Chiralità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Disambigua compass.svg A questo titolo corrispondono più voci, di seguito elencate.
Questa è una pagina di disambiguazione; se sei giunto qui cliccando un collegamento, puoi tornare indietro e correggerlo, indirizzandolo direttamente alla voce giusta. Vedi anche le voci che iniziano con o contengono il titolo.

La chiralità (dal greco χείρ cheir, "mano"), è in senso generale la proprietà di avere un'immagine speculare non sovrapponibile a sé come avviene, appunto, nel caso di una mano. Un oggetto con questa proprietà è detto chirale.

La trasformazione geometrica che trasforma un oggetto nella sua immagine speculare è detta enantiomorfismo, e due oggetti che sono ottenuti uno specchiando l'altro sono detti enantiomorfi,[1] ed enantiomeri nel caso in cui siano due molecole.

Il concetto di chiralità è di estrema importanza nelle scienze che trattano lo spazio tridimensionale, come la matematica, la fisica e la chimica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "enantiomorph"

Pagine correlate[modifica | modifica sorgente]