Christine Angot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christine Angot

Christine Pierrette Marie-Clothilde Angot (Châteauroux, 7 febbraio 1959) è una scrittrice francese. Nelle sue opere letterarie, ha scritto a più riprese della relazione incestuosa, reale o presunta, avuta col proprio padre.

I testi di Angot sono spesso classificati sotto la categoria «autofiction» o «nombriliste» (ovvero tendenti all'autocompiacimento). Tuttavia, l'autrice rifiuta questa etichetta. Il suo progetto letterario è caratterizzato soprattutto dalla presenza di un metadiscorso sulla ricezione della sua parola sull'incesto. Angot si sforza di sondare il rapporto della società con il tabù fondamentale dell'incesto. Descrive la propria parola letteraria come performativa, come qualcosa che «agisce» (si vedano le prime pagine di Quitter la ville).

L'autrice è una figura maggiore della letteratura francese a partire dalla rentrée letteraria del 1999, in occasione dell'uscita del suo libro più noto, L'inceste, che è stato fortemente esposto ai media. Alcuni considerano quindi Angot una trovata mediatica e un'autrice di scarsa levatura. Altri invece la apprezzano, in particolare per il suo stile incisivo e per la pertinenza delle problematiche sollevate nella sua opera letteraria.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Scrittrice dal 1990; direttrice letteraria presso le edizioni Stock (1999).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Vu du ciel (1990)
  • Not to be (1991)
  • Léonore, toujours (1994, seconda edizione 1997)
  • Interview (1995)
  • Les Autres (1997)
  • Sujet Angot (1998)
  • L'incesto (L'Inceste)[1] (1999)
  • Quitter la ville (2000)
  • Pourquoi le Brésil ? (2002)
  • Peau d'âne, La Peur du lendemain (2003)
  • Les Désaxés (2004)
  • Une partie du cœur (2004)
  • Rendez-vous[1] (2006)
  • Il mercato degli amanti (Le Marché des amants)[1] (2008)
  • Les Petits (2011)
  • Una settimana di vacanza (2012)

Opere teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Usage de la vie (prix Bernard Dort)
  • Corps plongés dans un liquide
  • Nouvelle vague, Même si (1998)
  • Mais aussi autre chose (1999)
  • La Fin de l'amour (2000)
  • Normalement, La Peur du lendemain (2001)
  • Libretto dello spettacolo di danza Arrêtez, arrêtons, arrête (1997)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Catalogo SBN. URL consultato il 04-04-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 87211063 LCCN: n93058474 SBN: IT\ICCU\RAVV\225487