Chiesa episcopale degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Chiesa episcopale americana" rimanda qui. Se stai cercando edificio ecclesiastico di Firenze, vedi Chiesa episcopale americana di Saint James.
Chiesa episcopale degli Stati Uniti d'America
Lo stemma della Chiesa episcopale
Lo stemma della Chiesa episcopale
Classificazione anglicana
Fondata XVIII secolo
Distaccata da Chiesa anglicana
Associazione Comunione anglicana
In piena comunione con la Chiesa evangelica luterana in America
Diffusione Stati Uniti d'America, Taiwan, Europa continentale, America centrale, Sud America, Caraibi
Primate Katharine Jefferts Schori
Forma di governo episcopale
Separazioni Chiesa episcopale protestante degli Stati confederati d'America (si riunificò nel 1865)
Chiesa episcopale riformata
Chiesa episcopale del Sud
Chiesa anglicana ortodossa
Chiesa episcopale americana
Chiesa anglicana cattolica
Provincia anglicana di Cristo Re
Chiesa missionaria episcopale
Chiesa anglicana nel Nord America
Diocesi anglicana di San Joaquin
Diocesi anglicana di Pittsburgh
Diocesi di Quincy (Provincia anglicana del Cono Sud)
Diocesi episcopale di Fort Worth (Provincia anglicana del Cono Sud)
Distretto anglicano della Virginia
Sito ufficiale [1]

Chiesa episcopale è il nome ufficiale della Provincia della Comunione anglicana negli Stati Uniti.

La Chiesa fu organizzata poco dopo la rivoluzione americana quando fu costretta a recidere i legami con la Chiesa d'Inghilterra sotto pena di tradimento, poiché al clero della Chiesa d'Inghilterra veniva richiesto di giurare fedeltà alla monarchia britannica, e divenne, secondo le parole del gruppo di studio sull'Episcopato dell'arcivescovo di Canterbury, "la prima Provincia Anglicana al di fuori delle Isole Britanniche".[1] Oggi è suddivisa in nove province e governa diocesi al di fuori degli Stati Uniti in Taiwan, America Centrale e Sud America, nei Caraibi e in Europa. La diocesi episcopale delle Isole Vergini comprende sia territori degli Stati Uniti che del Regno Unito.

Mantenendo la tradizione e la teologia anglicana, la Chiesa episcopale si considera una via media, fra il cattolicesimo e il protestantesimo.[2]

La Chiesa episcopale fu attiva nel movimento del Vangelo Sociale della fine del diciannovesimo secolo, e sin dagli anni '60 e '70 ha svolto un ruolo di guida nei movimenti progressisti e social liberali sulle questioni delle relazioni fra Chiesa e Stato. Ad esempio, nelle sue risoluzioni inerenti alle questioni statali la Chiesa episcopale si è opposta alla pena di morte, e ha supportato i movimenti per i diritti civili. Alcuni dei suoi leader e sacerdoti marciarono con i dimostranti. Molte diocesi ordinano apertamente uomini e donne omosessuali; e, in alcune di esse, vengono celebrate anche le benedizioni di coppie dello stesso sesso. Su altre questioni, quali l'aborto, la chiesa si è schierata su entrambi i fronti del dibattito.[3]

In molte diocesi, le donne vengono ordinate al presbiterato e all'episcopato, come anche al diaconato. L'attuale vescovo presidente della Chiesa episcopale è Katharine Jefferts Schori, la prima donna primate nella Comunione Anglicana (anche se il titolo di "Primate" non viene utilizzato dalla Chiesa episcopale per il proprio vescovo presidente).

Struttura organizzativa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diocesi della chiesa episcopale degli Stati Uniti d'America.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa episcopale in Italia è presente a Roma con la chiesa di San Paolo dentro le Mura, a Firenze con la chiesa di San Giacomo, ad Orvieto con la chiesa della Resurrezione e a Milano e Randazzo con la comunità Gesù Buon Pastore.

Relazioni ecumeniche[modifica | modifica wikitesto]

In quanto membro della Comunione anglicana la chiesa episcopale è in piena comunione con l'Unione di Utrecht, con la Chiesa filippina indipendente e con la Chiesa siro-malankarese Mar Thoma; è inoltre in piena comunione con la Chiesa evangelica luterana in America e sta lavorando ad accordi di piena comunione con la Chiesa metodista unita e la Chiesa morava.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Archbishops' Group on the Episcopate, Episcopal ministry: the report of the Archbishops' Group on the Episcopate, 1990 GS; 944, Church House Publishing, 1990, p. 123, ISBN 0-7151-3736-0..
    Documento visibile su Google libri: (EN) Church of England. Archbishops' Group on the Episcopate, Episcopal ministry: the report of the Archbishops' Group on the Episcopate, 1990 GS; 944, Church House Publishing, 1990, p. 123. URL consultato il 28 ottobre 2009.
  2. ^ What makes us Anglican? Hallmarks of the Episcopal Church
  3. ^ Frequently Asked Questions, Integrity. URL consultato il 19 giugno 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]