Chloris sinica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Verdone di Cina
Kawarahiwa 05y0035s.jpg
Chloris sinica
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Fringillidae
Sottofamiglia Carduelinae
Tribù Carduelini
Genere Chloris
Specie C. sinica
Nomenclatura binomiale
Chloris sinica
(Linnaeus, 1766)
Sinonimi

Carduelis sinica
Linnaeus, 1766

Uova di verdone di Cina

Il verdone di Cina (Chloris sinica Linnaeus, 1766), detto anche verdone asiatico, o verdone testagrigia, è un uccello della famiglia dei fringillidi.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Similare al verdone europeo (Chloris chloris) se ne differenzia per avere timoniere ed ali marcatamente nere, ed una barra alare gialla simile al cardellino (Carduelis carduelis). I colori di fondo sono giallo-verdi, nella femmina il verde tende al grigio, ed ha meno lipocromo giallo. Pesa circa 20 grammi, per 14 cm di lunghezza.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Lo si trova nelle regioni a nord-est dell'Asia, sono stati segnalati rari esemplari in Alaska e regioni limitrofe. Preferisce le zone ricche di siepi e cespugli, quasi mai foreste, addirittura tende a frequentare campi arati, quindi nelle vicinanze di insediamenti umani.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Descritta nel 1766 da Linneo come Carduelis sinica, la specie è stata recentemente segregata nel genere Chloris.[3]

Comprende le seguenti sottospecie:[2]

  • C. s. ussuriensis Hartert, 1903
  • C. s. kawarahiba (Temminck, 1836)
  • C. s. minor (Temminck & Schlegel, 1848)
  • C. s. kittlitzi (Seebohm, 1890)
  • C. s. sinica (Linnaeus, 1766)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Chloris sinica in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Fringillidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.
  3. ^ Zuccon D, Prys-Jones R, Rasmussen PC and Ericson PGP, The phylogenetic relationships and generic limits of finches (Fringillidae) in Mol. Phylogenet. Evol., vol. 62, 2012, pp. 581-596.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Chloris sinica in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli