Christoph Blocher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christoph Blocher

Christoph Blocher (Sciaffusa, 11 ottobre 1940) è un politico e imprenditore svizzero.

È considerato il leader emblematico dell'Unione Democratica di Centro (UDC), il partito di destra maggioritario in Svizzera, ed è stata la sua guida a spingere l'UDC in direzione sempre più borghese scostandosi dalla tradizionale definizione di "partito agrario". Questo ha portato in diverse occasioni a screzi con alcune sezioni cantonali del partito (in particolare con le sezioni bernesi e grigionesi) che si riconoscevano maggiormente nell'indirizzo agrario del movimento.

Sotto la sua guida, dopo una campagna elettorale al limite del populismo e della xenofobia (che ha attirato l'attenzione anche della stampa estera), l'UDC ha ottenuto, nelle elezioni federali elvetiche del 2007, il migliore risultato mai conseguito da un partito dal 1919 (29% dei votanti) consolidando ulteriormente la posizione di primo partito svizzero.

Dal 2004 è stato membro del Consiglio federale elvetico, dove dirigeva il Dipartimento federale di giustizia e polizia. Accusato da numerosi ambienti politici di scarso rispetto per la collegialità, il 12 dicembre 2007, venne estromesso a favore della collega di partito Eveline Widmer-Schlumpf nel secondo turno dello scrutinio, raggiungendo 115 voti contro i 125 della rivale. L'elezione della ministra grigionese che non era candidata, venne sostenuta soprattutto dal fronte democristiano, socialista e dai verdi.

La non-rielezione di Blocher ha rappresentato un fatto più unico che raro nel panorama politico svizzero. La formula magica e il principio della concordanza tra i partiti di governo, infatti, rendono solitamente scontata la rielezione dei consiglieri federali uscenti.

Nel 1983 Blocher ha acquistato la quota maggioritaria della EMS-Chemie Holding; un'industria chimica attiva a Domat/Ems, nei Grigioni, di cui è diventato delegato del consiglio d'amministrazione sino alla sua elezione a Consigliere Federale (momento in cui ha ceduto la propria partecipazione ai suoi quattro figli).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Consigliere federale Successore Flag of Switzerland (Pantone).svg
Ruth Metzler-Arnold 2004 - 2007 Eveline Widmer-Schlumpf

Controllo di autorità VIAF: 22945749 LCCN: n85297668