Christian Alvart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Christian Alvart (Seeheim-Jugenheim, 28 maggio 1974) è un regista e sceneggiatore tedesco.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Christian Alvart nasce nei pressi di Francoforte, in Germania, crescendo sotto una rigida formazione cristiana, in cui non gli era permesso guardare film e la televisione.[1] Proprio per questo inizia a sviluppare un interesse verso ciò che gli era proibito, fin da piccolo si appassiona al cinema, leggendo recensioni, romanzi e tutto ciò che ruotava attorno al mondo del cinema.

Nel 1990, assieme ai suoi amici, inizia a realizzare brevi filmati in formato super 8, formando un gruppo di registi amatoriali.[1] All'età di diciannove anni, Alvart lavora editore e designer di layout per la Filmmagazin X-TRO. Nel 1997 decide di realizzare dei film propri e si trasferisce a Berlino con la sua compagnia Syrreal Entertainment.[1] Nel 1998, scrive, dirige e produce il thriller a basso budget Curiosity & The Cat. Successivamente Alvart lavora come sceneggiatore per diverse produzioni televisive tedesche, tra cui un episodio della serie televisiva Wolff - Un poliziotto a Berlino.

Nel 2005 dirige il suo secondo lungometraggio, Antikörper, interpretato da Norman Reedus. Dopo che il film è stato presentato al Tribeca Film Festival, Alvart che stato nominato uno dei "cinque registi da tenere d'occhio" e "nuovo volto del cinema tedesco dall'American Film Institute.[1]

Nel 2009 approda negli Stati Uniti e consecutivamente dirige due film in lingua inglese, l'horror con Renée Zellweger Case 39 e il fantascientifico Pandorum - L'universo parallelo con Dennis Quaid e Ben Foster, quest'ultimo basato su una storia scritta da lui.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Biography for Christian Alvart Internet Movie Database URL consultato il 13-08-2010

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 163859278 LCCN: no2010207552

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema