Chiesa lignea di Ieud Deal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa lignea di Ieud Deal
Ieud Deal
Ieud Deal
Stato Romania Romania
Regione Maramureș
Località Ieud
Religione Ortodossa
Foto alla metà del ssecolo scorso

La Chiesa lignea di Ieud Deal fu fatta costruire dalla famiglia nobile dei Balea all'inizio del XVII secolo e terminata nalla seconda decade[1], risultando quindi di un secolo più vecchia della chiesa lignea di Ieud Șes, la seconda chiesa in legno del comune e una delle più antiche del Maramureș.

Per il valore della struttura e la qualità degli affreschi fatti dal pittore itinerante Alexandru Ponehalschi la chiesa è una delle più rappresentative della regione e nel 1999 fu inserita dall'UNESCO nella lista dei patrimoni dell'umanità insieme ad altre sette Chiese lignee del Maramureș.

Documentazione[modifica | modifica sorgente]

La chiesa iniziò ad essere studiata all'inizio del XX secolo. Ioan Mihalyi de Apșa nel 1900 la descrisse come una delle più belle della regione[2] e nove anni più tardi Ioan Bîrlea ne studiò le iscrizioni presenti sia all'esterno che all'interno[3]. Nel 1911 Tit Bud stabilì che fu costruita nel 1364, considerandola quindi la più antica della regione.

L'etnografo Tache Papahagi alla fine della prima guerra mondiale citò la chiesa per i suoi affreschi ben conservati che illustrò in uno dei suoi libri[4]. La struttura e gli affreschi furono descritti in maniera più approfondita da Victor Brătulescu nel 1941 e a quel periodo risalgono anche i primi rilievi sulla struttura fatti dall'architetto Chioreanu[5].

Nel 1968 lo storico dell'arte Ion D. Ștefănescu e in maniera più approfondita nel 1982 Anca Pop Bratu studiarono le pitture. La chiesa fu restaurata nel 1997, quando fu definitivamente stabilita la data di costruzione, e tra il 2007 e il 2009 periodo in cui furono sistemati i dipinti.

Datazione della chiesa[modifica | modifica sorgente]

Come detto in precedenza Tit Bud nel 1911 pubblicò che la chiesa fosse costruita nel XIV secolo[6]. Lo storico medievalista Radu Popa fu il primo che mise in dubbio questa tesi suggerendo che la costruzione fu posteriore all'invasione Tatara del 1717[7] mentre Marius Porumb nel 1982 scrisse che probabilmente fu costruita nel XVII secolo con ricostruzioni nel secolo successivo[8]

Il problema della datazione fu risolta col metodo dendrologico nel 1997 dall'islandese Ólafur Eggertsson che fissò nella seconda decade del XVII secolo la data di costruzione.[1]

Esiste un'iscrizione in cirillico che dice: "În anul Domnului 1827 maistori Cionca Alexa cu Iusco Ion crâsnicu" probabilmente riferita ad una riparazione del campanile avvenuta nel 1827.

Affreschi[modifica | modifica sorgente]

Ieud deal.pictura murala pron.jpg
Ieud Deal.vama pt sfada.7.97.jpg

La chiesa è completamente coperta di affreschi, sia l'altare che la navata e il nartece e non è presente né la firma dell'autore, né la data. Visti alcuni tratti comuni ad altre chiese della zona Anca Pop-Bratu attribuì il lavoro al pittore itinerante del Maramureş Alexandru Ponehalschi e li datò intorno al 1782[9], quindi tra le ultime opere dell'artista.

Alcuni documenti dell'archivio parrocchiale fanno luce sulla datazione degli affreschi. Nel censimento parrocchiale del 1774 è scritto che entrambe le chiese del villaggio furono restaurate nel 1764-1765 grazie al finanziamento di Mihai Balea. In particolare fu rifatto lo zoccolo e i finestroni furono ingranditi e probabilmente si passò già allora da una iconostasi a due ad una a tre porte come era tradizione nella costruzione delle chiese nella metà del XVII secolo. È molto probabile inoltre che a causa di tutti questi lavori alcune pareti furono ridipinte come fu fatto ad esempio a Călinești Căeni (1754) e a Sârbi Susani (1760). In definitiva gli affreschi, secondo il pensiero corrente, furono fatti intorno al 1765[10]

Sotto le finestre sono presenti testi in rumeno scritti in cirillico contenenti esortazioni religiose.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Assonometria della chiesa

La chiesa fu progettata per essere di grandi dimensioni, larga 7,15 metri e lunga 11,87 per una capienza di 340 fedeli e una divisione in spazi uguali tra uomini e donne.

L'asse è disposto da ovest ad est e all'entrata è presente un portone non decorato. L'altezza della navata è uguale alla sua larghezza, fatto comune nelle chiese di quel periodo.

L'altare è lungo 4,15 metri e profondo 3,6. L'interno è illuminato da finestre inizialmente più piccole rispetto a quelle oggi presenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Eggertsson e Baboș 2003, 44, tabelul 2:21.
  2. ^ Mihalyi de Apșa, Ioan (1900): Diplome Maramureșene din secolul XIV și XV, Sighet, 25, n. 1
  3. ^ Bârlea 1909, 120-123
  4. ^ Papahagi, Tache (1925): Graiul și Folklorul Maramureșului, București, XVIII-XIX, pl. XVIII, fig. 1
  5. ^ Brătulescu 1941, 110-119, fig. 194-219 și planșa X-XI
  6. ^ Bud 1911, 47
  7. ^ Popa 1970, 224
  8. ^ Porumb 1982, 120
  9. ^ Pop-Bratu 1982, 32, n. 143-144
  10. ^ Baboș 2004, 266

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Studi sulle chiese del Maramureș
  • Ioan Bârlea, Însemnări din bisericile Maramureșului, Bucarest 1909
  • Tit Bud, Date istorice despre protopopiatele, parohiile și mănăstirile române din Maramureș din timpurile vechi până în anul 1911, Gherla 1911
  • Radu Popa, Țara Maramureșului în veacul al XIV-lea, Editura Academiei RSR, Bucarest 1970
  • Marius Porumb, Monumente istorice și de artă religioasă din Arhiepiscopia Vadului, Feleacului și Clujului, Biserici de lemn din Țara Maramureșului, Cluj 1982
  • Alexandru Babos, Three Centuries of Carpentering Churches, a Chronological Approach to the Sacred Wooden Architecture of Maramureș, Lunds universitet 2000, ISBN 91-630-9278-6
  • Ólafur, Baboș, Alexandru, Dendrochronological dating in Maramureș with special emphases on objects from the Maramureș museum in Sighetul Marmației pag.40-49 rivista Tradiții și Patrimoniu 2003
  • Alexandru Baboș, 2002, Bârnele vechii biserici de lemn din Botiza, documente inedite de tehnică și artă constructivă în Maramureș la sfârșitul secolului XVI tratto dalla rivista "Arhitectura religioasă medievală din Transilvania vol.II pag.230–248
  • Alexandru Baboș, Tracing a Sacred Building Tradition, Wooden Churches, Carpenters and Founders in Maramureș until the turn of the 18th century, casa editrice Lunds universitet, Norrköping 2004 ISBN 91-7740-069-0
  • Victor Brătulescu 1941, Biserici din Maramureș Buletinul Comisiunii Monumentelor Istorice vol. XXXIV pag.107-110, Cluj
  • I. D. Ștefănescu, Arta veche a Maramureșului, casa editrice Meridiane, Bucarest 1968
  • Marius Porumb, Icoane din Maramureș casa editrice Dacia, Cluj Napoca 1975
  • Anca Pop-Bratu, Pictura murală maramureșeană. Meșteri zugravi și interferențe stilistice, casa editrice Meridiane, Bucarest 1982

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Romania Portale Romania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romania