Chitose (portaerei)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Chitose (portaerei leggera))
Chitose
La nave nel 1944, dopo la conversione in portaerei
La nave nel 1944, dopo la conversione in portaerei
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tipo nave appoggio idrovolanti
portaerei leggera
Classe classe Chitose
Proprietario/a Naval Ensign of Japan.svg Dai-Nippon Teikoku Kaigun
Cantiere cantieri navali di Kure
Impostata 26 novembre 1934
Varata 29 novembre 1936
Entrata in servizio 25 luglio 1938
Destino finale affondata il 25 ottobre 1944 da unità aeree americane durante la battaglia del Golfo di Leyte
Caratteristiche generali
Dislocamento standard: 11.190 t
a pieno carico: 15.300 t
Lunghezza 192,5 m
Larghezza 20,8 m
Pescaggio 7,5 m
Ponte di volo 180x23m
Propulsione due turbine a vapore per due alberi motore; 56.800 shp
Velocità 28,9 nodi
Equipaggio 800
Armamento
Artiglieria 8 cannoni da 127 mm
30 (poi 40) cannoni antiaerei da 25 mm
Mezzi aerei 30 aerei

dati da [1]

voci di portaerei presenti su Wikipedia

La Chitose fu una portaerei leggera della Dai-Nippon Teikoku Kaigun, prima unità dell'omonima classe ed attiva durante la seconda guerra mondiale; entrata in servizio nel luglio del 1938 come nave appoggio idrovolanti, fu riconvertita in portaerei tra il 1942 ed il 1944, finendo infine affondata il 25 ottobre 1944 da unità aeree americane durante la battaglia del Golfo di Leyte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Impostata nei cantieri navali di Kure il 26 novembre 1934, la nave venne varata il 29 novembre 1936 con il nome di Chitose in onore dell'omonima città giapponese; l'unità entrò poi in servizio il 25 luglio 1938. Allo scoppio della guerra, ancora configurata come nave appoggio idrovolanti, partecipò ad una serie di azioni sul fronte del Pacifico: il 4 gennaio 1942 fornì copertura agli sbarchi giapponesi a Davao, nelle Filippine, subendo alcuni leggeri danni; pochi mesi dopo partecipò alla campagna delle Indie Olandesi ed all'occupazione delle isole Gilbert[2]. Nel giugno del 1942 fece parte della flotta inviata ad occupare l'atollo di Midway, anche se la sconfitta giapponese nella battaglia delle Midway fece fallire l'operazione; nella notte tra il 24 ed il 25 ottobre 1942 la nave venne coinvolta negli eventi della battaglia delle Salomone Orientali, subendo gravi danni da due bombe lanciate da bombardieri in picchiata americani Grumman TBF Avenger decollati dalla USS Saratoga.

Sul finire del 1942 fu quindi inviata nei cantieri navali di Sasebo per le riparazioni, durante le quali si decise di riconvertire la nave in portaerei leggera: i lavori furono completati il 1º novembre 1943 e la nave ritornò in servizio con la nuova configurazione il 1º gennaio 1944, venendo inserita nella 3ª Divisone portaerei[2]. Nel maggio seguente la nave fu trasferita nella zona delle isole Marianne per collaborare alla difesa dell'arcipelago dagli attacchi americani, subendo il 22 maggio un tentativo di siluramento da parte del sommergibile USS Puffer, senza successo[3]. Tra il 19 ed il 20 giugno prese parte alla battaglia del Mare delle Filippine, subendo diversi attacchi aerei nemici ma senza riportare danni.

Nell'ottobre del 1944 la nave venne coinvolta negli eventi della battaglia del Golfo di Leyte, come parte della "Forza Nord" dell'ammiraglio Jisaburō Ozawa: la mattina del 25 ottobre la forza giapponese fu attaccata dagli aerei decollati dalle portaerei americane, ed alle 08:35 la Chitose fu centrata da tre siluri (o tre bombe cadute vicino allo scafo) sul lato di babordo dietro all'elevatore 1, subendo l'allagamento di due locali caldaie ed uno sbandamento di 27°; intorno alle 08:55 lo sbandamento fu in parte corretto dalle manovre dell'equipaggio, ma la velocità era crollata a 14 nodi[2]. Intorno alle 09:30 lo sbandamento riprese ad aumentare e l'equipaggio abbandonò la nave ridotta ormai ad un relitto: la Chitose si capovolse ed affondò intorno alle 09:37, con 480 superstiti recuperati dall'incrociatore Isuzu e 121 dal cacciatorpediniere Shimotsuki.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Chitose/Chioda in voodoo-world.cz. URL consultato l'8 marzo 2012.
  2. ^ a b c (EN) Light Carrier Chitose in world war 2 database. URL consultato l'8 marzo 2012.
  3. ^ (EN) Chitose: Tabular Record of Movement in combinedfleet.com. URL consultato l'8 marzo 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]