Chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°49′29.68″N 14°13′12.88″E / 40.824912°N 14.220245°E40.824912; 14.220245

Chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina
Facciata
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Località CoA Città di Napoli.svg Napoli
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Napoli
Stile architettonico barocco

La chiesa di Santa Maria del Parto a Mergellina è un luogo di culto cattolico di Napoli, ubicato nel quartiere Chiaia. Essa rientra nel IV Decanato - Area Posillipo e Chiaia - ed è una chiesa parrocchiale di proprietà del Comune di Napoli (Demanio minore).

L'edificio di culto pervenne in proprietà del Demanio a seguito delle Leggi eversive del patrimonio ecclesiastico emanate nel 1866 e venne dichiarato monumento nazionale con Decreto reale concesso in base ai criteri, molto criticati, previsti nelle predette leggi post unitarie. Essendo monumento, quindi, rientra nel patrimonio indisponibile dello Stato.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

Particolarità dell'ubicazione di questa chiesetta è di essere adiacente ad una terrazza (lastrico solare) di proprietà privata gravata da servitù di passaggio.[1] Il tempio, quindi, si trova sulla sommità di un edificio privato cui si accede da una scala, posta alle spalle di un noto ristorante sito in via Mergellina, che si attesta proprio sulla terrazza ad una distanza di circa 40 metri dalla facciata del tempio.

Inoltre, si può accedere alla chiesa anche attraverso un ascensore ed una scala coperta che hanno ingresso dalla via Mergellina n. 9/b. Tale civico si raggiunge percorrendo via Mergellina, in direzione di Posillipo, mantenendosi di fianco alla facciata del fabbricato che precede la chiesa; giunti all'estremità della facciata di questo edificio si scorge un grazioso portoncino, dove sono ubicati i predetti accessi.

L'edificio di culto ospita la salma del poeta napoletano Jacopo Sannazaro, che fu l'autore del poema in esametri latini De partus Virginis[2] ("Il parto della Vergine", edito nel 1526) da cui la chiesa prende il nome[3], e il corpo del pittore Jusepe De Ribera detto lo Spagnoletto, ma dei resti di questo grande pittore non vi è più traccia.[4]

La chiesa, posta al piano inferiore rispetto all'attuale edificio e ricavata nella montagna di tufo, fu voluta dallo stesso Sannazaro che, invaghitosi dell'amenità del luogo, "questo pezzo di ciel caduto in terra"[5], ove un tempo "vi era un rivo il quale per qualche diluvio ha perduto il letto"[6], costruì l'edificio di culto su un terreno donatogli nel 1497 dal re Federico d'Aragona, allora possedimento del monastero benedettino dei Santi Severino e Sossio. Alla sua morte (24 aprile 1530) volle donarla, insieme ai suoi possedimenti ed alla costruenda sua cappella funeraria privata, ai frati di Santa Maria dei Servi, che, però, non paghi dei frutti che avevano dal podere e dal mare, dettero progressivamente a censo il suolo intorno per costruzione di case, mutando la configurazione originaria del complesso.

La chiesa inferiore, dedicata alla Vergine del Parto, lasciata in stato di abbandono, dopo alcuni secoli andò completamente distrutta e trasformata in ipogeo, mentre la cappella funeraria privata (attuale edificio), originariamente dedicata a San Nazario, venne trasformata in chiesa e ad essa venne dato il nome di "Santa Maria del Parto" (che era quello della chiesa inferiore). Che l'attuale edificio fosse destinato alla famiglia del poeta lo dimostra il fatto che in esso vi è il sepolcro di Jacopo Sannazaro ed ivi sono sepolti anche i suoi familiari.

Interno della chiesa

La chiesa ha sei cappelle e l'altare maggiore. La principale opera ivi presente è la tomba del poeta, rappresentato sul piedistallo di coronamento sotto il nome accademico pontaniano Actius Sincerus e coronato di alloro dalla fama nell'affresco del pittore giordanesco Niccolò Rossi. Il simulacro, dalla complessa iconografia di ispirazione pagana, è posto nel coro dietro l'altare e fu realizzato intorno al 1537 dagli scultori Bartolomeo Ammannati, Giovanni Angelo Montorsoli e Francesco Ferrucci, benché iniziato da Girolamo Santacroce[7]. La nicchia si ispira all'ambiente dell'Arcadia (raffigurazioni di Nettuno col suo tridente, Pan e la ninfa Siringa, tutti in atto di danzare e cantare le lodi del nostro poeta, ed un satiro che con stupore sta a guardarli), ma da alcuni è ritenuta confusa nella composizione ed esagerata nei movimenti delle figure.[8] Ai lati vi sono due statue, di Apollo e Minerva, ribattezzati David e Giuditta, come si legge sui rispettivi gradini.[9] Sul basamento vi è un epitaffio del cardinale veneziano Pietro Bembo, segretario di papa Leone X.[10] La decorazione pittorica della cappella si adegua all'iconografia del sepolcro presentando scene arcadiche e figure mitologiche. Frontalmente al sepolcro, gli affreschi rappresentano l'Incontro di Abramo con i tre angeli; negli spicchi della volta sono l'Astronomia, la Filosofia, la Grammatica, e la Retorica (1699). Nell'intradosso dell'arco che immette nella cappella Putti che reggono festoni di fiori, di Giovan Bernardo Lama. Sul pavimento, infine, le cinquecentesche lastre sepolcrali di Fabrizio Manlio di Barletta (recante la data 1561[11]) e di Diomede Carafa, cui si collega la tavola della prima cappella a destra entrando nella chiesa.

Nel presbiterio vi è una piccola cappella col famoso quadro dell'Epifania, tradizionalmente attribuita a Jan van Eyck, che il Vasari credette la prima tela ad olio venuta in Italia[12]. Altre opere rilevanti dell'edificio sono le due statue che i frati eredi fecero scolpire di Jacopo e di Sannazaro dalla giovanile figura con un libro in mano, i tarlati (ma restaurati) residui del presepe di Giovanni da Nola. Nella prima cappella a destra dell'altare è l'immagine di San Michele Arcangelo, nell'atto di trapassare la gola di un Lucifero "serpentino", meglio noto come il diavolo di Mergellina, tradizionalmente ritenuto il ritratto di una dama napoletana che aveva tentato Diomede Carafa, poi vescovo di Ariano. L'artista volle così eternare la vergogna della donna che aveva abbandonato Diomede Carafa per altri uomini, e la vittoria sulle mondane tentazioni ("ella morta giace in ogni luogo e viva sta in ogni luogo"[13]), cui allude anche la scritta: fecit victoriam alleluja 1542 Carafa. L'opera è fin dal Seicento attribuita a Leonardo da Pistoia.[14]

Altre immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tar Campania - napoli, sez. VII – estratto sentenza 14 febbraio 2007 n. 1079
  2. ^ De partus Virginis
  3. ^ Il tema traduce un leit motiv affrontato dalla cultura figurativa medievale, ma soprattutto, alla metà del quindicesimo secolo, nel noto affresco toscano di Piero della Francesca, simboleggiando la nascita terrena, e non celeste, di Cristo.
  4. ^ "Dov'è finito il corpo dello Spagnoletto" - articolo con commenti dei lettori tratto dal Corriere del Mezzogiorno on line - www.corrieredelmezzogiorno.it
  5. ^ Gennaro Aspreno Galante, Guida sacra della città di Napoli, Napoli: Stamperia del Fibreno 1872, p. 390.
  6. ^ Giovanni Battista Chiarini, in Carlo Celano, Notizie del bello dell'antico e del curioso della città di Napoli, vol. V, Napoli, Stamperia di Agostino de Pascale, 1860, giornata nona, p. 627.
  7. ^ Sulla cornice della zoccolatura si legge ancora chiaramente: F(rater) Io(annes) Ang(elus) Flo(rentinus) or(dinis) S(ervorum) fa(ciebat). Il 1537 è l'anno in cui è documentato l'acquisto dei marmi. G. Campori, Memorie biografiche degli scultori, architetti, pittori etc. nativi di Carrara e di altri luoghi nella provincia di Massa, Modena 1873, p. 317. Sulla paternità al Santacroce, oltre alle attribuzioni delle antiche guide napoletane, a partire dalla Napoli Sacra di Cesare d'Engenio Caracciolo (1623), si rammenti la commissione nel 1521 allo scultore napoletano di una medaglia, raffigurante nel diritto il busto di Sannazaro laureato, e nel rovescio la Natività. Così scrive l'accademico pontaniano Pietro Summonte nella famosa lettera indirizzata nel 1524 a Marcantonio Michiel, il più antico scritto di carattere storico-artistico sull’arte napoletana: "Sorge ancora un altro artista [...] di anni 22. Hyeronimo Santacroce, che prima fu aurefice poi s'è voltato in marmo [...]. Ha ritratto il Sannazaro in medaglia e fatto un Apollo di marmo [in Santa Maria del Parto], cose ben stimate qua da ciascuno".
  8. ^ Benedetto Croce, Storie e leggende napoletane, Napoli, Adelphi, 1999 (ristampa).
  9. ^ "Dall'un lato e dall'altro sono le due belle statue sedute, di Apollo e di Minerva, che poi per mitigar l'erronea miscela di sacro e di profano accumulata in un monumento che alla fine è in un tempio, non in un giardino, fu detto esser le due statue Davide e Giuditta, contro la quale novella denominazione protestano altamente l'elmo dell'una e la corona d'alloro dell'altra; oltre che la Giuditta s'adatta assai male col poema e coi versi del Sannazaro". Achille de Lauzieres, in Gaetano Nobile [a cura di], Descrizione della città di Napoli e delle sue vicinanze, Napoli : Stab. Tip. di Gaetano Nobile, 1855, giornata prima, p. 64.
  10. ^ Benedetto di Falco, Descrittione de i luoghi antiqui di Napoli, Napoli, Appresso Gio. Battista Cappelli, 1589, p.n.n. L'iscrizione recita: Da sacro cineri flores hic ille Maroni sincerus Musa proximus ut tumulo (Da' fiori alle sacre ceneri: qui giace quel famoso Sincero [Sannazaro] vicino a Marone[Virgilio] nella poesia come nel sepolcro).
  11. ^ Si tratta di un personaggio a bassorilievo (citato da Niccolò Toppi nei suoi "Huomini illustri in lettere di Napoli"), che poggia la testa sopra un guanciale sostenuto da libri e reca in mano un libro. L'iscrizione ricorda che egli amò così tanto Mergellina che infermo volle essere condotto su queste colline ed ivi morire ed essere sepolto: FABRITIO MANLIO NOBILI BAROLITANO, MAGNAE SPEI JUVENI CAMILLUS PATER MUNUS LACRYMABILE POS[UIT]. HIC ADEO MERGELLINAM ADAMAVIT, UT AD EAM, INFIRMUS FERRI, ET IN EA MORI AC SEPELIRI VOLUERIT ANNO MDLXI
  12. ^ Sull'opera si veda in particolare: Scipione Volpicella, Principali edificii della città di Napoli, in Storia dei monumenti del Reame dell Due Sicilie, tomo II, parte 1, Napoli: Stamperia del Fibreno 1847, p. 662.
  13. ^ Giuseppe Mormile, Descrittione dell'amenissimo distretto della città di Napoli, Napoli, Ad istanza di Pietro Antonio Sofia libraro, 1617, p.12. Si veda anche Benedetto Croce, Storie e leggende napoletane, cit.; Matilde Serao, Leggende napoletane, Modena, E. Sarasino, 1891.
  14. ^ Cesare D'Engenio Caracciolo, Napoli sacra, Napoli, per Ottavio Beltrano, 1623, p. 665.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Napoli e dintorni, Touring club Italia, Touring Editore, 2001.
  • Benedetto Croce, Storie e leggende napoletane, Napoli, Adelphi, 1999 (ristampa).
  • Idem, La tomba di Jacobo Sannazzaro e la chiesa di S. Maria del Parto, in "Napoli Nobilissima", I (1892), 5, p. 70.
  • Iacopo Sannazaro. La cultura napoletana nell'Europa del Rinascimento, a cura di Pasquale Sabbatino, Firenze, Olschki, 2009. ISBN 978-88-222-5847-2

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]