Chiho Saitō

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Chiho Saitō (さいとうちほ, Saitō Chiho; Tokyo, 29 giugno 1967) è una fumettista giapponese.

Debutta nel 1982 con Ken to Madomoaseru ("La spada e la fanciulla") pubblicato dalla casa editrice Shogakukan, con cui ancora oggi lavora. Fa parte del collettivo di autori noto come Be-Papas.

Stile[modifica | modifica sorgente]

Il suo stile di disegno raffigura personaggi molto esili e slanciati con i tipici occhi grandi.

A volte risulta molto sbrigativa nel tratto, mostrando così qualche pecca nella rappresentazione dell'anatomia umana, ma nonostante questo le sue tavole sono sempre molto belle da vedere. Le sue sceneggiature raccontano spesso di travagliati intrecci amorosi.

L'avventura è spesso uno degli elementi dell'intreccio, e spesso non mancano elementi di mistero con una buona dose di sovrannaturale. Spesso le sue opere sono ambientate in epoche passate; Chiho Saito ha infatti iniziato la sua carriera prendendo come ispirazione anche le opere di Ryoko Ikeda (autrice di Lady Oscar che appunto spesso si cimenta con narrazioni storiche).

Durante la sua carriera, Chiho Saito si è cimentata in molte opere brevi e negli anni novanta l'autrice pubblica alcune delle opere che le conferiscono maggiore fama, soprattutto all'estero, come ad esempio Shōjo Kakumei Utena conosciuto in Italia come La Rivoluzione di Utena l'opera che sicuramente ha avuto maggior successo.

Opere pubblicate in Italia (in ordine alfabetico)[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 65916668