Chiesa di Santa Maria del Carmine (Pavia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°11′14″N 9°09′11″E / 45.187222°N 9.153056°E45.187222; 9.153056

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Edificio religioso}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
La facciata della chiesa di S.Maria del Carmine
Interno della chiesa

Santa Maria del Carmine è una delle maggiori chiese di Pavia ed è uno degli esempi più belli dell'architettura del gotico lombardo. Fu iniziata nel 1374 per volontà di Gian Galeazzo Visconti su progetto attribuito a Bernardo da Venezia. La sua costruzione proseguì lentamente, fu ripresa nel 1432 ed ultimata infatti solo nel 1461. Restaurata fra il 2006 e il 2010.

Facciata[modifica | modifica wikitesto]

L'imponente facciata, che domina l'omonima piazza, non nasconde nella sua forma slanciata a capanna un'ispirazione architettonica romanica, ma le decorazioni sono indubbiamente collocabili nel gotico lombardo. I sei pilastri con guglie dividono la facciata in cinque campi verticali nei quali si inseriscono i tre portali, che sono frutto di un rifacimento ottocentesco di Giuseppe Marchesi (1854). Sopra i portali si trovano quattro grandi bifore a sesto acuto ed un elaboratissimo rosone in cotto.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno, molto suggestivo e caratterizzato da una mistica penombra, si eleva su una pianta a croce latina ed è costituito da tre navate e da numerose cappelle laterali, ricchissime di affreschi e di dipinti.

Le più importanti sono:

Vi è un trittico ligneo del pittore Bernardino Lanzani, raffigurante la Madonna in trono tra i SS.Agostino e Ambrogio, tempera su tavola, databile agli inizi del XVI sec. (tra il 1508 e il 1510 ca.).

Nel transetto le pareti mostrano numerosi e preziosi affreschi quattrocenteschi, mentre la grande sacrestia (1576) presenta una facciata ricca di stucchi barocchi.

Un accenno particolare merita il tabernacolo gotico (1449) e l'altare marmoreo del presbiterio.

Campanile[modifica | modifica wikitesto]

Risalente al 1450 circa, svetta elegante sulla città; è adornato da numerosi fregi e caratterizzato da una trifora adorna di colonne di marmo. Con i suoi 75 metri di altezza è la più alta torre campanaria di Pavia ed una delle più alte d'Italia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]