Chintila

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chintila
Statua di Chintila, che si trova nel passeggio dell'Argentina[1], a Madrid
Statua di Chintila, che si trova nel passeggio dell'Argentina[1], a Madrid
Re dei Visigoti
In carica 636 - 639
Predecessore Sisenando
Successore Tulga
Morte Toledo, 639
Figli Tulga

Chintila dei Visigoti, Chintila, anche in spagnolo, in catalano ed in portoghese (... – Toledo, 639), fu re dei visigoti dal 636 al 639.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 636, alla morte di Sisenando, fu eletto re dalla nobiltà e dai vescovi, secondo il canone n° 75 del IV Concilio di Toledo.

Con la sua elezione continuò il periodo di insicurezza e di instabilità, incluse le ribellioni in Settimania e Gallaecia, che si era venuto a creare dopo la deposizione di Suintila. Situazione che portò, nei tre anni di regno di Chintila, i vescovi del regno ad assumere praticamente la direzione del governo, che li portò a legiferare sempre a favore dei propri interessi.

Si dedicò ai concilii; convocò, nella capitale del regno, Toledo, il V Concilio di Toledo nel mese di giugno del 636 e nello stesso mese del 638 convocò il VI Concilio di Toledo, in cui fu confermato ciò che era stato stabilito nel V, che il re doveva appartenere alla nobiltà e giammai avrebbe dovuto essere un chierico, un membro della classe servile o uno straniero. Furono anche stabilite le pene per le congiure contro la corona; si stabilì inoltre che le proprietà acquisite, con giustizia e nella legalità, da un re non potevano essere confiscate dal suo successore. Infine fu promulgata una legge che vietava a tutti coloro che non erano stati battezzati nel rito cattolico di risiedere entro i confini del regno (con la clausola che i futuri re dovevano giurare di mantenere questa clausola); ciò portò alla conversione forzata o all'esilio molti ebrei.

Chintila morì il 20 dicembre 639 di morte naturale; gli succedette il figlio Tulga.

Discendenti[2][modifica | modifica wikitesto]

Chintila ebbe una moglie di cui non si conoscono né gli ascendenti né il nome, da cui ebbe un figlio:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La statua di Chintila, che si trova nel passeggio dell'Argentina, popolarmente detto El paseo de las estatuas, nel Parco del Retiro di Madrid; è una delle statue di monarchi spagnoli commissionate per la decorazione del Palazzo Reale di Madrid durante il regno di Ferdinando VI. L'idea iniziale ara stata di adornare la cornice del palazzo; scolpite da Olivieri e Filippo de Castro, non furono mai poste nelle posizioni per cui erano state scolpite, ma furono piazzate in altri luoghi della città: piazza d'Oriente, parco del Retiro, porta di Toledo. Alcune furono posizionate in altre città.
  2. ^ (EN) Dinastie dei Visigoti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rafael Altamira, La Spagna sotto i Visigoti, in «Storia del mondo medievale», vol. I, 1999, pp. 743–779

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sovrani visigoti Successore
Sisenando 636 - 639 Tulga

Controllo di autorità VIAF: 57002398