Children of the Grave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(EN)
« Revolution in their minds
The children start to march! »
(IT)
« Rivoluzione nelle loro menti
I bambini cominciano a marciare! »
(Black Sabbath, Children of the Grave)
Chidren of the Grave
Artista Black Sabbath
Autore/i Ozzy Osbourne
Tony Iommi
Bill Ward
Geezer Butler
Genere Heavy metal
Hard rock
Proto doom
Edito da Vertigo Records Regno Unito
Warner Bros. Stati Uniti
Pubblicazione
Incisione Master of Reality
Data 21 luglio 1971
Durata 5 min: 17 sec

Children of the Grave (in italiano Figli della Tomba) è una famosa canzone del gruppo heavy metal britannico Black Sabbath, pubblicata per la prima volta nel 1971 nell'album Master of Reality. È inoltre apparsa nell'omonimo split album con gli Status Quo pubblicato nel 1973 dalla Vertigo Records.[1]

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Children of the Grave è uno dei più noti brani del gruppo, tanto da essere proposto quasi sempre nei concerti e nelle varie compilation. Il testo, come in altre canzoni dei Black Sabbath, tratta tematiche pacifiste ed antimilitariste, esortando i giovani del tempo (in un mondo profondamente segnato dalla guerra del Vietnam) ad impegnarsi attivamente nel tentativo di riportare il mondo su una buona strada.

Il brano è stato inoltre oggetto di cover da parte di numerosi artisti, tra cui i Racer X (inserita come bonus track dell'album Technical Difficulties), i Grave Digger, i Grey Daze e i White Zombie (inserita nel tribute album ai Black Sabbath Nativity in Black del 1994 ed estratta in seguito come singolo). I Green Day hanno inserito il riff della canzone nella loro Jesus of Suburbia. Il brano compare inoltre all'interno del videogioco della Double Fine Brutal Legend.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Black Sabbath[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Children Of The Grave su metal-archives.com
Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal