Chiller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il canale televisivo americano, vedi Chiller (rete televisiva).
Chiller
Chiller.png
Immagine del primo livello
Sviluppo Exidy
Pubblicazione Exidy
Data di pubblicazione 1986
Genere Sparatutto, con light gun
Tema Horror
Modalità di gioco 1 giocatore o 2 alternati
Piattaforma Arcade, NES
Specifiche arcade
CPU Exidy 440
Schermo Orizzontale
Risoluzione 320x240, 256 colori
Periferica di input Light-gun a 1 pulsante

Chiller è un videogioco edito dalla casa produttrice Exidy nel 1986, di genere sparatutto con light gun. Il cabinato era uno dei tanti che funzionavano con la light-gun della Exidy, e fece particolarmente scalpore per la violenza e la brutalità contenute.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco contiene 4 livelli di ambientazione splatter-horror, in cui bisogna sparare a qualsiasi possibile obiettivo sullo schermo. Il giocatore passa al livello successivo colpendo un certo numero di obiettivi prima dello scadere del tempo, che scorre più velocemente a seconda degli spari a vuoto. Centrando particolari obiettivi indicati prima dei livelli, è possibile accedere a un livello bonus.

Violenza[modifica | modifica wikitesto]

A colpire maggiormente in Chiller è la violenza a tratti gratuita: il giocatore infatti deve sparare a bersagli umani inermi in camere di tortura, prolungando in alcuni casi le sofferenze delle vittime, ad esempio azionando macchine schiaccia-testa o che mandavano i malcapitati in un fiume pieno di coccodrilli. Inoltre in ognuno dei 4 livelli si vedono parti del corpo mozzate e laghi di sangue. È quantomeno sorprendente che un videogioco così truculento sia riuscito a passare in qualche modo la censura dell'epoca.

Conversioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987 Chiller fu convertito per il NES di Nintendo, ed il sistema MSX; nonostante tecnicamente la conversione rispecchiasse in pieno la versione originale (forte dell'uso della NesZapper, la light-gun del NES) ciò che colpì fu la censura che Nintendo impose sul titolo: sparirono infatti tutti i cadaveri e le persone sostituiti da mostri e fantasmi, nonché il fiume pieno di coccodrilli.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi