provato, tramite analisi dei capelli, che Daum è un assuntore di cocaina e per questo motivo il suo preaccordo con la Federazione calcistica teutonica venne stracciato[1]. Inizialmente il tecnico professò la sua innocenza, affermando tra l'altro che il campione di capelli analizzato non era suo, ma quando si profilò per lui la possibilità del carcere ammise le proprie responsabilità.

Dopo questo scandalo, nessuna squadra tedesca di vertice lo volle come proprio allenatore e Daum riparò dapprima nuovamente al Beşiktaş e dopo qualche mese all'Austria Vienna, dove vinse uno Scudetto nel 2003. Venne poi assunto dal Fenerbahçe, dove vinse due campionati turchi in tre stagioni; la stampa tuttavia criticò i risultati ottenuti in campo internazionale e per questo preferì dimettersi dopo aver fallito l'obiettivo del terzo titolo consecutivo per mano del Galatasaray.

Il 27 novembre del 2006 firmò un contratto di tre anni con il Colonia, che all'epoca disputava il campionato di seconda serie: nel 2008 riuscì a riportare il club nella massima categoria. Nel 2009 il contratto non gli venne rinnovato e passò al Fenerbahçe. Il 22 marzo 2011 firmò per l'Eintracht di Francoforte, lasciando il team dopo la retrocessione nella serie cadetta.

Il 9 novembre 2011 divenne allenatore del Club Brugge, ma dopo aver ottenuto la seconda piazza nel campionato belga decise di sciogliere consensualmente il contratto con la società.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Stoccarda: 1991-1992
Stoccarda: 1992
Beşiktaş: 1994
Beşiktaş: 1994
Beşiktaş: 1994-1995
Fenerbahçe: 2003-2004, 2004-2005
Austria Vienna: 2002-2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Derrick Whyte, Daum is damned by drug test, The Independent, 22-10-2000. URL consultato il 31-3-2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Christoph Daum in FussballDaten.de, Fussballdaten Verlags GmbH.

Controllo di autorità VIAF: 50112546