Christiane Nüsslein-Volhard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Christiane Nüsslein-Volhard
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la medicina 1995

Christiane Nüsslein-Volhard (Magdeburgo, 20 ottobre 1942) è una biologa tedesca, vincitrice nel 1991 del Premio Lasker per la ricerca medica di base e, nel 1995, del Premio Nobel per la medicina e la fisiologia assieme a Eric Wieschaus e Edward B. Lewis, assegnato per le loro ricerche sul controllo genetico dello sviluppo embrionale.

"La Grande Scienza"[modifica | modifica sorgente]

Con il collega Wieschaus introdusse in biologia il concetto di "Grande Scienza", conducendo un ambizioso progetto di mutagenesi su larga scala per portare un importante contributo alla comprensione del programma di sviluppo embrionale del moscerino della frutta Drosophila melanogaster.

All'epoca dei suoi studi, la biologia molecolare era basata per lo più su esperimenti su piccola scala che dimostravano principi o che fornivano esempi di significato generale, come ad esempio le ricerche che indagavano e spiegavano l'attività del singolo gene o l'azione di una proteina. Le tecniche disponibili all'epoca e i notevoli sfrozi economici da sopportare non permettevano agli scienziati di approndire la complessità di una serie di sistemi biologici.

Le ricerche sulla Drosophila[modifica | modifica sorgente]

Le ricerche che condussero la Nüsslein-Volhard ed i suoi collaboratori a vincere il Nobel avevano lo scopo di identificare i geni coinvolti nello sviluppo degli embrioni della Drosophila melanogaster, organismo già da molto tempo utilizzato come modello negli studi genetici sia per il breve ciclo vitale sia per le dimensioni ridotte adatte per gli studi in laboratorio.

I geni coinvolti nello sviluppo embrionale furono identificati producendo mutazioni casuali nei moscerini e sottopendo gli stessi ad incroci di ibridazione. Fu così possibile, verificando i difetti di sviluppo, le semplici modifiche o la sua totale assenza, identificare con esattezza quali fossero i geni interessati dalle mutazioni indotte e rilevare quelli specifici e cruciali per il processo evolutivo di Drosophila. Ad alcuni di questi geni furono assegnati nomi specifici (come hedgehog) e gli studi successivi dei mutanti e delle loro interazioni condussero alla comprensioni dei meccanismi di sviluppo dei segmenti corporei.

Tali esperimenti furono di indubbia importanza anche per la possibilità di estrapolarli ad altri organismi oltre ai moscerini. Infatti, in seguito, fu trovata un'omologia in altre specie; in particolare le cosiddette sequenze homeobox (Hox), geni codificanti fattori di trascrizione implicati nello sviluppo, sono state riscontrate in tutti i metazoi con ruoli simili nella segmentazione del corpo.

Questi risultati hanno portato anche a ipotizzare la presenza di un antenato ancestrale comune per i protostomi e i deuterostomi e contribuito ad aumentare le conoscenze sui meccanismi di regolazione della trascrizione cellulare.

La Nüsslein-Volhard è ricordata inoltre per la scoperta del gene toll, importante risultato che ha condotto alla successiva identificazione dei recettori toll-like.[1]

Incarichi[modifica | modifica sorgente]

Dal 1985 la Nüsslein-Volhard è Direttore dell'Istituto Max Planck Institute per la Biologia dello Sviluppo di Tubinga e capo del Dipartimento di Genetica.

Nel 1986 ha ricevuto il Premio Gottfried Wilhelm Leibniz dall'importante istituto di ricerca tedesco Deutsche Forschungsgemeinschaft, che rappresenta la più alta onorificenza per la ricerca in Germania.

Dal 2001 è membro del Nationaler Ethikrat (Consiglio Etico Nazionale di Germania) e ha conseguito la laurea honoris causa all'Università di Oxford (giugno 2005).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) http://atvb.ahajournals.org/cgi/content/full/25/6/1085 Toll To Be Paid at the Gateway to the Vessel Wall -- Hansson and Edfeldt 25 (6): 1085 -- Arteriosclerosis, Thrombosis, and Vascular Biology

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 71632017 LCCN: n99254483