Chogyal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Chogyal (ཆོས་རྒྱལ; Wylie: chos rgyal) erano i monarchi dei regni del Sikkim e Ladakh, che erano governati da due rami della famiglia Namgyal.

Il Chogyal regnò sul Sikkim dal 1642 al 16 maggio 1975, quando il paese divenne il ventiduesimo stato dell'India.[1]

Il primo Chogyal fu Phuntsog Namgyal (1604–1670), mentre l'ultimo regnante fu Palden Thondup Namgyal (1923-1982), il dodicesimo Chogyal. Il figlio Wangchuk Namgyal è considerato il tredicesimo Chogyal, ma non ha alcuna autorità ufficiale.[2]

Fu il settimo Chogyal, Tshudpud Namgyal, a firmare il trattato di Titalia con i britannici, nel 1817.[1]

I monarchi che sono stati eletti nei anni sono[3]

  1. Phuntsog Namgayal, dal 1642 al 1670;
  2. Tensung Namgyal, dal 1670 al 1700;
  3. Chakdor Namgyal, dal 1700 al 1717;
  4. Gyurmed Namgyal, dal 1717 al 1733;
  5. Phuntsog Namgyal II, dal 1733 al 1780;
  6. Tenzing Namgyal, dal 1780 al 1793;
  7. Tshudpud Namgyal, dal 1793 al 1863;
  8. Sidkeong Namgyal, dal 1863 al 1874;
  9. Thutob Namgyal, dal 1874 al 1914;
  10. Sidkeong Tulku Namgyal, nel 1914;
  11. Tashi Namgyal, dal 1914 al 1963;
  12. Palden Thondup Namgyal, dal 1963 al 1975;

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Criminal Justice India Series su Google Libri
  2. ^ L'umana avventura su Google Libri
  3. ^ Sikkim su sikkim
India Portale India: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di India