Chris Leben

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chris Leben
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 84,4 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Jiu jitsu brasiliano, Pugilato, Lotta libera
Squadra Icon Fitness MMA
Carriera
Soprannome The Crippler
The Cat Smasher
Combatte da Stati Uniti Chula Vista, Stati Uniti
Vittorie 22
per knockout 12
per sottomissione 5
Sconfitte 11
 

Christian Cyrus Leben (Portland, 21 luglio 1980) è un ex lottatore di arti marziali miste statunitense.

Leben è stato campione dei pesi medi nell'organizzazione WEC e si mise in luce nell'UFC grazie alla stagione inaugurale del reality show The Ultimate Fighter al quale partecipò. Leben vinse i suoi primi cinque incontri consecutivi prima di venire sconfitto per KO dal futuro campione Anderson Silva.

Si è ritirato nel 2014 mettendo fine ad una carriera in UFC che durava dal 2005 con un record parziale nella promozione di 12-10 ed un record totale di carriera di 22-11.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

The Ultimate Fighter[modifica | modifica sorgente]

Leben è stato uno dei lottatori più controversi e schietti della prima stagione di The Ultimate Fighter a causa della sua personalità ruvida e malinconica. Nel primo episodio, mentre era intossicato, urinò nel letto del futuro compagno di squadra Jason Thacker e rubò il suo cuscino. Una notte, mentre tutti nella tenuta stavano bevendo, Bobby Southworth chiamò Chris un "fatherless bastard", un bastardo senza padre, poiché il padre di Chris era stato assente per tutta la sua infanzia, chiedendo che a Leben fosse fisicamente impedito di avvicinarsi a Southworth. Leben in seguito iniziò a singhiozzare necessitando del conforto di un altro partecipante. Dopo che un'infuocata discussione con Josh Koscheck e Southworth precipitò, questi spruzzarono un Leben addormentato con una canna d'acqua, e Chris ruppe il vetro di una finestra con un pugno. Dopo un confronto, il presidente UFC Dana White sancì un match tra Leben e Koscheck, che Leben perse per decisione unanime. Leben fu visibilmente contrariato dalla sconfitta. Nel seguito dello show il suo compagno di squadra Nate Quarry fu eliminato dalla competizione a causa di un infortunio alla caviglia e fu deciso che egli avrebbe dovuto scegliere un lottare precedentemente eliminato per sostituirlo. Questi scelse Leben che fu in seguito sconfitto da Kenny Florian nella prima semifinale a causa dello stop del medico poiché Florian aveva aperto una ferita grondante di sangue sopra l'occhio dell'avversario. Queste sconfitte nel corso dello show non sono registrate nel suo record poiché classificate dalla commissione del Nevada come incontri di esibizione.

The Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica sorgente]

Il 9 aprile 2005 Leben combatté contro Jason Thacker nella card preliminare della finale di Ultimate Fighter. Thacker non fu felice quando guardando lo show scoprì che Leben usò il suo letto come urinale. Parlando con Dana White, Thacker chiese un incontro con Leben durante la finale. Il match fu sancito e Leben vinse dopo 95 secondi del primo round per KO. In seguito Chris si scusò con Thacker per aver urinato nel suo letto dicendo di aver smesso di bere dopo quell'incidente. Dopo il primo incontro Leben ottenne una striscia di vittorie consecutive contro Patrick Côté, Edwin Dewees per sottomissione, mandando KO al primo round Jorge Rivera e per decisione unanime contro Luigi Fioravanti

La prima sconfitta giunse contro il campione Anderson Silva ad UFC Ultimate Fight Night 5 il 28 giugno 2006 per KO dopo 49 secondi nel primo round. Leben si riprese subito dalla sconfitta patita battendo ad UFC Fight Night 6 il 17 agosto 2006 Jorge Santiago per KO tecnico dopo 35 secondi dall'inizio della seconda ripresa. Giunsero in seguito due sconfitte consecutive contro il canadese Jason MacDonald per sottomissione a UFC 66 e da Kalib Starnes a UFC 71 per decisione non unanime il 26 maggio 2007. Ad Ultimate Fighter Season 1 reunion Leben sconfisse dominandolo Terry Martin mentre ad UFC 82 ebbe la meglio su Alessio Sakara vincendo il premio "Knockout of the Night".

Il 30 aprile 2008 Leben fu arrestato in Oregon dallo sceriffo di Clackamas County per guida in stato di ebbrezza e condannato a 35 giorni di carcere spostando il suo match contro Michael Bisping da UFC 85 a UFC 89 perdendo però per decisione unanime e congratulandosi sportivamente con l'avversario alla fine dell'incontro. Dopo questo combattimento Chris fu trovato positivo allo Stanozol, squalificato per nove mesi e multato di un terzo del guadagno dello show. Leben ammise di aver fatto uso della sostanza per diversi mesi.

Al ritorno nell'ottagono a UFC 102 a Portland fu sconfitto da Jake Rosholt per sottomissione al terzo round. In seguito affrontò e sconfisse Jay Silva l'11 gennaio 2010 ad UFC Fight Night 20 vincendo per decisione unanime. A The Ultimate Fighter: Team Liddell vs. Team Ortiz Finale, Chris sconfisse Aroon Simpson per KO tecnico al minuto 4.17 del secondo round. Dopo due sole settimane Chris prese il posto di Wanderlei Silva, che aveva riportato due costole rotte, ad UFC 116 contro Yoshihiro Akiyama. Leben vinse per sottomissione in quello che è considerato il miglior incontro della sua carriera ed uno dei migliori match dell'anno. Leben vinse il premio Comeback Fighter of the Year for 2010 da parte di Sherdog.com.

Il 20 ottobre 2010 venne nuovamente arrestato per sospetta guida in stato di ebbrezza a Honolulu dopo aver causato un incidente stradale e rilasciato su cauzione[1].

Il 2011 inizia affrontando il primo gennaio Brian Stann ad UFC 125 perdendo per KO nella prima ripresa. Dopo il match il coach di Leben, Burton Richardson, affermò che la causa della scarsa prestazione del suo assistito poteva essere causata da un malessere avuto prima dell'incontro, non negando tuttavia la grande performance di Stann e promettendo che Chris sarebbe tornato quello di un tempo. Il 4 aprile 2011 viene sancito che il prossimo avversario di Leben sarebbe stato Wanderlei Silva ad UFC 132. Qui Chris vinse uno dei match più prestigiosi della propria carriera mandando KO Silva dopo dopo soli 27 secondi dall'inizio del combattimento, risultando il suo KO più veloce di sempre. Ad UFC 138 il 5 novembre 2011 affrontò Mark Muñoz in un match che avrebbe sancito il probabile primo sfidante del campione Anderson Silva imbattuto ormai da cinque anni[2]. Il match, che fu il primo main event non titolato della storia a disputarsi al meglio delle cinque riprese, venne interrotto dopo la fine della seconda ripresa a causa del copioso sanguinare di Leben dall'arcata sopraccigliare e la vittoria andò a Muñoz.

Squalifica per doping, ritorno e ritiro[modifica | modifica sorgente]

Il 29 novembre 2011 l'UFC rende noto che, a seguito del match con Muñoz, Leben ha fallito un test antidoping risultando positivo a due diverse sostanze proibite. Il lottatore viene così squalificato per un anno dalla federazione, col presidente Dana White che pur dimostrando comprensione per la situazione di Chris si dimostra inflessibile mentre lo stesso Leben non nega l'abuso di sostanze proibite scusandosi con la federazione e i propri tifosi[3].

Torna a lottare il 29 dicembre 2012 contro l'ex Strikeforce Derek Brunson, il quale sostituiva l'infortunato Karlos Vemola: il ritorno è sfortunato e Leben viene meritatamente sconfitto ai punti da Brunson.

Nel luglio 2013 viene sconfitto ai cartellini anche dal carneade Andrew Craig, capitolando per la terza volta consecutiva. La quarta sconfitta arrivò in dicembre contro l'atletico striker Uriah Hall, il quale mandò al tappeto Leben negli ultimi secondi del primo round senza però riuscire a mettere KO il nativo di Portland, ma durante la pausa tra la prima e la seconda ripresa Leben decise di ritirarsi a causa dei colpi subiti durante la frazione finale del primo round.

Nel gennaio 2014 Leben annunciò il suo ritiro dallo sport, mettendo fine ad una carriera che durava da ben 11 anni, 8 dei quali spesi in UFC con un record parziale nella promozione di 12 vittorie e 10 sconfitte[4].

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Gli incontri segnati su sfondo grigio si riferiscono ad incontri di esibizione non ufficiali o comunque non validi per essere integrati nel record da professionista.

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Sconfitta 22-11 Giamaica Uriah Hall KO Tecnico (ritiro) UFC 168: Weidman vs. Silva 2 28 dicembre 2013 1 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 22-10 Stati Uniti Andrew Craig Decisione (non unanime) UFC 162: Silva vs. Weidman 6 luglio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 22-9 Stati Uniti Derek Brunson Decisione (unanime) UFC 155: Dos Santos vs. Velasquez II 29 dicembre 2012 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 22–8 Stati Uniti Mark Muñoz KO Tecnico (stop medico) UFC 138: Leben vs. Muñoz 5 novembre 2011 2 5:00 Regno Unito Birmingham, Regno Unito
Vittoria 22–7 Brasile Wanderlei Silva KO (pugni) UFC 132: Cruz vs. Faber 2 luglio 2011 1 0:27 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 21–7 Stati Uniti Brian Stann KO Tecnico (colpi) UFC 125: Resolution 1 gennaio 2011 1 3:37 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 21–6 Giappone Yoshihiro Akiyama Sottomissione (triangolo) UFC 116: Lesnar vs. Carwin 3 luglio 2010 3 4:40 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 20–6 Stati Uniti Aaron Simpson KO Tecnico (pugni) The Ultimate Fighter: Team Liddell vs. Team Ortiz Finale 19 giugno 2010 2 4:17 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 19–6 Angola Jay Silva Decisione (unanime) UFC Fight Night: Maynard vs. Diaz 11 gennaio 2010 3 5:00 Stati Uniti Fairfax, Stati Uniti
Sconfitta 18–6 Stati Uniti Jake Rosholt Sottomissione (triangolo di braccio) UFC 102: Couture vs. Nogueira 29 agosto 2009 3 1:30 Stati Uniti Portland, Stati Uniti
Sconfitta 18–5 Regno Unito Michael Bisping Decisione (unanime) UFC 89: Bisping vs. Leben 18 ottobre 2008 3 5:00 Regno Unito Birmingham, Regno Unito
Vittoria 18–4 Italia Alessio Sakara KO Tecnico (pugni) UFC 82: Pride of a Champion 1 marzo 2008 1 3:16 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti
Vittoria 17–4 Stati Uniti Terry Martin KO (pugno) UFC Fight Night: Thomas vs Florian 19 settembre 2007 3 3:56 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 16–4 Canada Kalib Starnes Decisione (unanime) UFC 71: Liddell vs. Jackson 26 maggio 2007 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 16–3 Canada Jason MacDonald Sottomissione (ghigliottina) UFC 66: Liddell vs. Ortiz 30 dicembre 2006 2 4:03 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 16–2 Brasile Jorge Santiago KO (pugno) UFC Fight Night 6 17 agosto 2006 2 0:35 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 15–2 Brasile Anderson Silva KO (ginocchiata) UFC Ultimate Fight Night 5 28 giugno 2006 1 0:49 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 15–1 Stati Uniti Luigi Fioravanti Decisione (unanime) UFC Ultimate Fight Night 4 6 aprile 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 14–1 Stati Uniti Jorge Rivera KO Tecnico (pugni) UFC Ultimate Fight Night 3 16 gennaio 2006 1 1:44 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 13–1 Stati Uniti Edwin Dewees Sottomissione (armbar) UFC Ultimate Fight Night 2 3 ottobre 2005 1 3:26 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 12–1 Canada Patrick Côté Decisione (non unanime) UFC Ultimate Fight Night 5 agosto 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 11–1 Canada Jason Thacker KO Tecnico (pugni) The Ultimate Fighter 1 Finale 9 aprile 2005 1 1:35 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Sconfitta NU Stati Uniti Kenny Florian KO Tecnico (stop medico) The Ultimate Fighter 1 21 marzo 2005 2 3:11 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Medi TUF 1, Semifinale
Sconfitta NU Stati Uniti Josh Koscheck Decisione (unanime) The Ultimate Fighter 1 21 febbraio 2005 2 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Medi TUF 1, Primo turno
Vittoria 10–1 Stati Uniti Benji Radach KO Tecnico (mascella rotta) SF 4: Fight For Freedom 26 giugno 2004 3 3:43 Stati Uniti Gresham, Stati Uniti
Sconfitta 9–1 Canada Joe Doerksen Decisione (unanime) Freestyle Fighting Championships 9 14 maggio 2004 3 5:00 Stati Uniti Biloxi, Stati Uniti
Vittoria 9–0 Stati Uniti Justin Davis KO (pugno) SF 3: Dome 17 aprile 2004 1 1:54 Stati Uniti Gresham, Stati Uniti
Vittoria 8–0 Stati Uniti Boyd Ballard KO (pugni) UFCF: Night of Champions 31 gennaio 2004 1 1:50 Stati Uniti Lynnwood, Stati Uniti
Vittoria 7–0 Stati Uniti Mike Swick KO (pugno) WEC 9: Cold Blooded 16 gennaio 2004 2 0:45 Stati Uniti Lemoore, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Medi WEC
Vittoria 6–0 Stati Uniti James Fanshier Decisione (unanime) Gladiator Challenge 20 13 novembre 2003 3 5:00 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti
Vittoria 5–0 Stati Uniti Brian Sleeman Sottomissione (armbar) WEC 8: Halloween Fury 2 17 ottobre 2003 1 3:15 Stati Uniti Lemoore, Stati Uniti Debutto in WEC
Vittoria 4–0 Stati Uniti Boyd Ballard Sottomissione (armbar) UFCF: Night of Champions 11 ottobre 2003 1 2:18 Stati Uniti Lynnwood, Stati Uniti
Vittoria 3–0 Stati Uniti Landon Showalter Decisione (unanime) TQP: Sport Fight "Second Coming" 23 agosto 2003 3 5:00 Stati Uniti Gresham, Stati Uniti
Vittoria 2–0 Stati Uniti Otto Olson KO (pugno) UFCF: Battle in Seattle 26 luglio 2003 1 2:01 Stati Uniti Seattle, Stati Uniti
Vittoria 1–0 Stati Uniti Bryce Hamilton Sottomissione (ghigliottina) UFCF: Everett Extreme Challenge 6 9 novembre 2002 1 2:45 Stati Uniti Everett, Stati Uniti

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mixed martial arts fighter arrested on suspicion of DUI following crash.
  2. ^ UFC 138: Chris Leben punta ad un rematch con Anderson Silva.
  3. ^ Chris Leben sospeso un anno per doping.
  4. ^ Chris Leben si ritira dalle MMA.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]